“Chiamare Putin criminale di guerra non aiuta”

Noll sottolinea che l’accusa di Biden non ha ramificazioni legali. “Se non altro perché gli Stati Uniti non hanno firmato il trattato per l’istituzione della Corte penale internazionale all’Aia. Parlare di genocidio avrebbe più conseguenze”. Sia gli Stati Uniti che la Russia hanno firmato e ratificato la Convenzione sul genocidio, che mira a prevenire il genocidio.

Gatto nell’angolo

L’esperto russo Hubert Smeets ha osservato che l’agenzia di stampa statale russa Ria Novosti ha semplicemente riportato le osservazioni accusatorie di Biden senza risposta da parte delle autorità russe. Seguì un’ora dopo: il Cremlino parlò di “retorica inaccettabile e imperdonabile”.

Sembra intenso, ma l’impatto delle dure parole di Biden a Mosca probabilmente non è eccezionale, pensa Smeets. “Sta solo aggiungendo benzina sul fuoco. Putin infatti ha già cancellato la registrazione degli Stati Uniti. Quello che succede sul campo di battaglia, la resistenza dell’esercito ucraino, è molto più importante perché questo accada al tavolo delle trattative”.

Ma l’accusa del presidente americano non è saggia, ritiene l’esperto della piattaforma giornalistica Raam op Russia. “No. Con un’affermazione del genere, metti all’angolo il gatto ancora di più.”

Putin sta diventando sempre più radicale nei suoi discorsi alla televisione di stato russa. Ieri il presidente russo ha parlato di ‘traditori e criminali’ che aiuterebbero l’Occidente, aggiungendo che il popolo russo dovrebbe ‘sputarli fuori come zanzare’.

diffidare

Smeets sa quanto sia diventato veramente radicalizzato Putin. “Non sappiamo cosa gli stia succedendo. Sta nella sua casa di campagna. Non sappiamo chi ha accesso a lui e come sta. Ma questo aumenterà solo la sua sfiducia nei confronti dell’Occidente”.

READ  Covid, OMS: 160 casi al minuto in Europa | EU: green pass dal 1 giugno | Vaccini, speranza: le regioni seguono l'età

Allo stesso tempo, Putin non si preoccuperà troppo delle parole di Biden. “Se il cancelliere tedesco Scholz lo dicesse, lo troverebbe più noioso. La Russia ricava ancora gran parte del suo prodotto nazionale lordo dall’Europa”.

Il ministro della Difesa ucraino ha invitato l’UE a bollare il leader russo come criminale di guerra, come Biden. Questo non è successo finora. “I leader europei sono più riservati, almeno finora”.

Lo vede anche Jörg Noll. “I leader europei sanno che possono ancora svolgere un ruolo importante nel conflitto. Macron e Scholz hanno telefonato a Putin lo scorso fine settimana. Possono ancora svolgere un ruolo per uscirne”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *