Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità della situazione

La pandemia di coronavirus ha ucciso 959.000 persone in tutto il mondo e 30,9 milioni casi confermati di contagio. Ciò si riflette nei risultati del sito web della John Hopkins University. Stati Uniti, India e Brasile sono i paesi più colpiti, che insieme hanno totalizzato oltre 425.000 morti dall’inizio della pandemia. Gli Stati Uniti rimangono il Paese più colpito con 6,8 milioni di persone infette, seguiti dall’India con 5,4 milioni e dal Brasile con 4,5 milioni.

La situazione nel mondo: grafici e mappe
Cronologia

India, riapre il Taj Mahal: allontanamento e maschere per i visitatori

Il Taj Mahal, chiuso da marzo a causa del coronavirus, riapre oggi i battenti ai visitatori, nonostante i contagi in India che continuano ad aumentare. Ogni giorno si contano in media 100.000 casi e mille morti, complessivamente sono state contagiate 5,4 milioni di persone dall’inizio della pandemia, su una popolazione di 1,3 miliardi di persone. Dopo un duro blocco che ha messo in ginocchio decine di milioni di persone senza mezzi di sussistenza, il governo di Narendra Modi ha gradualmente riaperto le sue porte ai viaggi e al commercio. Il Taj Mahal, il mausoleo in marmo bianco di Agra, a sud di Nuova Delhi, è ora aperto ai visitatori. È il sito turistico più popolare dell’India e normalmente attrae sette milioni di visitatori all’anno. In ogni caso, le visite ora dovranno rispettare rigide regole di distanziamento sociale e il numero giornaliero di visitatori sarà limitato a 5.000 visitatori, ovvero un quarto del normale. I biglietti possono essere acquistati solo online e saranno necessari una maschera e un controllo della temperatura. Nel resto del paese, tuttavia, in particolare nelle aree rurali dove le infezioni sono in aumento, le linee guida governative per limitare le infezioni vengono più spesso ignorate che seguite.

READ  L'Europa pronta a votare i ribelli produttori di hamburger di verdure, carne e salumi

Emmy Awards negli USA: le star festeggiano in versione pandemica

Le star coinvolte negli Emmy Awards hanno partecipato alla serata degli Emmy Awards, l’equivalente degli Oscar per la televisione, dai loro salotti. Catherine O’Hara, vincitrice della migliore attrice in una serie comica per Schitt’s Creek, ha ricevuto la statuetta dalle mani di un uomo vestito con uno smoking di protezione biologica anti-Covid, così come Eugene Levy, “Miglior attore”, poi suo figlio Daniel. A differenza della maggior parte degli altri contendenti, la squadra canadese della serie era riuscita a riunirsi per un evento privato a Toronto dopo che i partecipanti erano stati lavati e messi in isolamento preventivo. Schitt’s Creek, su una famiglia di ricchi newyorkesi caduti in disgrazia e costretti a vivere in un motel fatiscente, è passato inosservato per le prime quattro stagioni prima di diventare un successo su Netflix. “Ciao, e benvenuti PandEmmys!”, Ha detto il comico Jimmy Kimmell quando ha iniziato la serata in cui le telecamere dovevano raggiungere la casa dei circa 130 concorrenti, a cui è stato chiesto di competere con inventiva nei loro discorsi e persino di indossare il pigiama. .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *