Brian Laundrie (23) confessa in un taccuino perché ha ucciso la sua fidanzata Gabby Petito (22) | All’estero

In una delle pagine, pubblicata tra le altre sul sito della CNN, Brian Laundrie confessa perché ha ucciso Gabby Petito. Secondo quanto riferito, è stato tutto il risultato di un tragico incidente nel Grand Teton National Park, dove la coppia era in visita la scorsa estate. “Una tragedia inaspettata”, dice Laundrie. Scrive che ha avuto una sfortunata caduta e stava soffrendo atrocemente.

I suoi appunti, ben scritti con inchiostro blu, iniziano con un messaggio personale per Gabby: “Vorrei essere al tuo fianco in questo momento. Vorrei poterti parlare ora. Laundrie afferma di aver fatto tutto il possibile per confortare Gabby mentre le sue condizioni peggioravano. Piangeva per il dolore e tremava costantemente per il freddo. Ma alla fine, non ce la faceva più e decise di ucciderla.

“Non so fino a che punto è arrivato il suo dolore, tutto quello che so è che stava soffrendo molto. Ho posto fine alla sua vita, ho pensato che fosse misericordioso, ecco cosa” voleva, ma ora vedo tutti gli errori che ho fatto Ero in preda al panico, ero sotto shock, ma dal momento in cui ho deciso di portare via il suo dolore, ho capito che non potevo andare avanti senza di lei.

Il taccuino è stato trovato il 20 ottobre in una borsa vicino al suo corpo. Era fuggito nella riserva di Carlton, vicino alla sua casa a North Port, in Florida. Lì si è sparato alla testa. Ne scrive anche lui. “La sto finendo non perché ho paura di essere punita, ma perché non sopporto di dover andare avanti senza di lei per un altro giorno”.

READ  Gli ultimi desideri di Raffaella Carrà: cosa ha chiesto

spiacente

Nel suo libretto esprime ancora i suoi rimpianti, soprattutto per quello che ha fatto alla sua stessa famiglia. “E’ uno shock per loro ma anche una terribile tristezza… Per favore, non complicate loro le cose, è successa come una tragedia inaspettata”.

Gabby Petito e Brian Laundrie hanno dominato le notizie per settimane la scorsa estate. Gli influencer hanno dato ai loro 169.000 follower un assaggio del viaggio che i due hanno fatto con il loro furgone attraverso gli Stati Uniti. Fino al disastro.

La famiglia di Petito, 22 anni, ha lanciato l’allarme all’inizio di settembre dopo che Laundrie è tornata a casa in Florida senza la sua ragazza, rifiutandosi di rivelare dove si trovasse Petito. Giorni dopo, l’uomo è fuggito poco dopo che il corpo della sua ragazza è stato trovato morto in un parco nazionale del Wyoming. Gabby è stata uccisa per strangolamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.