Congo, parte della città di Goma evacuata dopo il risveglio del vulcano Nyiragongo: “Rischio di eruzioni da terra o dal lago Kivu”

L’eruzione del vulcano Nyiragongo spaventa la città di Gomma da cancellare, a est di Repubblica Democratica del Congo. Parte della città è stata evacuata fin dalle prime ore dell’alba e migliaia di persone stanno fuggendo nei territori del sud-ovest, nella regione congolese di Masisi e nel vicino confine ruandese.

Secondo le autorità, infatti, c’è il rischio di una nuova eruzione del vulcano. Ma non solo. “Al momento non possiamo escludere un’eruzione dal suolo (cioè da sotto la città ed.) o sotto il lago Kivu, che potrebbe presto verificarsi senza alcun segno di avvertimento “, ha detto ai media locali il governatore militare generale Constant Ndima, citando i nomi di dieci quartieri della città” a rischio “. Il Kivu è uno dei tre laghi africani, insieme a Nyos e Monoun in Camerun, in cui si è verificata un’eruzione di tipo limnico, ovvero un’eruzione in cui l’anidride carbonica in soluzione viene improvvisamente rilasciata in grandi quantità dalle acque profonde del lago , soffocando la fauna selvatica, il bestiame e gli esseri umani.

L’eruzione, iniziata nella notte di sabato 22 maggio, ha ucciso più di 30 persone e distrutto circa 500 case. L’allarme arriva anche dall’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia, Unicef, secondo cui centinaia di bambini sono dispersi dopo che il disastro li ha separati dalle loro famiglie. Nel caos generale, con migliaia di famiglie sono fuggite al confine con il Ruanda, molti bambini sono stati separati dai genitori e ora si trovano in un centro di accoglienza gestito dalla Croce Rossa.

READ  Ankara: dopo il divano-portale, i deputati chiedono la testa di Michel

Ora segnala Bbc News Online, I lavoratori della Croce Rossa e alcuni funzionari governativi stanno cercando di riunirli con i loro genitori. “Siamo riusciti a trovare circa 530 bambini separati dalle loro famiglie e fortunatamente siamo stati in grado di facilitare il ricongiungimento di 360 bambini con i loro genitori”, ha detto alla BBC il capo dell’UNICEF Jean Meteni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *