“Contagi in declino, mandano anche galli e crisante da Amadeus” – Libero Quotidiano

Lui per primo Mario draghi ha preso tempo: nessuna pausa coprifuoco, almeno fino alla sala di controllo della prossima settimana. È Claudio borghi, su Twitter, punta il dito Roberto Speranza, Ministro della Salute e leader dei “terroristi” di coronavirus, il partito (molto ben rappresentato al governo) di chi sogna un “Paese sospeso”, con distribuzione limitata e serrande chiuse il più a lungo possibile. Forse, fino alla fatidica soglia di “zero contagioUtopia politica e sanitaria, a cui si oppone il centrodestra, che invoca un graduale ritorno alla normalità: per non far crollare definitivamente e irrimediabilmente il tessuto socioeconomico Italiani, bisogna cominciare a “convivere” con il virus, accettare i rischi e governare il pericolo di un rialzo della curva, senza lasciarsi trasportare dal panico. Lingua che, tuttavia, parte del Pd e di M5 ovviamente suona come l’aramaico.

“Da allora mi sembra di vedere Speranza al telefono bunker... – Borghi, leghista, scherza su Twitter – PRESTO! qui vedono che le infezioni stanno diminuendo! manda più galli in televisione! Non discutere! Invia anche Chrysants!! Li voglio ovunque !!! Anche le previsioni del tempo! Tirali fuori dai pacchetti! Mandali da Amadeus! PRESTO! »In questo senso, forse la decisione di Massimo Galli l’autoesclusione che andrà in onda in televisione nelle prossime settimane potrebbe aver fatto arrabbiare molto il ministro LeU, che rischia di perdere la voce più autorevole e invitata nei colloqui sul fronte di chiusura fino alla fine.

Ma niente paura, li rassicura sarcasticamente Borghi, l’astinenza di Galli dal piccolo schermo non durerà a lungo: martedì mattina ha annunciato il suo addio a L’aria che spara, e la sera era Bianca Berlinguer a Cartabianca. E qualche mese fa si era ritirato, per tornare nelle sale televisive di Lilli gruber e compagnia con grande clamore.

READ  Green pass, cosa stanno facendo gli altri paesi? Obbligatorio in Francia, gratuito in Gran Bretagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *