Come abbatteremo questo muro?  – Sfondo

Come abbatteremo questo muro? – Sfondo

“Il mio account è stato bloccato perché pensano che io abbia caricato materiale pedopornografico.” Riesci a immaginare di doverlo dire, diciamo, ai tuoi amici o ai tuoi genitori? Riesci a immaginare di dover dire al tuo partner, con il quale hai figli? Costringi gli altri a considerarti almeno per un momento come un amante della pornografia infantile. È una variante sociale di mettere la tua testa su un ceppo.

È successo comune886, quando all’improvviso non è riuscito ad accedere al suo Dropbox alla fine dell’anno scorso. Era un grande fan di Dropbox e ha esortato tutti a ottenere la versione a pagamento del servizio. “Ero un vero fan, puoi dirlo.” Fino ad allora. “Avevo scaricato file e li avevo inviati a contatti di lavoro. Lo uso molto anche per lavoro.”

Ma quando si è svegliato la mattina, non sono riusciti a scaricare i file. “E poi non sono riuscito ad accedere. ‘Il tuo account è stato sospeso’, dice.” Dopo aver contattato l’azienda, si è reso conto che c’erano sospetti che avesse caricato immagini di abusi sui minori. “Ovviamente quando l’ho detto a mia moglie, lei ha subito detto: ‘Giusto?

Seal886 non è affatto solo. Una chiama nel podcast una settimana e mezza fa ha portato a un flusso di storie e su più aziende tecnologiche del previsto. Dopotutto, nella prima storia quasi un anno e mezzo fa era principalmente Microsoft, ma le storie di tutti questi tweaker mostrano che colpisci un muro in molte altre società quando il tuo account è chiuso.

In questa prima storia, abbiamo già discusso di cosa si può fare al riguardo e se le aziende sono autorizzate a trattare i propri clienti in questo modo. Da allora sono successe molte cose, ed è esattamente di questo che si tratta: come stanno andando le cose in aziende diverse da Microsoft e gli sviluppi in quest’area da allora.

READ  Inter-Juve, vince sicuramente il calcio di Inzaghi. Allegri specula sugli episodi e pensa soprattutto al quarto posto | Prima pagina

Grazie a tutti i tweaker che hanno voluto condividere la loro storia di chiusura dell’account. Questa storia non sarebbe stata possibile senza di voi! Immagine in alto e in prima pagina: Getty Images


Nessuno contro il muro. Fonte: Pexels/Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *