Partecipazione a 20, referendum ed elezioni regionali: alle 23 quasi il 40% degli aventi diritto. In Veneto il 46% alle urne, in Campania 38

Un po ‘meno di 40 per cento degli italiani chiamati alle urne ha deciso di recarsi ai seggi dal primo giorno: l’indaginedimostrare tutto 23 di Domenica segnalo 39,4%. Un numero che si riferisce al voto per il referendum sul taglio dei parlamentari. Poiché si tratta di un referendum di conferma non è necessario raggiungere un quorum per validità. I seggi elettorali sono aperti anche il lunedì dalle 7:00 alle 15:00.

Supplementi del Senato – Difficile fare confronti con il tasso di partecipazione in passato visto che in 2016 – per l’ultimo referendum costituzionale che è stato respinto: hanno votato in un giorno e in generale le elezioni di due giorni non si sono svolte dalle politiche del 2013. riduzione il numero di parlamentari, per regionale, il amministrativo e per il Suppletivo del Senato in Sardegna (Collegio Unico Sardegna 03) e Veneto (Veneto 09 collegio individuale). Alle 23 l’affluenza alle urne segnalata dal ministero dell’Interno è stata 22,03% in Sardegna e 46,85% in Veneto.

Sette regioni alle urne – Sette regioni sono chiamate ad eleggere governatore e consiglieri: ci sono Valle d’Aosta, il Liguria, il Toscana, Veneto, il Mercato, il Campania e il Puglia. Coinvolgono 18.471.692 elettori e sono ovviamente loro a registrare i picchi di partecipazione più alti. Nel Valle d’Aosta votazione 54,16% elettori, in Veneto Al di là 46,12%, nel Liguria l’affluenza è appena sopra 39% e in Toscana al 45,89%, mentre in Mercato fermarsi a 42.72. Inferiore Puglia (39.8) e la Campania, dove si ferma 38.9. In generale, la regione che finora ha disertato il maggior numero di sondaggi è la Sardegna, dove solo un po ‘più del 23% degli elettori è andato a votare: quasi la metà della media del resto del Paese. Tra le regioni che non eleggono il governatore in questo turno, il 54.42 di Trentino Alto Adige e il 41,59% Dell ‘Emilia romagna. Nel Lombardia la cifra si ferma al 39% in Lazio appena oltre il 33.

READ  Messi rompe con il Barcellona, ​​ora l'Inter ci crede davvero: le ragioni della speranza e gli ostacoli | Prima pagina

Voto dei comuni – Le elezioni amministrative, invece, si svolgono in 957 comuni. Alle 23 tra le capitali Bolzano e Trenta hanno registrato il 45% del tasso di partecipazione, mentre Venezia toccare il 47 e Aosta il 51%. Invece di un file Reggio Calabria, un’altra città chiamata ad eleggere il sindaco, è andata a votare 49,47 per cento di coloro che ne hanno diritto. Gli altri capoluoghi di provincia chiamati a votare sono Mantova (47,11%), Lecco (51,09%), Arezzo (36,73, 19 ore), Macerata (49,15%), Stop (48,89), Chieti (51,96%), Andria (47.26), Trani (49.94), Matera (53,41%), Crotone (51,35%) e Nuoro.

Il voto dei leader – “Buon voto a tutti”, ha twittato. Giuseppe Conte, affiggendo una sua foto mentre vota nelle urne del seggio elettorale di via Giulia, dove questa mattina a mezzogiorno ha votato il presidente del Consiglio. Matteo salviniSui social, invece, ha praticamente rotto il silenzio elettorale utilizzando due hashtag a corredo di un video in cui spiega perché scegliere il suo partito: #OggivotoLega e #StavoltavotoLega.Lo aspettiamo da trent’anni ”, ha dichiarato il Ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio, trattenendo il ballottaggio per il referendum prima di inserirlo nelle urne della 18esima sede della scuola “Sulmona” del figlio Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli. Il segretario del Pd Nicola Zingaretti, è andato questa mattina alla scuola Giuseppe Gioacchino Belli di via Mordini a Roma. “Buon voto a tutti”, ha postato su Facebook. Silvio berlusconiinvece, ha votato secondo le regole Anticovid dalla sua residenza in Arcore.

READ  Juve, Morata è diventato uomo a Torino. E con Pirlo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo facendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste agli esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Referendum e regionale, Sala: “Voto politico? È possibile “. Zaia:” Posti sicuri, se vai al supermercato puoi votare anche tu “

seguente


Articolo successivo

Milano, sui Navigli, compare un murale con Salvini e Renzi che accoltellano Conte: la provocazione dell’attivista Donati Meyer

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *