epicentro di San Giovanni Rotondo- Corriere.it

Forte shock di terremoto poco prima delle 15:00 alle Mare Adriatico Centrale. Secondo dati forniti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il magnitudine 5.6 e la profondità di 5 chilometri.

I primi dati, forniti del Centro Sismologico Euro-Mediterraneo, ha parlato di una magnitudine leggermente superiore di 5,9, con una profondità di 60 chilometri.

Chiodo secondo shock, 13 minuti dopo il primo, aveva una magnitudine provvisoria di 4,1, secondo l’Ingv, e una profondità di 10 chilometri. UNA terzo shock, intensità 3,4, è stata registrata alle 15:12, a una profondità di 7 chilometri.

Il terremoto è stato avvertito distintamente in diverse regioni – Marche, Puglia, Abruzzo, Campania e Lazio. Tanta paura e segnalazioni sui social network, tra le altre città, da Bari , San Giovanni Rotondo, Pescara, Roma, Napoli e Avellino.

Lo shock deriva da avissuto dalla popolazione – sottolinea in un tweet il Dipartimento della Protezione Civile, riferendosi alla scossa principale -. La Sala Situazione Italiana in contatto con le strutture di Protezione Civile della zona.

Numerose le telefonate ai vigili del fuoco nelle zone dove si è fatto sentire il terremoto, ma dal comando generale riferiscono che, per il momento, le sale operatorie non ci sarebbero rapporti sui danni.

READ  Ubi, Consob concede ad Intesa altri due giorni. E l'oops è già oltre il 50%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *