Magie del gioco online: ecco cosa attrae il pubblico

Ma chi ha detto che gli avventori dei casinò siano tutti uguali? C’è chi passeggia incuriosito e allo stesso tempo intimorito da schermi luccicanti e personale in livrea, mentre altri scattano selfie di fronte alle meraviglie architettoniche di contorno, come la finta Venezia di Macao: una riproduzione ad arte di quella vera. Ci sono gli scaramantici, che cercano la slot fortunata tra mille, oppure il tavolo che sembra promettere fortune, per poi restarci seduti tutta la notte. Altra razza sono, invece, i giocatori professionisti, salutati da uscieri e croupier e che conoscono ogni angolo della sala, inclusi i pochi centimetri dove la musica è più soffusa, oppure la luce al grado giusto per favorire la massima concentrazione. Il gioco, infatti, può essere puro divertimento e sfida della sorte, ma anche un’arte in cui vincere non è più una questione di fortuna, ma di abilità matematiche e psicologiche per “leggere” l’avversario. Ma quali sono allora le tipologie di utenti di piattaforme online come betsport22? Cosa è cambiato nel gioco online, rispetto ai velluti e alle luci della tradizione?

Disponibili con un click dal computer, dal tablet o addirittura dagli smartphone più compatti, i siti dedicati a slot machine, blackjack e altri tavoli virtuali attraggono un pubblico potenzialmente illimitato, essendo accessibili direttamente dalla rete. Anche qui, tuttavia, esistono utenti che passano da una piattaforma all’altra con disinvoltura, approfittando dei diversi bonus offerti di volta in volta da ciascuna, mentre altri fidelizzati hanno scelto questa modalità per la comodità, la versatilità e la sicurezza che offre. Se la terza è comune a tutti i servizi online, da Amazon a DAZN, le altre due sono caratteristiche vincenti, soprattutto in tema di slot machine. L’elenco dei giochi disponibili è consultabile con un tocco di dita, o un facendo girare la rotella del mouse, come se si trattasse del menu di NOWTV. E non è necessario mettersi in coda o rinunciare alla propria macchina preferita, come avviene invece nelle sale tradizionali, perché la modalità online è accessibile a tutti nello stesso momento.

READ  "Si tratta di scuse per il fascismo": l'Anpi di Roma chiede di incriminare l'ex consigliere della Lega Nord che propone di dare a una piazza il nome di Hitler

Le grafiche mozzafiato delle slot machine sono state applicate anche alle carte o alla roulette. Una partita a poker non richiede più un numero minimo di giocatori e tutti seduti l’uno di fronte all’altro, ma nient’altro che l’apertura di un software con impostazioni personalizzabili e carte distribuite e mescolate automaticamente. Grazie alla modalità demo, anche i giocatori meno esperti, che non avrebbero mai osato sedersi al tavolo di un casinò per paura di perdere somme considerevoli, possono ora mettere prima in pratica le proprie conoscenze senza puntare alcun denaro. Una partita virtuale non si svolge necessariamente contro un computer, ma può anche coinvolgere concorrenti che si collegano alla sala nello stesso momento in modalità remota: ecco uno dei tanti vantaggi dell’operare in rete, eliminando distanze e fusi orari.

Tuttavia, l’evoluzione del gioco online ha rappresentato, in tempi più recenti, una sintesi degli opposti di memoria hegeliana. Dalla tesi iniziale, ovvero il poker o il baccarat seduti a un tavolo come nel Settecento con Antonio Casanova o al giorno d’oggi a Montecarlo, passando poi per l’antitesi delle partite virtuali, mediate da un computer. Nelle piattaforme di oggi, la mano a blackjack o il giro alla roulette sono stati riportati nel luogo originario, ovvero nelle sale reali con croupier in carne e ossa, e trasmessi in streaming sugli schermi di tutto il mondo. I giocatori del ventunesimo secolo possono quindi partecipare a un round direttamente dal proprio tablet e a tutte le ore, anche in una pausa dal lavoro o prima di dormire, provando però la stessa adrenalina dell’essere seduti di fronte agli altri concorrenti, con il rumore delle carte mescolate e la voce del croupier.

READ  Degustazione di vini italiani a La Bodega '87 con Alessandro Matrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.