Chronicle: Ajax – Il Feyenoord sarà la Classica più importante da anni

Chronicle: Ajax – Il Feyenoord sarà la Classica più importante da anni

Il classico ha perso gran parte del suo splendore per anni. La partita più importante della stagione, tra i più grandi e i migliori club del Paese, ha davvero solo il suo nome. Ci sono diverse ragioni per questo. Ad esempio, il divieto di cinque anni per i tifosi in trasferta ora è durato quasi tre volte di più. Inoltre, ad Amsterdam, il duello è raramente emozionante ea Rotterdam, l’Ajax esce regolarmente dal campo come vincitore. Una vittoria al Feyenoord è così rara che un’eccezione del genere viene celebrata lì come se il campionato fosse appena stato vinto. Con l’avvicinarsi di una classica, c’è una tensione sempre meno intensa e una grande pressione, ma quest’anno è diverso. Questa sarà la Classica più importante per anni.

2 aprile 2017. È stata l’ultima volta che c’è stata almeno tanta pressione su una classica nella Johan Cruijff ArenA come questa domenica. La competizione era in una fase simile a quella di questa stagione, anche se l’Ajax era in condizioni molto peggiori. La squadra di Amsterdam era a sei punti dai rivali storici del Rotterdam e c’erano ancora sette partite di Eredivisie da giocare, compreso il reciproco pareggio. Se l’Ajax ha vinto, era solo tre punti dietro e la corsa al titolo era di nuovo completamente aperta. Se Ajax e Feyenoord pareggiano, il 34esimo titolo nazionale del club nella storia è molto lontano. Se la squadra di Rotterdam vola via con i tre punti, l’Ajax potrebbe scriversi questo titolo a pancia in giù.

Il giorno della partita in questione, vado in metropolitana con il mio compagno di partita pieno di eccitazione e anticipazione. Niente batte la sensazione che tutto sia in gioco in un duello che può andare in qualsiasi direzione e non avevo mai vissuto The Classic (spesso) così emozionante e importante come questo. Vorrei sottolineare l’importanza di questa partita per il mio compagno di gara e discutere il piano di battaglia pianificato. “Deve essere chiaro al Feyenoord fin dal primo minuto che non c’è davvero niente da guadagnare ad Amsterdam oggi. Non importa cosa, non faranno avanzare il titolo qui.

READ  Ferrari, Mekies: "Sviluppi nella giusta direzione" - F1 Team - Formula 1

Non so se Lasse Schöne ha ascoltato di nascosto, ma ha risposto alla mia chiamata, e con lui tutto l’Ajax. Manca meno di un minuto alla partita quando l’Ajax realizza un calcio di punizione ben lontano dalla porta avversaria. Schöne calcia e il pallone fa una curva tale che, dalla mia posizione sul secondo anello Sud, ho l’impressione che sia comunque toccato. La pelletteria colpisce il fondo della barra e per una frazione di secondo c’è questo silenzio speranzoso ma ansioso. Poi è chiaro che è seduto e possono scoppiare gli applausi.

Cado tra le braccia del mio compagno e poi di tutti i giocatori dell’Ajax che sono un po’ a portata di mano, ruggenti di gioia. Un uomo a caso dietro di me mi afferra la testa e la scuote per un attimo, prima che mi lasci andare mi giro (sempre euforico) e i miei pugni verso la palla dei giocatori che ora stanno prendendo posizione nella propria metà campo. L’Ajax è gratuito.

Quello che segue è un primo tempo da morire dall’Ajax. Questo è l’Ajax al meglio in questa stagione sotto Peter Bosz: frivolo, feroce, innovativo e pieno di passione. È incoraggiante, soprattutto perché l’Ajax sta fallendo quella stagione completamente come vorrebbe il fan. Basato sul trio offensivo con l’esordiente di base David Neres, Bertrand Traore e Justin Kluivert, supportato dai due trequartista Hakim Ziyech e Davy Klaassen, l’Ajax ha battuto il Feyenoord dall’area al muro nel primo tempo.

Questo crea un’atmosfera fantastica, quasi europea nella Johan Cruijff ArenA. Il 2-0 sta arrivando, lo sentono tutti, ma se c’è qualcosa che non va nell’Ajax è che non gestisce le occasioni con molta attenzione. Dopo 36 minuti, finalmente è arrivato il momento. Ziyech lancia la palla bassa verso il secondo palo dove Neres deve solo speronarlo. Ancora una volta la Johan Cruijff ArenA è gremita, ancora una volta i membri sugli spalti volano in tutte le direzioni e ancora una volta chiedo qualcosa in più alle mie già sovraccariche corde vocali.

READ  L'allenatore Thomas Tuchel condurrà il Chelsea al Lille in minibus, se necessario | Calcio

Il segnale dell’intervallo è accolto da applausi e applausi per il gol contro un avversario più modesto. La gente è così felice, orgogliosa e sollevata dal gioco dell’Ajax. Tutti attendono con impazienza il secondo tempo in cui l’umiliazione dell’arcirivale deve essere completa.

Tuttavia, non lo farà. L’Ajax mantiene il controllo della partita, ma non è più così minaccioso e bravo come nel primo atto. Anche l’atmosfera nello stadio ne risente. Per quanto l’ArenA stesse girando prima dell’intervallo, improvvisamente è così docile. Con grande dispiacere del pubblico di casa, il Feyenoord è persino riuscito a segnare il 2-1 nei minuti di recupero dopo uno scarso breakout, tramite Michiel Kramer. Non c’è niente di più eccitante e l’Ajax finalmente adempie al compito più importante, vincere. All’uscita dello stadio, però, prevale un sentimento misto: abbiamo vinto, ma ci sarebbero stati molti più abitanti.

Questa domenica, l’Ajax giocherà finalmente un’altra classica con grandi interessi. Il vantaggio sul PSV è di due punti, il che significa che ogni passo falso ora può essere fatale. Allo stesso tempo, l’Ajax incontrerà un Feyenoord che in questa stagione promette di essere un avversario potenzialmente formidabile in uno scontro reciproco. Inoltre, dopo l’eliminazione emotivamente anticipata in Champions League, l’Ajax ha solo un modo per chiudere bene la stagione e cioè con la scalata.

Motivo sufficiente, in altre parole, per far esplodere tutto domenica dal primo minuto. Per chiarire subito che non c’è assolutamente nulla da guadagnare per il Feyenoord ad Amsterdam. Una vittoria di domenica assicura all’Ajax di entrare nella pausa per le nazionali con almeno due punti di vantaggio sul PSV. Un pareggio probabilmente significa che solo l’enorme differenza di differenza reti mantiene la squadra di Amsterdam in cima alla classifica. Una sconfitta aprirebbe inutilmente la corsa al titolo. Inoltre, a favore del PSV, ammesso che si stabilisca con Fortuna Sittard in casa. Quindi non c’è spazio per il gioco, non c’è tempo per piangere la perdita di martedì scorso. Devi vincerla domenica, perché da anni è la Classica più importante.

READ  L'FC Groningen invia una lettera arrabbiata alla KNVB per il tanto discusso cartellino rosso per De Kuip | Calcio

Barrie Bademba (Twitter: @Bademba__Barrie † E-mail: [email protected])

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *