Cosa motiva il Reichsbürger?  “La Germania è ancora un territorio occupato!  »

Cosa motiva il Reichsbürger? “La Germania è ancora un territorio occupato! »

AFP

Notizie ONS

  • Walter Nero

    corrispondente dalla Germania

  • Walter Nero

    corrispondente dalla Germania

Joachim Widera mostra con orgoglio il pantheon nel suo ufficio. Un piccolo busto in marmo del re Federico il Grande (1712-1786) si trova accanto a una biografia dell’ex cancelliere del Reich Otto von Bismarck (1815-1898). “Entrambi hanno reso grande la Germania”, sorride Widera mentre prende il libro. “Bismarck è il mio grande esempio politico: il fondatore del Secondo Reich tedesco”.

Un incontro con un Reichsbürger (Rijksburger) è come un viaggio attraverso la storia tedesca, in cui si attraversano rapidamente anni, guerre e altri momenti storici. Naviga tra l’orgoglio del passato tedesco e la frustrazione del presente.

“Perché è ancora territorio occupato!” grida Widera, puntando il dito. “Anche se vivo sul suolo tedesco, in quella che oggi è la Repubblica Federale, questo non è legittimo”. Inizia una discussione sulla fine della seconda guerra mondiale, quando gli alleati sconfissero il nazionalsocialismo e divisero la Germania. “E’ stato un crimine di guerra, il diritto internazionale è molto chiaro su questo. La Repubblica Federale è stata fondata sotto una potenza occupante, con una costituzione imposta dalle forze occupanti”.

Widera mostra con orgoglio la Hall of Fame nel suo salotto, dedicata all’Impero tedesco:

Cosa muove la Reichsdeutsche?

Questi sono gli argomenti tipici con cui il Movimento dei Cittadini del Reich denuncia lo stato tedesco di oggi e sostiene che l’impero di un tempo non fu mai formalmente abolito. Widera, 61 anni, non si sente libera. “Voglio vendicare e correggere ciò che è accaduto 70 anni fa”, dice. Respinge il fatto che la Repubblica Federale abbia tenuto una serie di elezioni libere sin dalla sua fondazione in cui i cittadini possono determinare la propria direzione politica: “Le persone credono solo ciò che vogliono. Ci sono elezioni anche in una dittatura. il tempo. Le elezioni tedesche non sono legali e non mostrano uno stato sovrano.

READ  La maggior parte dei paesi dell'UE sostiene un'azione legale contro la legge LGBTI ungherese | All'estero

Anche per questo motivo, Widera ha fondato il proprio partito politico: Zukunft tedesco, un nome straordinariamente lungimirante per un movimento che lotta per staccarsi dal passato. Tira fuori dalla tasca interna un libro azzurro. Reich tedesco dice. Un passaporto. Completamente secondo gli standard internazionali, afferma Widera, che mostra anche gli interni.

Perché tornare a quel tempo? La stragrande maggioranza dei tedeschi non ha nulla a che fare con questo periodo, che fu il preludio di due devastanti guerre mondiali. Widera contraddice questo: “Parli della maggioranza dei tedeschi, ma non l’ho mai visto confermato. Sono sempre i media che affermano queste cose, o il governo di Berlino che controlla i media”.

In politica, queste persone sono state a lungo chiamate “pazze”. È vero il contrario. Hanno un’ottima rete, conoscenza delle armi e connessioni nei circoli più alti.

Olaf Sundermeyer, giornalista investigativo

Le accuse secondo cui l’emittente pubblica tedesca e i politici lavorano fianco a fianco e si tengono in sella con l’inganno sono di fatto errate, ma vengono spesso ascoltate nei circoli dei cittadini del Reich.

Widera non è quindi solo. Si stima che circa 20.000 tedeschi affermino di essere cittadini del Reich. Ciò significa che il movimento è quasi raddoppiato in pochi anni. Un momento importante in questo senso è stata la crisi della corona nel 2020 e il conseguente sospetto nei confronti del governo. Quelle che erano iniziate come proteste contro rigidi blocchi si sono sempre più trasformate in marce di protesta contro lo stato, che serve solo un’élite e ignora l’uomo comune.

Incidente del Bundestag

Alimentati da teorici della cospirazione ed estremisti di destra sui social media come Telegram, i servizi di sicurezza tedeschi hanno segnalato una rapida radicalizzazione. Nell’estate del 2020, ciò ha portato a un incidente nel Bundestag. Decine di persone che portavano bandiere rosse, bianche e nere del Reich hanno preso d’assalto i gradini del palazzo del parlamento e hanno gridato slogan come “traditori” e “rivolta” ai rappresentanti del popolo all’interno.

READ  Detenzione prolungata di Andrew Tate: l'influencer sospettato di traffico di esseri umani è detenuto per almeno un altro mese | All'estero

Il giornalista investigativo Olaf Sundermeyer non si stupisce quindi che due anni dopo venga intercettato un complotto per rovesciare con la forza questo stesso parlamento. Da anni è coinvolto in movimenti di estrema destra in Germania e conosce personalmente una serie di sospetti arrestati la scorsa settimana, tra cui un ex soldato. “Sappiamo di piani da questo punto di vista da tempo”, afferma Sundermeyer, “Lo chiamano il Grande Giudizio. Portare le persone in tribunale o peggio. Ma nel dibattito pubblico, specialmente in politica, queste persone hanno molto tempo. buona rete, conoscenza delle armi e delle relazioni fino ai massimi livelli, come la giustizia.

Pala d’altare del Reich tedesco

Con quest’ultimo, il giornalista si riferisce al giudice anche arrestato Birgit Malsack-Winkemann. Fino all’anno scorso era ancora deputata per conto del partito di opposizione di destra radicale AfD nello stesso Bundestag che ora vorrebbe prendere d’assalto. Politici, avvocati, soldati addestrati; l’elenco dei sospetti nel caso del colpo di stato sventato mostra che il Movimento dei cittadini del Reich è più di un gruppo di persone che desiderano i giorni passati.

Tuttavia, Joachim Widera non crede alle accuse: “Certo che avevano armi, ma la domanda è se le usassero davvero. Dicono di sì, ma sospetto di no. . Per poter intervenire.

Widera si dirige al suo santuario personale tedesco del Secondo Reich e rimuove con cura un’antica foto di Paul von Hindenburg dal muro. È un ritratto dell’ex presidente e feldmaresciallo, che è stato appeso su molti muri tedeschi negli anni successivi alla sua morte. “Regalo di mia moglie”, dice Widera, capovolgendo la cornice d’oro e mostrando il timbro di autenticità nazionalsocialista, con una svastica e l’anno 1940.

READ  L'Ucraina pubblica i nomi e le foto di dieci aspiranti macellai Butsha | All'estero

Rifiuta davvero la violenza? “No, se qualcuno mi colpisce in testa e vuole uccidere, reagirò. Ma non farò strada con le armi. Condurrò con le parole. Nei servizi segreti sono conosciuto come il cittadino più pericoloso del Reich . Non per le mie armi, ma perché so parlare così bene.” Widera ride della sua stessa battuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *