MotoGP, Rossi: “Per fortuna a trovarmi dietro Bagnaia, faceva paura”

Oggi Valentino Rossi non avrebbe potuto trovare miglior aggancio sulla pista di Losail. In qualifica ha seguito Bagnaia nel giro record, riferimento che lo ha sicuramente aiutato a ottenere il 4 ° tempo che gli consentirà di partire dalla seconda fila della gara.

Non era niente di programmato, ho avuto la fortuna di essere nel posto giusto – ha spiegato Valentino – Voglio congratularmi con Pecco, era spaventoso. Iniziare la stagione in una nuova squadra con la pole è il massimo, Penso che sia un ottimo interprete della Ducati perché è riuscito a modificare il suo stile di guida per aggirare i problemi e sfruttare le caratteristiche della sua moto..

Anche per il Dottore si è trattato della prima qualificazione con una nuova divisa, quella della Petronas.

“In effetti, sono molto felice – ha affermato – Anche per me è stato un buon modo per iniziare l’anno, con il secondo treno di gomme mi sono sentito a mio agio, sono riuscito a guidare bene senza commettere errori e mi sono divertito, anche se purtroppo non era abbastanza per la prima linea. . Vengo da test non fantastici ma negli ultimi anni ho capito che in MotoGP tutto può cambiare da sessione a sessione e non bisogna mai mollare. Tuttavia, è molto importante andare avanti per la gara.“.

Ecco la gara. Dove può andare Valentino? Il podio è un obiettivo possibile?

Difficile dirlo adesso – la risposta – Nelle FP3 e nelle FP4 ho faticato ma sapevo che sarebbe successo perché avevo le gomme usurate male. Abbiamo anche provato a fare delle modifiche alla moto che non andavano bene. Oggi il mio passo non è stato dei migliori, dovremo tornare sui nostri passi e vedremo. Volevo anche provare la gomma media perché se faceva caldo sarebbe stato difficile fare tutta la gara con gomme morbide. L’auspicio è trovare buone condizioni, per noi piloti e soprattutto per i tifosi che aspettano con impazienza questa prima gara “.

READ  Rabiot, che casino! La Juve inciampa sulle regole, i francesi escono contro l'Udinese | Prima pagina

Il problema sarà lottare contro le Ducati, perché volano in linea retta. Come ha dimostrato Zarco superando i 362 km / h.

Penso che batterà ancora questo record, la coppia Zarco e Ducati è bravissima in questo senso e al Mugello andrà sicuramente più veloce. – predizione – È pericoloso? Già dopo 330 all’ora diventa così, so che i tifosi sono entusiasti per alcuni numeri, ma è pericoloso. A proposito di noi, abbiamo ridotto un po ‘lo svantaggio sul rettilineo, ma questo conta comunque ed è il motivo principale per cui è difficile lottare con la Yamaha, devi sorpassare in curva ma poi ti prenderanno passare sulla linea retta. Morbidelli è uno dei migliori interpreti della M1 perché va avanti, corre e vince, Non so cosa succederà in questa gara ma sarei felice di finire tra i primi 5 “.

Parlando di Franco e Pecco, Valentino ha anche assunto per un po ‘il ruolo di capo dell’Academy.

Sono fiero di loro. Va bene anche perché i costruttori credono molto nel lavoro del VR46, sanno che i nostri piloti sono seri, veri professionisti. La Ducati infatti si è fidata anche di Bagnaia e di mio fratello, ma poi fanno la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *