Coronavirus scappato dal laboratorio, Stati Uniti e Cina concordano su exit strategy: “Pechino ammetterà errore”

L’accordo tra i due Paesi sarebbe alle porte e Tgcom24 è in grado di anticipare le linee principali di questa delicata trattativa. Gli Stati Uniti sono anche pronti ad aiutare Pechino a condurre un’indagine sul coinvolgimento attivo di alcuni scienziati e ricercatori americani negli studi sul virus presso il laboratorio di Wuhan.

L’strategia d’uscita la pandemia globale, secondo le nostre fonti di intelligence, è stata concordata da Washington e Pechino alla luce dei risultati della nuova indagine su origini del coronavirus che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato ai servizi segreti degli Stati Uniti alla fine di maggio, concedendo non più di 90 giorni per la presentazione del rapporto.

Solo pochi giorni fa, il direttore diOMS (Organizzazione mondiale della Sanità) Ghebreyesus aveva messo in dubbio il rapporto pubblicato a marzo dalla sua stessa squadra secondo cui considerava improbabile la fuga dal centro di ricerca di Wuhan. “Abbiamo bisogno di un nuova missione in Cina, per continuare la ricerca sull’origine del coronavirus, anche nei laboratori, c’è stata una spinta prematura per escludere la teoria del virus sfuggita al laboratorio di WuhanDichiara il numero uno dell’Oms, rivolgendo contestualmente un appello a Pechino: “All’inizio della pandemia, tutti i dati non erano condivisi. Chiediamo alla Cina di essere più aperta, trasparente, collaborativa. Dobbiamo la verità a milioni di morti”.

READ  Francia, un camerunese di 11 anni soggiorna 8 giorni all'aeroporto di Orly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *