Coronavirus, al via oggi in Brasile il vaccino cinese: lo stop dopo la morte per suicidio di un volontario. A New York, il coprifuoco inizia alle 22:00 per bar e palestre

Brasile

. ANSA / WU HONG | Due persone al lavoro nel reparto di controllo dei vaccini Sinovac del laboratorio di Pechino

L’agenzia farmaceutica brasiliana Anvisa ha dato il via libera alla ripresa della sperimentazione di Coronavac, il vaccino sviluppato dalla cinese Sinovac contro Coronavirus, dopo l’arresto per la morte di un volontario. In un primo momento il caso è stato comunicato solo dalle autorità brasiliane come grave, ma dalle indagini svolte nelle ore successive alla morte è emerso che il volontario si era suicidato, confermando quanto già accaduto. dichiarato dai capi del processo che avevano escluso qualsiasi legame tra la morte di The Paul Man e il vaccino. La fase 3 del farmaco cinese in Brasile dovrebbe quindi riprendere da oggi, 12 novembre, secondo questo riferisce il Guardian citando l’Istituto medico brasiliano Butantan.

Dietro lo stop di pochi giorni ai test vaccinali imposti dal governo brasiliano di Jair Bolsonaro lo shock politico che ha sempre accompagnato questo farmaco in Brasile è scoppiato di nuovo. Il presidente brasiliano è sempre stato riluttante ad accettare la droga cinese, osteggiato da uno dei suoi principali oppositori, il governatore di San Paolo, Joao Doria, che poco prima della sospensione del processo aveva annunciato la distribuzione delle prime dosi in breve tempo. di tempo. Tuttavia, Bolsonaro ha detto che il governo brasiliano accetterà tutti i vaccini approvati dalla National Medicines Agency.

stati Uniti

EPA / JUSTIN LANE | La facciata dell’edificio della Borsa di Wall Street a New York

Con casi di coronavirus in aumento in tutto stati Uniti, Anche New York si sta rifugiando imponendo una chiusura anticipata alle 22:00 per bar, ristoranti e palestre. Come, come riporta il New York Times, Il Governatore Andrew Cuomo ha chiarito che bar e ristoranti continueranno a fornire solo cibo da asporto, ma non alcolici. C’è anche il limite per le riunioni interne private, che non possono avere più di 10 partecipanti. Il sindaco di New York ha avvertito: “Questa è la nostra ultima possibilità per fermare una seconda ondata. Possiamo farlo, ma dobbiamo agire adesso ”. Negli ultimi sette giorni, il tasso medio di infezione è salito al 2,52%, un dato raggiunto solo all’inizio di giugno dello scorso anno, quando in città sono state riaperte attività non essenziali dopo la devastante ondata primaverile.

READ  Alexei Navalny, governo tedesco: "Avvelenato con l'agente nervino Novichok". Von der Leyen: "Cattivissimo". Farnesina: "La Russia deve fare chiarezza"


Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *