Congresso Usa, oggi conta il voto finale per Biden e Trump. I repubblicani stanno progettando una rivolta

stati Uniti in primo piano oggi: al Congresso va in scena l’ultimo atto delle elezioni più contestate del potere americano.

Biden sarà riconosciuto come vincitore o ostacolo Risorsa rimarrà in gara con il conteggio dei voti cosa succederà nelle stanze?

Il destino della potenza mondiale è in gioco nei risultati di questa importante giornata, durante la quale i due seggi al Senato vengono assegnati a scrutinio anche in Georgia. Anche questo appuntamento fondamentale per definire la composizione della Camera Alta, con possibilità di Biden avere il controllo delle istituzioni.

stati Uniti guardato speciale: cosa aspettarsi conteggio voti oggi?

Money.it seguirà l’evento in diretta su questa pagina, con aggiornamenti live dagli Stati Uniti.

Congresso degli Stati Uniti: il conteggio dei voti oggi, cosa significa?

L’ultimo passaggio per certificare il successivo Il presidente degli Stati Uniti sta per essere fatto, con il mondo intero che guarda gli Stati Uniti con interesse.

il conteggio dei voti – contestato immediatamente da Trump – si svolgerà presso il Collegio Elettorale del Congresso e potrebbe essere un processo molto più lungo e controverso del previsto.

Cosa accadrà negli Stati Uniti con questo processo costituzionalmente legittimo?

Secondo la legge federale, il 6 gennaio è la data in cui arrivano i voti che determinano il prossimo presidente contato in una sessione congiunta del Congresso. Il processo è presieduto dal presidente del Senato, in questo caso il vicepresidente Mike Pence.

Il vicepresidente apre i certificati sigillati di ogni stato contenenti il ​​conteggio dei voti in rigoroso ordine alfabetico e li inoltra a uno dei quattro scrutatori – un repubblicano e un democratico di ciascuna camera del Congresso – che esaminano i certificati e annunciano voti statali. .

READ  Nel 2021 il calendario "speciale" dei vigili del fuoco australiani in omaggio agli eroi degli incendi che hanno devastato la nazione

Il processo continua senza interruzioni fino a quando tutti i voti non vengono annunciati e contati, a meno che non ci sia un ‘opposizione riconosciuta. Affinché quest’ultimo possa essere preso in considerazione, deve essere presente un documento scritto firmato da almeno un membro della Camera e un membro del Senato che comunichi l’obiezione.

In caso di opposizione riconosciuta, il conteggio dei voti viene interrotto in quanto le due camere si separano e hanno fino a due ore per un dibattito. Quindi votano per sostenere o respingere l’obiezione.

Affinché il voto di uno stato venga respinto – cosa che non è avvenuta da quando la legge sul conteggio è stata approvata oltre 130 anni fa – entrambe le camere devono sostenere l’obiezione della maggioranza.

Qual è il punto di partenza? Gli elettori hanno votato ufficialmente il 14 dicembre e Joe Biden ha sconfitto il presidente Donald Trump con 306-232, un risultato che Trump ha definito una frode perché aveva gli stessi numeri quando vinse nel 2016. A differenza di allora, però, Biden vinse il voto popolare, raccogliendo 7 milioni di voti oltre a Trump.

Repubblicani pronti per la rivolta? Cosa aspettarsi

I membri del partito del presidente Donald Trump, i repubblicani – insieme a una dozzina di senatori e alcuni parlamentari – hanno detto si opporranno ufficialmente ai risultati delle elezioni citando le accuse che il presidente ha spesso sollevato contro i risultati delle elezioni, che si dice siano imperfette.

Il senatore del Missouri Josh Hawley è stato il primo a schierarsi in questa battaglia e il senatore del Texas Ted Cruz ha annunciato una coalizione di 11 membri aggiuntivi della Camera alta che hanno giurato di votare contro gli elettori di almeno 6 stati.

READ  Bella, la madre dell'aggressore: "Prima di scoprire la fede, consumava alcol e droghe"

Tuttavia, il partito è rimasto molto diviso su questa delicata questione.

Il leader del Senato repubblicano Mitch McConnell ha esortato i suoi colleghi a non obiettare, dicendo il mese scorso in un appello privato che l’esito dell’operazione sarebbe stato un disastro per loro.

Molti altri repubblicani del Senato hanno criticato lo sforzo, tra cui il senatore del Texas John Cornyn e il senatore del South Dakota John Thune, il repubblicano n. 2 alla Camera alta. Domenica 3 gennaio, il senatore del Nebraska Ben Sasse ha dichiarato la sfida “fa male al paese e alla festa“.

Quindi resta da vedere quali prove ho repubblicani pronti per la rivolta. Le sorprese non sono escluse.

I voti oggi contano: cosa succederà?

Ci sono diversi analisti e osservatori che valutano fin dall’inizio una sconfitta dei repubblicani.

Attenuare lo slancio dei sostenitori di Trump sarebbe una mancanza di prove frode anno Domini.

Il magnate e le affermazioni dei suoi alleati insistono sul fatto che negli stati fluttuanti, Biden ha vinto con elezioni truccate macchine per il voto, elettori registrati deceduti, votazioni irregolari e modifiche inappropriate alle regole.

I funzionari elettorali hanno effettuato riconteggi e controlli in molti stati di cui Trump si è lamentato, e funzionari federali e statali e i tribunali non hanno trovato prove di frodi diffuse, ma hanno ripetutamente smentito le affermazioni, le congetture e le teorie legali degli alleati di Trump.

I repubblicani, tuttavia, stanno dimostrando l’impresa, forse con nuovi indizi. Cosa accadrà oggi negli USA? Biden resterà sempre “sospeso”?

Aggiornamenti live sull’evento del Congresso su questa pagina Money.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *