Cindy ha scoperto di avere l’autismo in tarda età: “Vai da un dottore!  »

Cindy ha scoperto di avere l’autismo in tarda età: “Vai da un dottore! »

Si è sempre sentita diversa, ma è solo dopo 44 anni che capisce perché. Cindy Laros (47) di Roosendaal ha scoperto solo in età avanzata di avere l’autismo. In occasione della Giornata mondiale dell’autismo, condivide la sua storia: “Mi dispiace tanto di averlo scoperto solo ora”.

Foto del profilo di Raymond Merkx

Cindy ha subito abusi fuori casa da bambina. Lei non vuole dire altro al riguardo. Nel 2017 è andata in terapia per questo. Durante i suoi trattamenti, gli operatori sanitari hanno notato che c’era dell’altro. “Ti fidi solo di loro, i terapisti continuano a cambiare lavoro. È stata una vera lotta.” Fu solo dopo dieci caregiver e tre anni dopo che fu fatta la diagnosi redentrice: autismo.

“All’inizio ero molto contenta. Ora lo risolveremo: passerà”, ha pensato dopo la diagnosi tardiva. “Poi è arrivata la frustrazione che non è affatto possibile. Non andrà mai via.”

In tutti gli anni precedenti, non aveva mai pensato all’autismo. “Mi sentivo solo, ma non capivo perché.” Né il suo ambiente. “Un insegnante fastidioso spesso gridava: devi guardare le persone quando parli, avremo problemi dopo”. Durante le valutazioni del suo lavoro, ha sentito che non era socievole. Era così. “Non essere così difficile”, o “Tutti sono un po’ autistici”, si sentiva spesso dire dagli altri.

“Così può restare nascosto.”

Secondo il suo allenatore di autismo, Cindy non fa certo eccezione. “Vedo spesso che una diagnosi viene fatta in ritardo, soprattutto nelle donne”, afferma Esther Oomen dell’azienda Sentirsi bene con l’autismo nel migliore. “Mostrano comportamenti socialmente desiderabili e si adattano il più possibile. In questo modo possono rimanere nascosti”.

READ  Stephen King: Dominante nel genere horror da cinquant'anni (e smettere non è un'opzione) | Libri & Cultura

“Ho passato tutto questo per tutta la mia vita. Mi dispiace così tanto di non averlo scoperto fino a quando non sono diventata vecchia”, dice Cindy. “Il lavoro dei miei sogni era lavorare con giovani difficili da educare, magari con il giusto coaching che sarebbe stato possibile in passato”.

De Roosendaalse ora lavora come magazziniere presso DSV Moerdijk. Dopo essere stato a casa per 1,5 anni, il lavoro è di nuovo possibile con aggiustamenti. Ad esempio, ha orari fissi, non deve lavorare il sabato e può saltare gli straordinari. Ora ha anche sessioni con la sua allenatrice Esther.

Cindy spera di ispirare gli altri con la sua storia. “Spero che le persone che dubitano di essere autistiche vadano dal loro medico generico. Che oseranno fare il grande passo”.

LEGGI ANCHE:

Betacompany aiuta i disoccupati di lunga durata con autismo a trovare lavoro: “hanno molto talento”

Il suo autismo limita Mayke quotidianamente, ma la scrittura è il suo sfogo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *