I tuoi amici ti stanno salvando la vita

I tuoi amici ti stanno salvando la vita

Questa scoperta è un importante pezzo del puzzle nello studio delle amicizie, come si formano e quale effetto hanno sul nostro corpo.

Quest’area di ricerca può sembrare banale, ma le amicizie hanno un enorme effetto sulla tua salute: senza i tuoi amici, il tuo rischio di morire sarebbe molto più alto.

Il cercatore conta i tuoi amici

I ricercatori generalmente dividono le tue relazioni sociali private in tre gruppi: famiglia, relazioni sentimentali e amici/conoscenti.

I membri della famiglia svolgono un ruolo molto importante molto presto nella tua vita e aiutano a plasmare chi sei. Ma durante la tua adolescenza, i tuoi genitori e fratelli perdono gradualmente la loro posizione di modelli, e invece i tuoi amici e fidanzati diventano sempre più importanti nel plasmare le tue scelte.

Negli adulti, una relazione sentimentale risponde a un bisogno fondamentale di intimità e familiarità. Ma quando la relazione è finita, anche il contatto è finito.

Le amicizie, invece, sono più flessibili e possono durare tutta la vita con più o meno intensità. Ad esempio, un’amicizia molto stretta alle elementari può estinguersi in seguito, ma poi riaffiorare quando gli amici hanno un lavoro stabile e una famiglia.

Anche il numero di amicizie nella tua vita è probabilmente molto più alto del numero di altre relazioni. Nel 1993, l’antropologo britannico Robin Dunbar scoprì quanti amici potevamo gestire.

Ha scoperto una correlazione tra le dimensioni del cervello dei primati e il numero di animali nel loro branco. Ha concluso che le persone possono avere relazioni sociali significative e stabili con 150 persone. Circa cinque di loro sono amici molto intimi, dieci sono amici intimi, 35 sono amici occasionali e il resto sono conoscenti casuali.

La grande differenza tra i tuoi dieci buoni amici e i tuoi cinque migliori amici è l’altruismo. Ti senti un buon amico e ti conforta nei momenti difficili con parole o azioni che non ti chiedono troppo. Ma i tuoi migliori amici ti stanno aiutando, anche se questo significa mettere da parte i tuoi bisogni per un po’.

Naturalmente, la teoria di Dunbar non è vera e il numero di relazioni sociali varia notevolmente da persona a persona. Lo stesso vale per il grado di prossimità. Ad esempio, gli estroversi tendono ad avere più amicizie ma spesso più sciolte, mentre gli introversi hanno meno amici ma più stretti.

La chiave dell’amicizia

Le amicizie strette hanno qualcosa di molto speciale in comune. Il sociologo Reuben Thomas l’ha scoperto quando, nel 2019, lo era indagine tra 1.077 americani. Ha chiesto loro di rispondere a una serie di domande sugli amici con cui trascorrevano più tempo libero.

Innanzitutto, è diventato chiaro dove e quando nascono in media molte amicizie. In giovane età, è principalmente a scuola e in altri corsi di formazione, mentre gli adulti di solito trovano i loro nuovi migliori amici al lavoro. Per le persone anziane nuove amicizie strette nascono proprio nel quartiere e attraverso il volontariato.

Nella vita, conosciamo anche le persone attraverso le persone. Nei primi anni, principalmente attraverso i nostri genitori, e successivamente, i bambini possono davvero aiutare i loro genitori a stringere nuove amicizie.

Ma Reuben Thomas ha scoperto qualcos’altro. Solo il 13% delle nuove amicizie nate all’inizio della vita sono tra bambini e giovani di diversa estrazione etnica. Questa cifra sale al 23% in età adulta, ma la tendenza generale è chiara: tendiamo a fare amicizia con persone che ci somigliano.

Il risultato corrisponde a un americano studio del 2001, in cui si afferma che l’etnia è il fattore più importante per stabilire amicizie. L’età viene dopo, e risulta essere un attento ascoltatore.

Nel 72% di tutte le amicizie maschili la differenza di età era inferiore agli otto anni e nel 38% dei casi gli amici erano separati solo da due anni. Inoltre, spesso cerchiamo amici tra persone con il nostro stesso tipo di istruzione e lavoro.

Una nuova ricerca mostra che abbiamo alcuni altri – e molto meno ovvi – tratti in comune con i nostri amici.

I tuoi amici hanno un buon odore

Nel 2022, un neuropsicologo ha scansionato Filippo Shaw il cervello di 125 scolari, molti dei quali erano nella stessa classe ed erano amici. Le scansioni hanno mostrato che più le amicizie sono strette, maggiore è la somiglianza tra l’attività cerebrale dei bambini nelle reti coinvolte nel comportamento sociale.

Secondo Shaw, ciò significa che i bambini si comportano allo stesso modo nei contesti sociali. E questa somiglianza nel comportamento sociale aiuta i bambini a stringere amicizie strette.

Una somiglianza più sorprendente tra amici è stata scoperta in un altro Ricerca dal 2022. Il neurobiologo israeliano Noam Sobel ha rintracciato 20 coppie di amici che erano amici da una media di sei anni e sono diventati amici subito dopo essersi conosciuti.

Ai 40 amici è stato chiesto di dormire due notti di fila con una maglietta di cotone, che assorbisse l’odore del loro corpo. I ricercatori hanno poi analizzato gli odori delle 40 magliette utilizzando un cosiddetto naso elettronico.

Ad esempio, si è scoperto che gli amici avevano molti più odori in comune tra loro che con gli estranei. Quindi le persone che diventano amiche si sentono subito allo stesso modo.

Noam Sobel ha già utilizzato una telecamera nascosta dimostrato che tendiamo a sentire la nostra mano destra dopo aver salutato l’altro con una stretta di mano. Secondo il ricercatore, questo indica che usiamo il nostro naso per cercare nuovi amici.

Quindi, se senti una connessione istantanea con uno sconosciuto, potrebbe essere perché hai inconsciamente notato che quella persona ha il tuo odore.

L’amicizia combatte i virus

Non importa cosa ti ha portato insieme ai tuoi amici, dovresti dire un grande grazie a tutti loro. Perché sono una parte importante di ciò per cui vivi.

Un numero di studi mostra che le amicizie sono essenziali per la nostra salute fisica e mentale. Ad esempio, le amicizie sono circa il 50% migliori dell’esercizio fisico per ridurre i livelli di stress e promuovere una visione positiva della vita.

E gli effetti delle amicizie sono profondi. Poi psicologo Sheldon Cohen Infettando più di 1.000 soggetti di test con il comune virus del raffreddore nel 2005, ha scoperto che solo il 34% delle persone con molte connessioni sociali diverse si è ammalato, rispetto al 61% delle persone con pochi amici.

I test di follow-up hanno dimostrato che le persone con grandi reti sociali non si ammalano così rapidamente perché il loro sistema immunitario è più forte.

I tuoi amici proteggono anche le tue cellule grigie. Man mano che invecchi, il tuo cervello si restringe e questo spesso influisce sulle tue capacità mentali, ma può essere evitato se puoi parlare con qualcuno.

Mentre un orecchio che ascolta non può impedire al tuo cervello di restringersi, l’amicizia può aiutare a compensare la perdita di cellule cerebrali, ha scoperto un nuovo studio. studio. In questo modo, le capacità mentali possono essere preservate, mentre il rischio di Alzheimer è ridotto.

Ancora più forte è la conclusione di a meta-analisi dal 2010. Ha riunito i risultati di 148 studi che insieme avevano seguito almeno 300.000 persone per diversi anni. Ha dimostrato che con un buon social network di molti amici con cui trascorri molto tempo, hai una probabilità del 50% di sopravvivere per i prossimi 7,5 anni.

Quindi, se ti annoi di nuovo a una festa, fatti nuovi amici.

READ  Crescere i figli in modo più rigoroso? Piuttosto no, aumenta il rischio di problemi psicologici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *