Charles chiede ai sudditi di giurare fedeltà all’incoronazione

Charles chiede ai sudditi di giurare fedeltà all’incoronazione

Carlo III e Camilla

Notizie ONS

Il re Carlo d’Inghilterra chiederà ai sudditi di tutto il mondo di giurargli fedeltà durante la sua incoronazione. Dalla liturgia diffusa oggi per la cerimonia di sabato, il “coro di milioni di voci” è chiamato Omaggio del Popolo.

“Giuro davvero di essere fedele a Vostra Maestà e ai vostri successori”, è stato chiesto di pronunciare i partecipanti a casa e nell’Abbazia di Westminster, concludendo con “Allora aiutami, Dio Onnipotente”. Quando poi l’arcivescovo di Canterbury grida “Lunga vita al re”, il popolo deve rispondere “Lunga vita al re Carlo, che viva per sempre”.

Questa parte arriva subito dopo l’ascesa al trono ufficiale di Carlo, quando lo stesso arcivescovo e suo figlio Guglielmo giurarono fedeltà al re. Sostituisce il tradizionale Nobility Tribute che è sempre seguito, quando i nobili britannici riconoscevano ufficialmente il loro signore feudale.

“Questo è un momento nuovo e importante nella tradizione dell’incoronazione”, ha affermato l’arcidiocesi in una spiegazione. “Mai prima d’ora il grande pubblico ha avuto l’opportunità di unirsi a personaggi nazionali nel dichiarare la propria fedeltà al nuovo monarca”.

Speroni, spada Impero e bracciali

Carlo modificò anche altre parti dell’incoronazione, secondo la liturgia pubblicata. Per la prima volta, anche i leader di altre comunità religiose, come musulmani, indù, buddisti, ebrei e sikh, hanno un ruolo da svolgere. Ad esempio, presentano al re insegne non esplicitamente legate alla fede cristiana, come gli speroni reali, la spada imperiale e i braccialetti tradizionali.

Un’altra innovazione che Charles ha introdotto dopo l’ultima incoronazione, quella della madre 70 anni fa, è l’uso delle quattro lingue del Regno Unito. Originariamente utilizzato solo in inglese, ora c’è un canto in gallese, gaelico scozzese e irlandese e una nuova preghiera Kyrie in gallese, Arglwydd, trugarha (Il Signore ha misericordia).

momento più sacro

Oltre ai nuovi articoli, ci saranno anche abbastanza pezzi che durano da secoli. La sedia dell’incoronazione è in uso dal 1399. La sedia ospita la pietra di Scone, che è stata utilizzata da tempo immemorabile per incoronare i re scozzesi e successivamente britannici.

Anche l’abbigliamento che Charles indossa è tradizionale: è il cappotto di velluto di seta cremisi e viola che suo nonno Giorgio VI indossava alla sua incoronazione nel 1937. Il cappotto di Camilla, un tempo realizzato per la madre di Charles, presenta alcuni dettagli personali aggiunti: insetti come api e scarafaggi. , un riferimento all’amore per la natura della coppia reale.

Ecco come viene incoronato re Carlo:

Gioielli della corona, olio santo e scena del balcone: ecco come viene incoronato Carlo

Anche questa volta non si vedrà il momento più sacro dell’incoronazione. L’unzione dell’arcivescovo sarà mascherata da schermi. Anche all’incoronazione di Elisabetta, la prima trasmessa in televisione, le telecamere si sono poi rispettosamente spente.

Gli schermi “rappresentano la presenza di Dio in questo sacramento”, spiega la diocesi. “È l’unico momento di intimità che il re ha durante il servizio, in modo che possa contemplare come è stato chiamato da Dio”. L’Arcivescovo ungerà poi la testa, il petto e le mani di Carlo con l’olio del Monte degli Ulivi, consacrato dal Patriarca greco-ortodosso e dall’Arcivescovo anglicano di Gerusalemme.

READ  Panel sbalordito quando la faccia seria di Op1 appare come una drag queen: "Significa molto" | mostrare

La cerimonia si conclude con le congratulazioni dei leader religiosi coinvolti al re incoronato, in quanto capo della Chiesa d’Inghilterra e loro “prossimo nella fede”. Questa proclamazione non sarà amplificata elettronicamente in modo che il rappresentante ebreo non infranga le regole del sabato.

I primi fan sono ora pronti per intravedere il nuovo re nel corso della giornata:

Questo ventaglio è ora pronto per l’incoronazione del re Carlo III

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *