Quello che ci racconta la morte improvvisa del presidente del Ciad sulla Libia

Martedì l’esercito ciadiano anno Domini la morte inaspettata del presidente ciadiano Idriss Déby, che poche ore prima era stato dichiarato vincitore delle elezioni che avrebbero dovuto garantirgli il sesto mandato consecutivo. Secondo l’esercito, Déby è stato ucciso in un attentato compiuto nel nord del Paese da un gruppo di ribelli che cercavano di raggiungere la capitale N’Djamena e rovesciare i trent’anni di governo autoritario del presidente, che aveva collaborato alla questi ultimi anni con alcuni paesi occidentali nella lotta al terrorismo.

L’incidente ha enormi conseguenze per il Ciad – è in corso uno scontro tra i militari e l’opposizione sulla successione di Deby – ma è significativo anche per un altro motivo.

Il gruppo ribelle accusato della morte di Déby, il Front tchadien pour l’Alternance et la Concorde au Tchad (FACT), è entrato in Ciad dal nord, dalla Libia, Paese in cui ha combattuto per anni acquisendo molte armi, denaro e abilità belliche . “I ribelli hanno utilizzato la caotica guerra in Libia per preparare la loro campagna in Ciad”, scrisse il giornalista Declan Walsh sul New York Times; si sono quindi comportati come tanti altri gruppi, più o meno radicali, prodotti o rafforzati dal recente fallimento dello Stato libico e responsabili della forte instabilità che ha colpito la regione del Sahel negli ultimi anni.

La storia di FACT in Libia è peculiare, ma allo stesso tempo simile a quella di altri gruppi nei paesi vicini che hanno partecipato alla guerra.

FACT è nato dalla divisione di un gruppo ribelle ciadiano chiamato Union des force pour la democratie et le développement (UFDD) e sostenuto dal Sudan. Prima del 2010, quando Déby ha concluso un accordo di pace con il presidente sudanese Omar al Bashir, diversi gruppi ribelli ciadiani, tra cui l’UFDD, avevano sede nella regione sudanese del Darfur, dove ricevevano fondi e armi dal regime. Dopo l’accordo, molti di loro sono stati costretti a trasferirsi e sono andati in Libia, dove nel frattempo era scoppiata la guerra civile.

READ  Il presidente francese Emmanuel Macron ha riconosciuto la responsabilità della Francia per il genocidio in Ruanda

Le fazioni libiche iniziarono a fare sempre più affidamento su gruppi mercenari di altri paesi africani, ei ciadiani, grazie alla loro reputazione di abili combattenti del deserto, divennero particolarmente ricercati.

FACT è stata fondata nel 2016 da Mahdi Ali Mahamat, un ribelle con molta esperienza. Il gruppo si è immediatamente impegnato nella guerra libica e si è schierato con le influenti milizie di Misurata. FACT operava principalmente dalla base aerea di Jufra nella Libia centrale, che in seguito sarebbe stata utilizzata anche per portare mercenari russi nel paese (quelli del gruppo Wagner, le cui attività sono state oggetto di varie inchieste giornalistiche) e il molte armi degli Emirati Arabi Uniti. Quando nel 2017 le forze del maresciallo Khalifa Haftar hanno catturato Jufra e lo hanno rimosso dal controllo delle milizie di Misurata, FACT non ha lasciato la base e ha invece stipulato un tacito accordo di non aggressione con Haftar.

Jerome Tubiana, analista esperto del Ciad, Egli ha detto Al Jazeera che a quel punto FACT si trovò “bloccato tra due fuochi”, visto che Haftar era un alleato del governo del Ciad (nemico del FACT), oltre che della Francia: “Tuttavia, sembra che gradualmente [il FACT] è riuscito a ottenere un sostegno militare significativo da Haftar “, ha detto Tubiana. Haftar ha armato efficacemente il gruppo, fornendo loro armi pesanti e avanzate per combattere le milizie nemiche, e quindi permettendo loro di tenerle a freno.

Nell’ottobre 2020, dopo fallimento della grande offensiva militare di Haftar per la conquista di Tripoli, le fazioni libiche hanno concordato un cessate il fuoco che continua ancora oggi, nonostante diverse violazioni. Molti combattenti ciadiani hanno poi deciso di tornare in Ciad per rilanciare l’offensiva contro il regime di Déby in vista delle elezioni presidenziali del 2021: secondo diversi analisti, tra cui Cameron Hudson, ex capo del Dipartimento di Stato Usa, i ribelli hanno vinto con le armi ottenute in Libia e alcuni veicoli blindati che gli Emirati Arabi Uniti avevano donato al maresciallo Haftar.

Idriss Déby (Lintao Zhang / Foto della piscina tramite AP, file)

Secondo le ricostruzioni dei media locali, FACT è tornato dalla Libia in Ciad l’11 aprile, il giorno delle elezioni presidenziali. Durante la settimana successiva, potrebbe conquistare una provincia settentrionale, fino a poche centinaia di chilometri dalla capitale N’Djamena. Ci sarebbero stati gravi scontri tra il gruppo e l’esercito, durante i quali, secondo i militari, sarebbero stati uccisi 300 ribelli. Negli scontri è stato ucciso anche Déby: almeno così dice l’esercito, anche se per il momento non si hanno notizie certe o dettagliate sulla morte del presidente.

READ  apprendimento a distanza per le scuole superiori

Non ci sono informazioni affidabili, anche su ciò che sta accadendo ora. Da mercoledì, il giorno dopo l’omicidio di Déby, nella capitale ciadiana è iniziata la paura dell’arrivo dei ribelli, che hanno minacciato di marciare per le strade di N’Djamena questo fine settimana. Non si sa se FACT riuscirà a raggiungere N’Djamena, in quanto non vi è certezza su come si siano svolti gli scontri tra il gruppo e l’esercito ciadiano, e non è nemmeno chiaro quanto siano lontani esattamente i miliziani. capitale.

A prescindere da come finirà la crisi, molti analisti concordano nel considerare quanto accaduto all’indomani della guerra civile libica, che ha portato alla proliferazione di gruppi armati, che negli anni sono crollati. Il fallimento dello Stato libico e la sua incapacità di controllare territorio e confini ha anche permesso a questi gruppi di entrare e uscire liberamente dalla Libia, tornando praticamente indisturbati nei loro paesi di origine, più forti di prima. Alcuni sono stati responsabili di attacchi terroristici islamici, altri, come FACT, sono tornati a combattere nel tentativo di rovesciare i governi dei loro paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *