Bruxelles esorta i Paesi Bassi ad affrettarsi a chiudere il caso delle indennità, critica il ministro del lobbying |  All’estero

Bruxelles esorta i Paesi Bassi ad affrettarsi a chiudere il caso delle indennità, critica il ministro del lobbying | All’estero

I diritti fondamentali in gran parte dell’Europa, e certamente in Polonia e Ungheria, versano in una triste situazione. I Paesi Bassi sono uno dei paesi meno corrotti al mondo. Ma ora deve concludere d’urgenza il caso di risarcimento – e quindi rimborsare le vittime – e diffidare della porta girevole: ministri che si mettono troppo in fretta al servizio di un gruppo di interesse.

Lo afferma la relazione annuale sullo Stato di diritto che la Commissione europea ha pubblicato questo pomeriggio. Il trasferimento dell’ex ministro Cora van Nieuwenhuizen (VVD, Infrastrutture e gestione delle acque) all’organizzazione settoriale delle società energetiche non è menzionato in modo specifico, ma è chiaro che una tale politica delle porte girevoli non è possibile per Bruxelles.

I ministri devono osservare un periodo di riflessione di due anni, secondo il rapporto. E deve esserci un codice di condotta chiaro con regole per l’accettazione di doni, attività accessorie e lobbying, comprese le sanzioni per le violazioni. Questa è la terza volta che la Commissione europea pubblica un rapporto sullo stato di diritto e la prima volta che formula raccomandazioni concrete per ciascuno Stato membro.

Bruxelles critica Polonia e Ungheria

Non sorprende che Bruxelles sia molto critica nei confronti della magistratura in Polonia e Ungheria, che, nonostante anni di pressioni, è ancora lontana dall’essere indipendente. In entrambi i paesi c’è anche discriminazione contro le minoranze. La Polonia deve ancora adottare misure concrete prima di poter rivendicare i “suoi” miliardi dal fondo per il recupero della corona, denaro che è già stato rilasciato in conformità con una controversa decisione della Commissione. Il piano di ripresa dell’Ungheria è ancora in attesa di approvazione.

READ  Ripristinata l'alimentazione alla centrale nucleare di Chernobyl, il personale è ancora incarcerato

Secondo l’iniziatrice e eurodeputata del D66 Sophie in ‘t Veld, il vantaggio della relazione annuale è che anche la Commissione si impegna ad agire: prima scrivere una relazione critica sulla Polonia, ad esempio, poi contribuire con denaro dopo tutto non è possibile senza mettere a repentaglio la tua propria credibilità. , note In ‘t Veld. Allo stesso tempo, lei e gran parte del Parlamento concludono che la Commissione e il Consiglio (gli Stati membri) non stanno facendo abbastanza se alcuni Stati membri trascurano sistematicamente i diritti fondamentali e i valori europei anno dopo anno, minando così il sostegno a una migliore conformità.

Ci sono serie preoccupazioni

La Commissione e gli Stati membri lo hanno consentito in Ungheria, che secondo il rapporto è ora diventata “un sistema ibrido di autocrazia elettorale”. Tutto ciò che può andare storto andrà storto, secondo il Parlamento europeo. Non è un caso che sia ormai accertato che sussistono serie preoccupazioni sul funzionamento della Costituzione e sull’equità delle elezioni, sull’indipendenza della magistratura, sulla corruzione e sul conflitto di interessi.

Il Parlamento è anche preoccupato per la privacy e la protezione dei dati, la libertà di espressione, la libertà accademica e religiosa, il diritto alla parità di trattamento (in particolare per le persone LGBTI, Rom, ebrei, migranti, richiedenti asilo e rifugiati). “Sono in dialogo con il governo ungherese”, ha affermato il commissario alla Giustizia Didier Reynders. “Continueremo a utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione, amministrativi e di bilancio, per agire contro le violazioni”.

Anche il progresso

La vicepresidente Vera Jourová, responsabile dei valori e della trasparenza: “Stiamo anche facendo buoni progressi in tutti i tipi di aree, compresa la lotta alla corruzione”. Uno dei nuovi istituti che secondo lei aiuterà in questo è il pubblico ministero europeo.

READ  'La battaglia non può essere vinta così': Soldato morale russo in Ucraina imbronciato e arrabbiato

Secondo Tineke Strik (GroenLinks), la relazione della Commissione dimostra che la situazione dei diritti fondamentali si sta deteriorando, ora che ci sono grandi preoccupazioni anche in Bulgaria, Grecia, Romania, Malta e Slovenia, in particolare per quanto riguarda la libertà di stampa e la lotta contro la corruzione. “Sono anni che la Commissione non attribuisce conseguenze concrete alle violazioni dello stato di diritto. Ora vediamo dove ci sta portando: la garanzia dei diritti fondamentali per una società democratica e libera è in declino in un numero sempre maggiore di paesi dell’UE. »

Guarda tutti i nostri video di politica qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *