Come il prezzo delle baguette influenza le elezioni presidenziali francesi

Come il prezzo delle baguette influenza le elezioni presidenziali francesi

Come il prezzo delle baguette influenza le elezioni presidenziali francesi

Alcuni mesi fa, il futuro politico di Emmanuel Macron sembrava luminoso. Ma ora la tipica baguette francese potrebbe gettare le chiavi nelle opere.

La Francia ha fatto relativamente bene negli ultimi anni. L’anno scorso la crescita economica è stata del 7%, il tasso più alto in mezzo secolo. La disoccupazione è scesa al livello più basso degli ultimi 15 anni. I francesi hanno anche beneficiato finanziariamente dei cinque anni di presidenza di Macron: tutte le fasce di reddito hanno visto aumentare il loro potere d’acquisto, ha calcolato. istituto di ricerca OFCE

Ma alla fine dello scorso anno si sono manifestati i primi segnali di aumento dell’inflazione. I prezzi dell’energia sono aumentati. E la guerra in Ucraina ha fatto salire ulteriormente i prezzi.

La popolarità di Macron

A marzo l’inflazione stimata, adeguata agli standard europei, era del 5,1%, la cifra più alta dagli anni 80. Il governo Macron sta ora cercando di mitigare gli effetti. Miliardi sono stati stanziati per attutire l’aumento dei prezzi di carburante e cibo. Ma la paura è ormai molto presente tra i francesi. E la paura è un consigliere importante nelle elezioni.

Domenica i francesi andranno alle urne per eleggere un nuovo presidente. Ci sono dodici candidati. Il presidente Emmanuel Macron (al centro) apre la strada nei sondaggi† Marine Le Pen (destra radicale) è seconda. La popolarità dei candidati è in gran parte sincronizzata con gli sviluppi economici. Per mesi Macron ha aperto la strada, attraverso la crescita e l’occupazione.

L’invasione russa dell’Ucraina dà un ulteriore impulso alla sua popolarità: i francesi temono la guerra e si radunano al loro presidente. “La guerra ha spinto Macron a salire di circa 5 punti percentuali nei sondaggi: poco prima, il 25% voleva votare per lui, poi il 30%”, ha detto Erwan Lestrohan della società di ricerca Odoxa.

READ  Quello che ci racconta la morte improvvisa del presidente del Ciad sulla Libia

Conseguenze della guerra

Ma ora i francesi sembrano più spaventati dalle conseguenze economiche della guerra che dalla guerra stessa. I prezzi della benzina sono in forte aumento, così come quelli del gas e dell’elettricità, e altrettanto importante per i francesi: la loro baguette quotidiana diventa più costoso† La baguette media costava 90 centesimi l’anno scorso e il “limite psicologico” di 1 euro potrebbe essere superato nel prossimo futuro.

Per i francesi, che di solito acquistano una baguette tutti i giorni, il prezzo di 1 euro è una soglia simbolica importante. Se la bacchetta diventa più costosa, significa che c’è qualcosa che non va. Quindi i francesi iniziano a preoccuparsi. Gli effetti elettorali sono già visibili. Il potere d’acquisto dei francesi è tornato ad essere l’argomento principale della campagna elettorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *