Civili ancora intrappolati nel rifugio del teatro Mariupol a causa dei combattimenti di strada |  Guerra ucraina

Civili ancora intrappolati nel rifugio del teatro Mariupol a causa dei combattimenti di strada | Guerra ucraina

L’evacuazione delle vittime dal teatro bombardato nella città portuale ucraina di Mariupol è stata ritardata a causa dei combattimenti di strada scoppiati in città, ha detto sabato il sindaco di Mariupol all’emittente televisiva britannica BBC.

Secondo quanto riferito, oltre l’80% degli edifici a Mariupol è stato danneggiato o completamente distrutto. Uno di questi edifici è il teatro nel centro della città. Lì, circa un migliaio di ucraini si nascondevano nel seminterrato quando fu bombardato dai russi. Il sindaco Vadim Bojchenko ha affermato che le squadre di soccorso possono rimuovere i detriti e liberare le persone solo quando i combattimenti si saranno placati. “Ci sono carri armati e artiglieria e diversi tipi di armi sparate nella zona. Le nostre forze stanno facendo tutto il possibile per resistere, ma ci sono molte più truppe nemiche delle nostre”, ha detto Bojchenko.

Le autorità ucraine hanno riferito alla fine di venerdì che non ci sono state vittime nell’attentato al teatro, ma il presidente Volodimir Zelensky ha fatto eco a ciò nel suo videomessaggio notturno, dicendo che non ci sono ancora morti informazioni sul numero di persone uccise nell’attacco. Ha detto che circa 130 persone sono state salvate. Non si sa ancora quante persone siano state rilasciate nelle ultime 24 ore, secondo il sindaco.

Il teatro distrutto da una bomba.

Il teatro distrutto da una bomba. © Documento Azov tramite Reuters

Una persona è nota per essere rimasta gravemente ferita nell’attacco aereo. Il rifugio antiaereo sotto l’edificio era un punto d’incontro per i civili in cerca di protezione. La Russia nega ogni responsabilità per l’attacco. Facebook mercoledì ha cancellato diversi post del governo russo. Ha affermato falsamente che il bombardamento di un reparto di maternità, anche a Mariupol, non è mai avvenuto. Queste informazioni errate sono state condivise sull’account dell’ambasciata russa e di un ministero, tra gli altri. Messaggi simili stanno circolando su Twitter e Telegram.

L’esercito russo è dilagante qui perché, secondo i media statali russi, la città è una roccaforte di fascisti e neonazisti. Mariupol ospita il famigerato Battaglione Azov, attivo nella lotta contro i separatisti filo-russi nella regione del Donbas. Presumibilmente sarebbero stati commessi crimini di guerra. Il battaglione Azov, nato da teppisti razzisti del club dell’FC Metalist Kharkov, usa i simboli nazisti come loghi. Un portavoce ha affermato nel 2015 che un quinto dei 1.000 battaglioni erano neonazisti.


accerchiamento

Circa 350.000 persone si rifugiarono dalla guerra a Mariupol. A causa dell’accerchiamento, sono bloccati nella città portuale senza elettricità, gas e acqua. Nei giorni scorsi decine di migliaia di residenti sono stati evacuati attraverso corridoi umanitari verso Zaporizhzhya, una città un po’ più a ovest dell’Ucraina, ma anche sotto il fuoco russo.

Secondo le informazioni dell’agenzia di stampa RIA Novosti, la Russia è pronta a consentire non solo ai civili ma anche ai “nazionalisti estremisti” di lasciare Mariupol con un salvacondotto. Secondo l’agenzia di stampa, i difensori ucraini della città portuale assediata di Mariupol stanno discutendo con la capitale kyiv una ritirata. Secondo la Russia, i “neo-nazisti” in città capiscono che senza ulteriori rinforzi, la loro posizione è diventata senza speranza.

Secondo un portavoce del ministero della Difesa russo, il colonnello Mikhail Mizinchev, i colloqui sono in corso da diversi giorni. I difensori del Mariupol sanno che “la situazione è senza speranza e il governo centrale di Kiev sa che non può aiutare”. Secondo Mizinchev, l’obiettivo era usare la popolazione civile come scudi umani per prevenire un massiccio attacco russo alla città.

Guarda i nostri video sulla guerra in Ucraina qui:

READ  Generale ucraino di alto rango ammette attacchi al territorio russo | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *