come Houellebecq è finito nel film di sesso olandese che vuole bandito

come Houellebecq è finito nel film di sesso olandese che vuole bandito

La lite sullo scrittore Michel Houellebecq, che vuole vietare un film di sesso olandese che lo vede protagonista, fa parte di una lunga serie di polemiche. Come ha fatto a essere così preso dal gioco che di solito gioca con raffinatezza?

Ariejan Korteweg E Elaine Huismann

Lo scrittore francese Michel Houellebecq vuole vietare i film olandesi con immagini esplicite in cui recita un ruolo da protagonista. Ora che questa affermazione è stata respinta dal tribunale di Parigi, il campo di battaglia si è spostato ad Amsterdam. Oggi si inchina il tribunale olandese si è pronunciato sulla controversia tra Houellebecq e l’artista Stefan Ruitenbeek del collettivo Kirac, noto per i suoi controversi progetti, che ha prodotto il film. Il verdetto cadrà tra due settimane.

Houellebecq e sua moglie Qianyun Lysis Li hanno guardato il trailer, apparso online a fine gennaio (e da allora offline), con “sconcerto e orrore”. Mentre lo scrittore giace a letto, baciando una giovane donna, la voce fuori campo promette ciò che si vedrà nel film: fan curiosi che fanno sesso con il famoso scrittore mentre la telecamera riprende tutto. Furiosa per il “danno irreparabile” alla loro privacy, la coppia ha cercato di far vietare il trailer e il film in Francia.

Ora che ciò è fallito, lo scrittore in tribunale ad Amsterdam non punta le sue frecce direttamente contro il film in sé, ma contro il contratto stipulato per le registrazioni. Secondo Jacqueline Schaap, il suo avvocato olandese, il contratto è così irragionevole da violare la legge. Houellebecq non avrebbe voce in capitolo nell’uso delle immagini. Inoltre, secondo Schaap, lo scrittore era sotto l’effetto di antidepressivi e alcol al momento della firma.

Il film doveva essere presentato in anteprima l’11 marzo al complesso Betty Asfalt di Amsterdam, un giorno dopo l’uscita di Distruggerela traduzione olandese dell’ultimo romanzo di Houellebecq: Annientare. Questa premiere è stata rinviata per il momento. Ruitenbeek dice che spera di raggiungere finalmente un accordo con Houellebecq. Secondo l’avvocato di Houellebecq, lo scrittore ha insistito per un accordo, ma ci sono pochi progressi nelle trattative.

Trova un orario

L’opera dello scrittore francese Michel Houellebecq sembra spesso abitare nella zona d’ombra tra finzione e realtà. Attacchi terroristici, rivolte contadine, ascesa dell’estrema destra, turismo come ultima risorsa per le campagne, ne ha scritto prima che diventasse visibile a tutti.

Esplora questo confine anche nei film. Nel 2013 Houellebecq è scomparso per un po’; mentre doveva tenere tutti i tipi di conferenze e interviste, nessuno sapeva dove fosse. Con questo in mente, il regista Guillaume Nicloux ha realizzato un lungometraggio, L’elevazione di Michel Houellebecq, in cui lo scrittore sembra essere stato rapito da una banda. Houellebecq interpreta se stesso nel film, portando alla disperazione gli altri protagonisti, che in parte hanno un passato criminale, chiedendo ripetutamente l’elemosina per le sigarette. Per il film, gli attori sono stati riuniti per un mese senza una sceneggiatura dettagliata, dopodiché sono state utilizzate le scene migliori. Houellebecq era soddisfatto del risultato.

Questo processo è un po’ quello che aveva in mente l’olandese Stefan Ruitenbeek. Con la sua organizzazione Kirac (Keeping It Real Art Critics), dal 2016 realizza video, pubblicati sulla propria piattaforma, in cui personalità del mondo dell’arte giocano un ruolo di primo piano. Queste persone sono spesso poste in situazioni compromettenti. I film a volte fanno rumore perché i personaggi principali si pentono della loro partecipazione o sentono di essere stati mentiti.

Cifre controverse

Quest’ultimo valeva per Sid Lukkassen, un giovane filosofo legato al Forum per la Democrazia. Ha risposto a una chiamata dello studente di Amsterdam Jini van Rooijen op nessuno stile, per trovare uomini di destra a “scoparsi la figa di sinistra” per il suo progetto di laurea. L’incontro dei due è stato filmato da Ruitenbeek, inizialmente con il consenso di Lukkassen. Ad un certo momento se ne pente, dice: “Non voglio che tu usi queste immagini. Ha ritirato la sua collaborazione, ma il frammento è ancora visibile Vaso di miele, inclusi altri filmati del loro incontro.

A Ruitenbeek piace visitare personalità controverse. Anche l’artista Julian A. dell’Aia ha recentemente preso parte a una performance di Kirac. A. è processato dalla Procura della Repubblica per diverse denunce di violenze e abusi sessuali. Il lavoro di Kirac ha spesso una connotazione sessuale. Ma prima si rivolse a Houellebecq con una proposta per un progetto artistico congiunto ad Amsterdam.

Stefan Ruitenbeek del collettivo Kirac.  Statua

Stefan Ruitenbeek del collettivo Kirac.

Come Kirac, Houellebecq è interessato a tutti i tipi di attività sessuale nel suo lavoro, ed entrambi usano la provocazione come espediente stilistico. In DistruggereUn libro straordinariamente gentile nell’opera di Houellebecq in cui il sesso non ha quasi un ruolo, il personaggio principale fa l’amore pagato con una studentessa che, senza saperlo, si scopre essere sua nipote.

A novembre Ruitenbeek si reca a Parigi, accompagnato da Jini van Rooijen, che aveva preso parte al film con Lukkassen. Hanno incontrato Houellebecq e Qianyun Li, sua moglie dal 2018. Ruitenbeek aveva inviato alcuni film in anticipo. In ogni caso Vaso di miele avrebbe visto lo scrittore. “Non mi sono sbagliato quando hanno guardato”, dice Ruitenbeek. “Ma mi ha detto che l’ha sempre visto.” Lo stesso Houellebecq dice che aveva gli occhi per metà. Le scene di sesso sono state girate a Parigi, con la moglie di Houellebecq presente anche, e sono stati presi accordi per un sequel ad Amsterdam, dove, secondo Ruitenbeek, c’erano giovani donne desiderose di sesso con il famoso scrittore.

“Inclusi gli atti sessuali”

Da quel momento in poi, le versioni iniziano a divergere. Quando lo scrittore e sua moglie si sono recati ad Amsterdam il 21 dicembre, sono stati accolti alla stazione da una troupe di Ruitenbeek con una telecamera in movimento, questo è certo. Houellebecq non ne era contento, secondo l’autore, né lui né sua moglie erano stati sollecitati. Inoltre, secondo quanto riferito, il regista ha promesso alla coppia l’anonimato su loro richiesta non rendendo i loro volti riconoscibili. In una lettera aperta al regista, pubblicata sul proprio sito, Houellebecq scrive di essersi pentito di non aver gettato la macchina da presa nel primo fosso. Secondo Ruitenbeek, tuttavia, lo sapevano. “Sua moglie in realtà ha detto che ci ha messo qualcosa di carino.”

Quella sera viene firmato un contratto nella camera d’albergo degli Houellebecq, con il quale lo scrittore si concede probabilmente Ruitenbeek e Kirac con pelle e capelli. In questo contratto, che è detenuto da di Volkskrantafferma che Ruitenbeek può utilizzare qualsiasi filmato di Houellebecq e sua moglie su cui può mettere le mani, che Houellebecq partecipa al progetto gratuitamente, non ha nulla da dire, non può vedere il film in anticipo e che tutto il reddito è per Ruitenbeek.

È stato anche registrato che la coppia Houellebecq avrebbe preso parte a un film “inclusi atti sessuali e genitali”, anche se non dovrebbero essere mostrati in un’immagine con i volti riconoscibili di Houellebecq e Li. Tanto per l’anonimato; nelle immagini che mostrano “carezze, abbracci, intimità fisica e baci”, dice il contratto, sono possibili volti riconoscibili.

Contratto irragionevole

“Non ho mai letto un contratto così irragionevole e cattivo”, afferma l’avvocato Schaap. Houellebecq l’ha disegnato senza il consiglio di chi lo circondava. “Nessuno dei suoi agenti sembrava a conoscenza di ciò”, conferma la giornalista francese Sophie des Déserts, che ha scritto un profilo sul quotidiano francese Pubblicazione ha parlato a lungo con la famiglia, gli amici e i consiglieri dello scrittore. “Se ne avesse parlato con chi lo circondava, lo avrebbero sicuramente scoraggiato”. Lo conferma l’avvocato Schaap.

Nei giorni successivi alla firma del contratto si è tentato di girare scene di sesso. Secondo il regista di grande successo, secondo lo scrittore non è successo niente. Ruitenbeek dice nell’edizione francese di Vice che Houellebecq sia andato a letto con quattro donne – una bugia, secondo lo scrittore. Così fa la storia nel trailer, in cui la voce fuori campo di Ruitenbeek racconta un viaggio annullato in Marocco per il quale sua moglie Li “aveva trascorso un mese a organizzare prostitute a Parigi”. Houellebecq non ha obiezioni a un film che si spiega da sé, dice il suo avvocato Schaap, ma a “un film in cui le inesattezze sono proclamate come verità sulle quali non ha più alcun controllo”.

Houellebecq, attraverso il suo contratto con Ruitenbeek, è rimasto invischiato in un gioco che di solito gioca con tanta raffinatezza? “Questa è la domanda”, dice il giornalista Des Deserts. Houellebecq provoca, manipola e gioca con i confini tra realtà e finzione. All’improvviso ha incontrato qualcuno che lavora allo stesso modo. È un po’ come se fosse stato ferito dai suoi stessi fuochi d’artificio. Quale fosse il ritratto di Houellebecq di questo progetto rimane un mistero. Ma probabilmente non prevedeva né la portata di questo scandalo né l’inflessibilità di Ruitenbeek.

Houellebecq nel trailer del film di Kirac.  Statua

Houellebecq nel trailer del film di Kirac.

In Francia il trailer è stato visto come l’ennesima trama di uno scrittore che ha fatto della provocazione il suo marchio di fabbrica. Qualche settimana prima era ancora la volta dei musulmani: in un’intervista a fronte popolare Houellebecq ha definito un dato di fatto la teoria del complotto del ripopolamento di estrema destra e ha affermato che i francesi etnici vogliono principalmente che i musulmani smettano di “derubarli e attaccarli”. In seguito, Houellebecq ha affermato di non essere a conoscenza di ferire la comunità musulmana. Des Déserts pone queste due questioni alla luce del deludente successo commerciale di Annientare e l’atteso Premio Nobel che lo ha superato. “Il suo ultimo libro è più morbido, meno Islam e sessualità, e non ha il successo dei suoi romanzi precedenti. E all’improvviso ci sono queste dichiarazioni oltraggiose sui musulmani e un film pornografico.

pura tristezza

In cambio di Vice ha detto a Ruitenbeek all’inizio di febbraio che Houellebecq era infelice e depresso quando si sono incontrati e ne è rimasto scioccato. Tuttavia, non è un motivo per cui dovrebbe vedere il film ora. “Siamo entrambi artisti, avevamo un accordo e ci sono altre persone coinvolte. Quindi non puoi semplicemente andartene. La mia ammirazione per lui è rimasta. Mi sarebbe piaciuto avere una conversazione. Chissà, il film potrebbe non essere così male per lui.

Martin de Haan, che è in contatto regolare con Houellebecq come traduttore regolare di Houellebecq, non è contento di come stanno andando le cose. “In un momento del genere, vuoi che tutta l’attenzione sia focalizzata sull’edizione olandese del romanzo. Quel momento è ora dirottato da questo caso. Questa settimana terrò quattro discorsi nei Paesi Bassi e so già che molte domande riguarderanno questo argomento. Secondo Ruitenbeek, la coincidenza di queste date è una coincidenza. “Il libro doveva uscire prima.”

“È pura tristezza”, dice De Haan. Ci pensa Houellebecq con tutta la sua goffaggine. È estremamente intelligente, ma anche impulsivo e poco pratico. Ha chiesto allo scrittore: non eri ingenuo? La risposta di Houellebecq: ‘Sono stato stupido‘ – Sono stato completamente stupido.

READ  Pierpaolo Pretelli: "Sei super sensibile" - Grande Fratello VIP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *