La NASA si schianterà contro un asteroide il prossimo mese per proteggere la Terra

La NASA si schianterà contro un asteroide il prossimo mese per proteggere la Terra

Presto la sonda spaziale DART arriverà alla sua destinazione finale. Stiamo già guardando avanti, con cinque domande e risposte urgenti.

Il conto alla rovescia può iniziare, perché tra poche settimane, il 26 settembre, la navicella DART arriverà sull’asteroide Didymos. Il veicolo spaziale speronerà la luna di questo sistema binario nel tentativo di cambiare la sua orbita. Promette di essere una missione entusiasmante che, si spera, ci darà maggiori informazioni su come possiamo proteggere la Terra da un prossimo futuro. E per essere pienamente informati su questa missione, abbiamo elencato i fatti più importanti per te.

1) Chi sono DART e Didymos?
DART (abbreviazione di Test di doppio reindirizzamento dell’asteroide) è un veicolo spaziale costruito dalla NASA e lanciato lo scorso novembre. DART è un veicolo spaziale molto semplice. Vi è quindi un solo strumento a bordo, ovvero lo strumento DRACO (Didymos e telecamera da ricognizione di asteroidi per Op-nav). Questo strumento scatterà foto importanti dell’asteroide verso il quale DART si sta dirigendo da mesi. Inoltre, questo include anche il sistema di navigazione autonomo.

Didymos è l’asteroide verso cui DART si sta dirigendo. Didymos (in greco per gemelli) è un sistema binario composto da due parti. Didymos A ha un diametro di 780 metri. Intorno a Didymos A, orbita un corpo celeste più piccolo di circa 160 metri. Questa luna, chiamata Dimorphos, orbita ogni 11 ore e 55 minuti.

1) Cosa accadrà il 26 settembre?
Il 26 settembre è il cosiddetto “DART Impact Day”. L’intenzione è che la navicella DART si schianti deliberatamente contro la piccola luna quel giorno. Quindi l’idea è che la navicella DART si schianterà sulla luna Dimorphos. E a più di 6 km/sec (circa nove volte più veloce di un proiettile). Per inciso, Dimorphos non è pensato per essere completamente fatto saltare in aria; l’agenzia spaziale statunitense prevede solo di creare un piccolo cratere. I ricercatori sperano che l’impatto alteri solo leggermente l’orbita della Luna. Toccando delicatamente la roccia spaziale, se tutto va come previsto, viene forzata una piccola variazione della velocità orbitale.

READ  F1, Lewis Hamilton invia un messaggio alla Mercedes

Tecnica dell’impatto cinetico
La missione DART utilizzerà la cosiddetta tecnica dell’impatto cinetico. Implica toccare delicatamente una roccia spaziale, forzando un piccolo cambiamento nella velocità orbitale. DART dimostrerà la tecnica e da osservatori terrestri determinerà il cambiamento nell’orbita della luna. Ciò darà agli scienziati di tutto il mondo l’opportunità di saperne di più sull’impatto cinetico e se questa è una strategia di lavoro per la deflessione degli asteroidi.

3) Qual è lo scopo dell’incarico?
L’obiettivo è regolare leggermente l’orbita di Dimorphos. E poiché Dimorphos fa parte di un sistema binario, è relativamente facile calcolare la traiettoria personalizzata dopo che DART l’ha raggiunta. Gli scienziati sperano di saperne di più sul fatto che una tale tecnica, in cui la direzione di una roccia spaziale viene deviata da un impatto, sia una strategia funzionante. In questo modo, le rocce spaziali in rotta di collisione con la Terra potrebbero essere potenzialmente evitate in futuro. In breve, la missione ci aiuterà a capire meglio come proteggere il nostro prezioso pianeta da un futuro prossimo potenzialmente pericoloso. Perché anche se non vogliamo pensarci troppo, in futuro una roccia spaziale potrebbe trovarsi inaspettatamente in rotta di collisione con la Terra. E poi, ovviamente, dobbiamo sapere come affrontare tali pericolosi oggetti vicini alla Terra che potrebbero potenzialmente danneggiare il nostro pianeta.

4) Qual è la probabilità che un asteroide sia in rotta di collisione con la Terra nel prossimo futuro?
Sebbene gli impatti gravi sulla Terra siano estremamente rari, non sono nemmeno inconcepibili. Inoltre, la Terra viene bombardata dallo spazio più spesso di quanto si possa pensare. Ogni giorno, ad esempio, dallo spazio cadono sulla Terra tra le 80 e le 100 tonnellate di materiale sotto forma di polvere e piccoli meteoriti (frammenti di asteroidi che si disintegrano nell’atmosfera terrestre). Per miliardi di anni il nostro pianeta è stato bombardato da asteroidi grandi e piccoli. E una o due volte al secolo, un oggetto “grande” colpisce la terra. Pensiamo ad esempio ai 17 metri di larghezza Meteorite di Chelyabinsk, che ha scosso la città russa di Chelyabinsk nel 2013. Di conseguenza, gli astronomi stanno attualmente scansionando il cielo notturno alla ricerca di parenti potenzialmente pericolosi. E questa ricerca sta andando bene. Nel frattempo, si stima che gli astronomi abbiano tracciato e mappato circa il 90% di tutti gli oggetti vicini alla Terra più grandi di un chilometro. Di conseguenza, ora sappiamo che nessun asteroide attualmente conosciuto rappresenta una seria minaccia per la Terra entro i prossimi 100 anni. Ma si sospetta che ci sia ancora un gran numero di oggetti più piccoli che non abbiamo ancora notato. La grande sfida ora è mappare tanti asteroidi più piccoli (fino a circa 140 metri di dimensione) che sono anche in grado di causare danni.

READ  Juve, doppietta per Agnelli: fissa la partita per il futuro di CR7, poi Donnarumma | Nuovo

Quali danni potrebbe causare un asteroide delle dimensioni di Dimorphos se colpisse la Terra? A 160 metri, Dimorphos è una roccia spaziale di cui gli scienziati sono molto preoccupati. Un asteroide di un chilometro o più potrebbe addirittura annunciare estinzioni di massa su scala globale. Ciò significa che una luna come Dimorphos, se teoricamente si schianta sulla Terra, potrebbe già causare gravi devastazioni regionali.

5) Cosa succede dopo la missione?
Quando DART colpisce Dimorphos il 26 settembre, i ricercatori sperano di studiare l’impatto fatale e le sue conseguenze immediate con telescopi a terra e nello spazio. Le conseguenze del bombardamento saranno poi mappate anche dal CubeSat italiano chiamato LICIACube. LICIACube viaggia con DART e si separerà dalla navicella una decina di giorni prima dell’incidente. LICIACube si librerà circa tre minuti dopo la collisione con DART e produrrà immagini spettacolari. Nel 2024 verrà poi lanciato anche CubeSat HERA, che indagherà ulteriormente sulle conseguenze dell’attacco. Il satellite si avvicinerà alla superficie della luna fino a 200 metri. Ciò consente a Hera di produrre immagini ad alta risoluzione: 2 cm per pixel. In particolare, i ricercatori vogliono ottenere immagini nitide del cratere che DART lascerà sulla Luna.

Fondamentalmente, la missione DART è una specie di esperimento in ciò che la NASA chiama “difesa planetaria”. Se mai un asteroide potenzialmente pericoloso si dirigesse verso la Terra, potremmo essere in grado di prevenire un impatto con le conoscenze e le abilità che acquisiamo durante la missione DART. Quindi non dobbiamo preoccuparci di Didymos, non rappresenta una minaccia per la terra. La missione è solo una missione dimostrativa per vedere se una tecnica in cui la direzione di una roccia spaziale viene deviata da un impatto funziona.

READ  Il produttore di piastrelle interviene contro le molestie, ma si spinge un po' meno lontano di Apple - Tablet e telefoni - Notizie

Sarà anche emozionante sapere se l’obiettivo prefissato verrà raggiunto. La NASA spera di dare a Didymos solo una “piccola spinta”. Ma uno studio pubblicato di recente lo dimostra DART potrebbe colpire la luna molto più duramente del previsto. E questo può cambiare drasticamente l’esito della collisione. Quindi non vediamo l’ora. Ancora un mese di pazienza e ne sapremo di più…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *