La compagnia energetica turca Karpowership ha interrotto la fornitura di elettricità al Libano

L’azienda turca Karpowership, che distribuisce elettricità, ha chiuso le sue forniture al Libano, sostenendo che il paese non ha pagato le bollette negli ultimi 18 mesi e che deve un totale di oltre 100 milioni di dollari (circa 82 milioni di euro).

Karpowership è responsabile di un quarto dell’elettricità fornita al Libano, che da tempo soffre di interruzioni di corrente che hanno portato molti ad acquistare generatori privati. All’inizio di maggio, Karpowership è stata accusata da una televisione libanese di corruzione in merito a un contratto per la fornitura di elettricità e un pubblico ministero aveva minacciato di sequestrare le due chiatte dove si trovano le fabbriche con le quali l’azienda fornisce elettricità in Libano (Karpowership utilizza sistemi elettrici galleggianti ). La società ha negato tutte le accuse, ma è stata comunque multata di 25 milioni di dollari (circa 20 milioni di euro).

Il Libano sta attraversando una grave crisi economica e politica c’è tempo, ma i problemi sono aumentati nell’ultimo anno, sia a causa della pandemia di coronavirus sia sulla scia dell’enorme esplosione avvenuta nel porto di Beirut che aveva causato le dimissioni del governo.

READ  i nomi dei cardinali che rischiano il crollo del Vaticano - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *