Ci sono pochi progressi con Ever Given

L’enorme nave portacontainer che è rimasta bloccata nel Canale di Suez da martedì, e che sta ritardando e complicando le spedizioni internazionali, è ancora lì. È stata smentita una dichiarazione degli armatori giapponesi di Ever Given – che è il nome della nave, mentre Evergreen è il nome della compagnia – che ci fosse qualche speranza di liberarla entro sabato, e attualmente le previsioni di cui parlano i più ottimisti. partenza. della prossima settimana. I tentativi in ​​corso hanno dato scarsi risultati, ma i numeri e le macchine in azione stanno aumentando in previsione di ulteriori operazioni nel fine settimana. Se non funzionano, ci stiamo preparando per un piano alternativo molto più lungo e laborioso. Nel frattempo, gli Stati Uniti sono l’ultimo paese ad offrire assistenza all’Egitto per superare la situazione di stallo.

(TECNOLOGIE EPA / MAXAR)

Finora, l’approccio adottato è stato quello di fiancheggiare Ever Given, che è 400 metri più lungo dell’Empire State Building, con diversi rimorchi su entrambi i lati, e allargare le rive del canale con gli escavatori. Tirando la nave avanti e indietro, l’obiettivo è di farla girare abbastanza da rilasciarla. Ma è un’operazione delicata, e comunque fino ad ora non ha dato risultati concreti. Il lavoro è stato poi affiancato da draghe che stanno lavorando per rimuovere alcune decine di migliaia di metri cubi di sabbia dai fondali marini intorno a Ever Given. Questa operazione, unita ad un alleggerimento del carico della nave, potrebbe farla tornare a galla, consentendo di navigare nuovamente lungo il canale.

(AUTORITÀ CANALE EPA / SUEZ)

giovedi lui lavora lì un team di esperti olandesi che in passato si sono occupati di operazioni marittime complesse come Sottomarino russo K-141 Kursk dal fondo del mare di Barents. Peter Berdowski, il capo della compagnia olandese, ha paragonato la situazione di Ever Given a quella di una balena arenata.

READ  Stati Uniti, Biden vuole riapplicare nel 2024

Nella migliore delle ipotesi, il tentativo in corso potrebbe liberare la nave tra domenica e lunedì. Berdowski ha spiegato che cercheranno di sfruttare il fatto che la poppa della nave non è completamente nel fango, a differenza della prua. Il dragaggio del fondo sta raggiungendo le sue fasi finali e nuovi rimorchiatori arriveranno nel fine settimana: con un momento di alta marea, Berdowski dice che se tutto va bene il canale può essere ripulito all’inizio della prossima settimana. Il timone, la piastra fissata dietro l’elica che dà la direzione alla nave, è stato liberato.

Se invece le cose andranno male, l’unica alternativa sarà continuare a scavare argini e fondali, procedendo allo stesso tempo ad un’operazione di alleggerimento più massiccia e laboriosa: spostare alcuni dei ventimila container presenti sul sito, nave. a terra utilizzare gru alte poche decine di metri ed evacuare parte del carburante e dell’acqua che si depositano in alcuni spazi dello scafo. Ciò potrebbe richiedere settimane, avvertono gli esperti, e bisogna fare attenzione a non sbilanciare la nave e rischiare di rompersi. Una volta spostato, bisognerà vedere in quali condizioni si trova il fondale, i cui movimenti potrebbero complicare la navigazione anche in assenza di Ever Given.

(AUTORITÀ CANALE EPA / SUEZ)

Ci sono 276 navi in ​​attesa di attraversare il Canale della Manica, a nord, a sud e nel Great Bitter Lake, secondo Si stima che le agenzie Leth, che si occupano del traffico sul canale, abbiano oltre 8 miliardi di euro di merci al giorno bloccate a causa di Ever Given. Decine di navi che devono spostarsi dall’Asia all’Europa e viceversa pianificano invece di deviare le loro rotte percorrendo gli oltre 5.000 chilometri che servono per fare il giro del Capo di Buona Speranza, e quindi dell’intero continente africano, che potrebbero impiegarne dieci più giorni.

READ  Bambino di 3 anni abbandonato con il suo cane al cimitero la vigilia di Natale, volevano i genitori

– Leggi anche: Com’è fatto il Canale di Suez

Le conseguenze commerciali del blocco sono difficili da calcolare e dipenderanno fortemente dal tempo necessario per liberare la nave. I traffici marittimi sono abituati ad adattarsi agli imprevisti e si ritiene che se il canale verrà sgomberato entro lunedì, i danni saranno contenuti. Ma un ulteriore ritardo può causare problemi, soprattutto per carichi di prodotti in decomposizione o di dispositivi medici. Anche le fabbriche automobilistiche europee, con catene di approvvigionamento molto strette, sono motivo di preoccupazione. È probabile che i porti del Nord Europa diventino sovraffollati, mentre i costi della spedizione via mare aumenteranno drasticamente se sarà necessario viaggiare in Africa per un periodo di tempo, richiedendo molto più carburante, oltre al costo di gestione di una nave portacontainer.

(Samuel Mohsen / dpa)

La compagnia di assicurazioni Allianz ha stimato perdite tra i 5 e gli 8,5 miliardi di euro a settimana per il commercio internazionale, e in questi giorni i costi del trasporto del petrolio sono già quasi raddoppiati a causa della crescente domanda. Un blocco di una settimana influenzerà in particolare i costi di trasporto della nafta e di altri combustibili dall’Europa all’Asia, in particolare per le piccole navi, affermano gli esperti. I prezzi globali del petrolio sono già aumentati del 3 per cento, ma questa è la bassa stagione per la domanda internazionale di petrolio greggio e gas naturale liquefatto, e quindi l’impatto del blocco è un po ‘meno grave.

(EPA / KHALED ELFIQI)

– Leggi anche: La storia del Canale di Suez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *