Chiesa, il no a un nuovo attaccante, aggiornamento sui rinnovi: conferenza stampa di Daniele Pradè

Daniele Pradè, direttore sportivo della Fiorentina, ha tenuto ieri una conferenza stampa per fare il punto sul calciomercato del club viola. Nel giorno dell’acquisto ufficiale di Giacomo Bonaventura, ecco le parole del regista: Innanzitutto il mio primo pensiero è che non ci vediamo da molto tempo. Almeno da gennaio. Oggi è il nostro primo incontro e il mio primo pensiero è per Alessandro Rialti che non posso avere qui davanti a lui. Lo adoro. Quindi chiarirò subito qualcosa. Ho preso un caffè con Macia e vado a pranzo. È lì per le sue faccende personali ma ho dovuto incontrarlo perché è una grande amicizia e mi confronto sempre a lui ”.

L’arrivo di un attaccante è una priorità o no?
“Sono contento della squadra che abbiamo. Al momento abbiamo cinque attaccanti che sono Cutrone, Chiesa, Kouamé, Ribéry e Vlahovic. Dimmi? Abbiamo fatto un investimento a gennaio su Kouamé e anche su Cutrone. Vlahovic dobbiamo essere d’accordo: per noi è un giocatore forte. Nelle altre squadre ci avvaliamo di giovani forti. Chiesa e Ribéry non si discutono. Chiarisco quindi con grande trasparenza questa situazione “.

Il ritorno di Borja Valero con Benassi all’Hellas?
“Stiamo parlando, stiamo pensando. Tutti abbiamo impiegato qualche ora per vedere come si sta evolvendo la situazione. Marco è un giocatore forte che ha bisogno di spazio. Qui forse ha poco e vediamo cosa ne pensa. Di Borja Je non ho niente da dirti. È uno dei giocatori più forti mai acquistati “.

Hai un budget di mercato e c’è una responsabilità da ammortizzare?
“Rispondo dell’esecutivo: quello che stiamo vivendo è anormale, l’economia mondiale nel suo insieme, non solo il calcio. Non ci sono stadi o sponsor. Lo stiamo vivendo in questo mercato. vedi, grandi affari senza uscita, non ce ne sono. Commisso non mi ha mai dato un problema di budget. Il nostro tetto salariale è molto alto rispetto alle situazioni precedenti. L’unico giocatore che non rientra nel piano e chi è un giocatore forte è Boateng. Tutti gli altri sono nel passato e stiamo cercando di risolvere tutto. Commisso è un presidente forte che ha anche parlato chiaramente delle sconfitte. Sarà una stagione ancora più difficile “.

Il rinnovo delle scadenze nel 2022-2023?
Vlahovic non mi preoccupa perché abbiamo ancora tre anni di contratto. Dobbiamo aspettare il 6 ottobre per parlare con gli altri. Tutti sanno cosa pensano i giocatori. Il presidente è stato chiaro su Chiesa: se c’è Adattate le offerte, mettetele in condizione di uscire, lo avremmo venduto, ma queste condizioni oggi non esistono. Chiesa si sta comportando molto bene e noi continuiamo così. Il 6 ottobre parleremo diversamente. Oggi ”. hui Chiesa è della Fiorentina e lo considero tale. Parleremo a fine mercato. Il più difficile è Milenkovic, ma sa quello che pensiamo. Per noi è molto forte. La situazione è chiara: si è in una società forte. Quello che ti preoccupa, cioè scadere, non è preoccupato perché siamo una società forte e abbiamo un contratto biennale. Con Pezzella sono stato chiaro: lo considero come il capitano Volevamo davvero riportare Biraghi perché gioca nell’Europeo e l’allenatore lo ha chiesto.

READ  La Juve aspetta Suarez, ma a Barcellona è la resa dei conti. E Milik può sbloccare Dzeko

Fino alla fine, se dovessi dire un numero di opportunità in entrata, quante potrebbero essercene?
“Se è la squadra, io rimarrò così. Vogliamo aumentare gli investimenti, come quelli di Amrabat e Kouamè. Igor ci crediamo fermamente. Abbiamo un centrocampista solido e siamo pieni nei reparti. Abbiamo un modulo con due attaccanti e ne abbiamo 5. Lui può. Gli manca un esterno a sinistra da alternare a Biraghi e un extra centrale, calcolando che abbiamo due gare senza Europa. Sono qui per assumermi la responsabilità delle scelte . Parlo con voi e con il presidente: credo che questa squadra sia forte, alla quale dobbiamo dare seguito a quanto deciso lo scorso anno. La crescita di Lirola, Vlahovic o anche Pulgar. Queste sono tutte giocatori che sono venuti l’anno scorso e devo difenderli perché credo in loro. Sono sereno. Quindi il nostro è un processo di crescita continua. Cosa vogliamo fare quest’anno? Migliorare ancora di più da l’anno scorso. è difficile. Quest’anno abbiamo ancora un Ribéry che speriamo venga preservato. Chiesa aveva problemi fisici. io all’inizio, ora l’abbiamo intatto. La difesa, se rimane così, si è dimostrata solida. I numeri parlano a nostro favore. Poi deve essere il campo: se le cose si fanno male, la responsabilità è mia, non di Commisso. Io Vlahovic e gli altri vogliono migliorarli. In questo momento in mediana abbiamo Castrovilli, Amrabat, Duncan, Bonaventura, Pulgar e Benassi. Dietro abbiamo due portieri molto forti. Dragowski è in Nazionale e Terracciano è affidabile. Devo tenere i piedi per terra e sono convinto di quello che ti sto dicendo. Posso essere criticato, ma solo alla fine del nostro lavoro. Tutto può essere migliorato. Se prendo Dzeko, fa chiaramente la differenza. Tutti lo vogliono e penso che lo sia. ”

Come è stato organizzato l’organigramma e la sua autonomia nel mercato?
“Sono un direttore sportivo e spero che il presidente abbia grande fiducia in me. Discuto di tutto, anche con Barone. Lavoro tanto in squadra e mi piace condividere le scelte. Sulle cose bene o non fatte bene. Ci sono situazioni in cui ho totale autonomia e in altre in cui non la prendo perché il presidente ha ragione ad avere l’ultima parola. Lo fa per aiutarmi. vicinanza a Barone. Mi sento protetto e sento di poter lavorare bene “.

READ  Hellas-Roma 0-0 alla fine del primo tempo. Ospiti più pericolosi, ma che emozione alla fine

Torreira è ancora attuale oggi?
“E ‘un giocatore forte, una grande partita, ma con i giocatori che abbiamo possiamo fare molto. E’ un giocatore forte, ma pensiamo che il centrocampista ora sia completo in questo modo”.

Di Rossi?
“Stiamo parlando di quattro mesi fa. Non c’è mai stato niente. Rinunciano al tempo che trovano”.

Iachini?
“La scelta di Iachini è stata condivisa da tutti e tutti crediamo in lui. Vediamo come va la stagione con il contratto. Anche io ho il contratto in scadenza ma questo non mi preoccupa. Con Commisso, però. lavori bene, continui tutta la vita, i rapporti con Iachini sono ottimi ”.

Thiago Silva?
“Da qualche parte ho letto che l’agente mi ha parlato, ma non gli ho mai parlato e lo conosco molto bene. Non gli ho mai parlato”.

Ci sono giocatori non trasferibili?
“Non abbiamo messo un giocatore sul mercato. Non abbiamo chiamato per vendere nessuno. Non vedo un mercato che possa svegliarsi il 5 ottobre. Vedo che tutti vogliono dare valore ai giovani. giocatori, ma anche per sperimentare ciò che hanno a casa. crisi significativa e dobbiamo lavorare tutti per farla superare il prima possibile. Calcola che abbiamo una proprietà che mette i soldi per sistemare di persona Presidente “.

Se ne avessi la possibilità, rafforzeresti maggiormente l’attacco o il centrocampo?
“Credo nei miei giocatori e devo credere fortemente in loro. Spero che l’anno scorso per Vlahovic sia stato un anno per capire il calcio italiano. Abbiamo avuto molte situazioni per lui. Spero che tutti farà del suo meglio. Ci vogliono tante cose da prendere, chi mi puoi garantire che stia facendo meglio del mio? Solo i migliori giocatori possono farlo ma quest’anno è impossibile “.

La squadra è già all’altezza degli obiettivi più ambiziosi?
“Le situazioni possono sempre migliorare, ma siamo convinti di avere una squadra forte e solida. Vediamo che dallo scorso anno abbiamo già tanti nuovi giocatori. Non hai mai avuto Amrabat. Bonaventura ci crede fermamente. Me. Devo credere anche nel lavoro fatto sugli altri ”.

READ  "Suarez, duello Juve-Barcelona: partenza dall'Atletico Madrid"

Quanto è importante coinvolgere Bonaventure e coinvolgere giocatori più esperti?
“Penso che abbiamo alcuni giocatori importanti nella squadra che ci permetteranno anche di crescere in modo caratteristico”.

Cutrone?
“Esiste un obbligo di rimborso su una percentuale di partite giocate”.

Mandzukic?
“Non ne ho mai sentito parlare”.

Da Paul?
“Non c’è mai stato niente quest’anno. È un giocatore che conosco molto bene. È impossibile non avere giocatori sbagliati. Riportare giocatori che hanno torto significherebbe cambiare lavoro. Non ne fa parte. tatticamente i nostri piani. ”

La squadra più attraente della scorsa estate?
“Ora siamo considerati un club forte. Ho avuto quella sensazione l’anno scorso con il cambio di proprietà. I ​​giocatori sono attratti dal nostro club. Se devo dirtelo, sono contento di quello che stiamo facendo. “Crescita graduale. Dobbiamo fissare degli obiettivi e vedere quali hanno fatto meglio. Dobbiamo guardare Atalanta, Lazio. Prendiamo l’esempio delle situazioni virtuose “.

Il mercato è chiuso a parte MP Biraghi?
“Non lo dico ma dico che la squadra è già competitiva”.

Qual è il punto?
“Per migliorare la scorsa stagione. Stai sempre a sinistra del tavolo e non aver paura di nessuno”.

Difesa?
“Non sono sicuro che non accadrà nulla. Saremo forti perché vogliamo mantenere tutti”.

Agudelo?
“Probabilmente oggi finiamo con lo Spezia. Torna al Genoa e poi va allo Spezia”.

Milik e Piatek sono possibili star con cui puoi fare i conti?
“Sono due giocatori molto forti. Uno è al Napoli e l’altro all’Hertha e non abbiamo avuto contatti con loro”.

Ribéry è considerato un attaccante nella tua forma?
“Giochiamo 3-5-2 ma poi deciderà come giocare domenica dopo domenica. Vediamo Ribery come uno dei due ovviamente”.

Cosa può dare Bonaventura?
“Queste sono le cose che arriveranno tra pochi giorni. Raiola è venuto a trovarci e mentre parlavamo me l’ha offerto. Non l’avevano ancora chiusa, ho parlato con Iachini e Commisso e in quattro giorni l’abbiamo avuta. centrocampista flessibile che segna gol e ci porterà esperienza e maturità. Sono contento che sia con noi. ”

Settore giovanile: quanto sei soddisfatto e se ci saranno nuove aggiunte alla dirigenza?
“Lo seguiamo con attenzione e non arriveranno nuovi numeri. Commisso è molto interessato. Abbiamo la massima fiducia in Angeloni e siamo partiti molto bene con una vittoria. Cercheremo di migliorare e cercare di fare acquisti mirati per il futuro della prima squadra “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *