Cattiva condotta I fan del PSV hanno motivato Van Bronckhorst: “L’autista dell’autobus era in preda al panico” |  ADESSO

Cattiva condotta I fan del PSV hanno motivato Van Bronckhorst: “L’autista dell’autobus era in preda al panico” | ADESSO

Giovanni van Bronckhorst è stato l’uomo famoso dei Rangers dopo aver guidato il club in Champions League a spese del PSV per la prima volta in dodici anni. Una macchia sul successo è stato il comportamento scorretto dei tifosi del PSV, che di notte hanno fatto esplodere fuochi d’artificio nell’hotel dei giocatori scozzesi e hanno attaccato l’autobus dei giocatori poco prima del calcio d’inizio. Van Bronckhorst ne ha tratto solo motivazione.

Van Bronckhorst ha giocato nelle finali europee, nelle migliori partite di Mondiali e Campionati Europei e più volte nell’intensa Classica tra Feyenoord e Ajax. Ma l’ex giocatore dell’FC Barcelona, ​​​​Feyenoord e la nazionale olandese non l’avevano nemmeno sperimentato.

Prima della partita cruciale contro il PSV, gli autobus dei Rangers sono stati bloccati da centinaia di fan del PSV. Fu solo dopo quindici minuti di attesa in mezzo a una folla di persone che i giocatori e Van Bronckhorst poterono essere lasciati all’ingresso principale. A quel punto, il danno era già fatto.

“C’erano solo fan intorno a noi che imbrattavano e sputavano sull’autobus”, ha detto Van Bronckhorst nella sua conferenza stampa post-partita. “Non vuoi arrivare per una partita importante come questa. L’autista del secondo bus con metà squadra a bordo è partito in preda al panico perché la situazione era gravissima”.

Questo autobus non è arrivato fino a venti minuti dopo, un’ora e dieci minuti prima del calcio d’inizio. Questo è stato un motivo sufficiente per Van Bronckhorst per chiedere alla UEFA di posticipare il calcio d’inizio, ma la Federcalcio europea ha respinto la richiesta. Di conseguenza, la partita al Philips Stadium è iniziata “normalmente” alle 21:00.

READ  Sneijder si aspetta che Heitinga lasci l'Ajax: "L'hanno distrutto"

L’incidente non è un caso isolato: nella notte di martedì o mercoledì sono stati accesi fuochi d’artificio nell’hotel dei giocatori dei Rangers. “Purtroppo, sembra farne parte in questi giorni”, ha detto Van Bronckhorst. “In effetti, ce l’abbiamo in tutte le trasferte europee. Ora è stato due volte: alle 2 e alle 4:30 e anche durante la pausa pomeridiana. Ora possiamo innescare noi stessi i fuochi d’artificio grazie alla vittoria di oggi”.

“Questo è sempre più vicino al mio momento più bello”

Van Bronckhorst ha sfruttato tutto il rumore della preparazione durante l’incontro per motivare ulteriormente i suoi giocatori. “L’ex manager Walter Smith era solito dire: ‘I Ranger devono sempre trovare un modo per vincere la partita, qualunque cosa accada. L’ho detto prima della partita e si è avverato”.

Agli occhi di Van Bronckhorst, i Rangers si meritavano in pieno la vittoria per 0-1 a Eindhoven, anche se iniziata da un errore del difensore del PSV André Ramalho dopo l’intervallo. “Nel primo tempo la fiducia nell’avversario era già scesa. Solo che non abbiamo segnato un gol. Per noi è una grande vittoria”.

Van Bronckhorst, ad esempio, ha ottenuto un ulteriore successo con i Rangers, dove lavora dal novembre dello scorso anno. Con la superpotenza, l’ex giocatore del club ha vinto la Coppa di Scozia la scorsa stagione e si è qualificato per la finale di Europa League, perdendo ai rigori contro l’Eintracht Frankfurt. È stata la prima finale europea dei Rangers in quattordici anni.

Ora è la prima apparizione in Champions League dal 2010. “Sono molto orgoglioso perché so cosa significa questo per il club”, ha detto Van Bronckhorst. I Rangers sono scesi al livello professionale più basso della Scozia un decennio fa a causa del fallimento.

READ  Italia-Serbia di Coppa Davis in diretta: Kecmanovic sconfigge Musetti, ora Sinner-Djokovic

“Poi eravamo al punto più basso della storia. Ci è voluto molto duro lavoro per portare il club qui. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a questo. Questo si avvicina al mio momento migliore della mia carriera. Misurare la vetta assoluta d’Europa . Tutti noi vogliamo operare su questo palco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *