L’84% dell’olio di girasole importato nel 2021 proveniva dall’Ucraina

L’84% dell’olio di girasole importato nel 2021 proveniva dall’Ucraina

L’Ucraina era il principale fornitore di olio di girasole grezzo e mais ai Paesi Bassi nel 2021. In quell’anno, l’84% del petrolio di girasole grezzo importato proveniva dall’Ucraina. Per il mais, la quota ucraina era del 42%. Questo è ciò che riporta la CBS.
In totale, nel 2021 sono stati importati dall’Ucraina oltre 2 miliardi di euro di merci. Di questo importo, non meno di 1,8 miliardi di euro (88%) sono stati destinati ai prodotti agricoli.

Il petrolio greggio di girasole e il mais sono i prodotti ucraini più importanti per i Paesi Bassi. Il valore delle importazioni di questi due prodotti era più o meno lo stesso nel 2021 e ammontava al 52,5% delle importazioni totali dall’Ucraina. La colza e la colza rappresentano il 17% del valore delle importazioni. Altri prodotti agricoli (19%) includono carne di pollo e semi di soia.

Con un valore di importazione di 1,8 miliardi di euro, l’Ucraina è stato il decimo paese di origine dei prodotti agricoli nel 2021. I Paesi Bassi ottengono la maggior parte dei prodotti agricoli da Germania, Belgio, Francia e Brasile. La Russia è il 44° fornitore di prodotti agricoli.

I Paesi Bassi sono il più grande importatore di olio di girasole dell’UE
Nel 2021, i Paesi Bassi hanno ottenuto 641 milioni di euro in olio di girasole grezzo da altri paesi, di cui 538 milioni di euro (84%) dall’Ucraina. Ciò rende i Paesi Bassi non solo il più grande importatore di olio di girasole grezzo dall’Unione europea, ma anche il paese che ottiene l’olio di girasole più grezzo dall’Ucraina. La Spagna e l’Italia sono il secondo e il terzo importatore di olio di girasole nell’UE. Anche i Paesi Bassi ottengono il massimo dall’Ucraina in termini percentuali. Seguono Malta (77% dall’Ucraina), Spagna (69%) e Francia (66%).

READ  Covid, ecco le date da segnare sul calendario

La maggior parte del petrolio greggio di girasole importato dai Paesi Bassi dall’Ucraina finisce all’estero, direttamente come riesportazione o indirettamente come esportazione dopo un’ulteriore lavorazione nei Paesi Bassi. Solo il 15% rimane nei Paesi Bassi, soprattutto dopo ulteriori cure nei Paesi Bassi.

L’olio di semi di girasole viene utilizzato per la cottura al forno e la frittura, ma è anche incluso, ad esempio, in biscotti, maionese, pappe e succedanei della carne. Può essere sostituito, ad esempio, da olio di colza, olio di soia o olio di palma, ma questi non sono sempre disponibili in modo soddisfacente oa buon mercato.

I Paesi Bassi sono anche il più grande importatore europeo di mais dall’Ucraina.
I Paesi Bassi hanno importato mais nel 2021 per un importo ancora maggiore, 1,29 miliardi di euro, di cui 536 milioni di euro provenivano dall’Ucraina. Si tratta di una quota ucraina del 42%. Ciò rende i Paesi Bassi il più grande importatore di mais ucraino dai paesi dell’UE. La Spagna è il più grande importatore di mais di tutti i paesi dell’UE (valore dell’importazione di 1,86 miliardi di euro), ma ottiene più mais da altri paesi. Oltre a Paesi Bassi e Spagna, l’Italia è l’unico altro paese dell’UE a importare mais per un valore di oltre 1 miliardo di euro nel 2021.

Per quanto riguarda le importazioni di mais dall’Ucraina, solo la Spagna si è avvicinata ai Paesi Bassi con un valore di importazione di 510 milioni di euro nel 2021. Anche i Paesi Bassi hanno ottenuto la maggior parte del mais dall’Ucraina in termini percentuali. I Paesi Bassi sono seguiti da Portogallo (35% di quota ucraina), Belgio (32%) e Spagna (27%).

READ  Vice segretari, fissati gli appuntamenti: Draghi nomina per i servizi il capo della polizia Gabrielli

Una piccola parte, l’8%, del mais importato dall’Ucraina viene immediatamente spedito all’estero. Dopo la lavorazione nei Paesi Bassi, la maggior parte finisce all’estero (66%), una parte minore rimane nei Paesi Bassi (26%). Il mais è ampiamente utilizzato come materia prima per l’alimentazione animale per l’alimentazione di polli, maiali e mucche.

Fonte: SCS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *