Covid, sopraffatta l’Europa. In fretta in quasi tutti i paesi

Il contagio in Europa non sta rallentando. E, con l’aumentare dei casi, aumentano anche le restrizioni. Prova a correre ai ripari anche lì Germania, dove sono stati raggiunti 5.000 casi: il governo tedesco intende estendere l’obbligo delle maschere dove non è possibile mantenere le distanze di sicurezza e nei casi in cui le persone stanno insieme da molto tempo. I dettagli emergono da un progetto che oggi sarà oggetto di discussioni tra i presidenti dei ministri del Land tedesco e la cancelliera Angela Merkel e che Dpa ha letto. Il coprifuoco per i ristoranti potrebbe anche essere esteso a meno di 35 nuove infezioni da Covid ogni 100.000 residenti in una settimana.

C’è anche l’idea di limitare il numero di partecipanti a feste private ed eventi pubblici quando ci sono più di 35 nuove infezioni da Covid ogni 100.000 abitanti in una settimana in una regione. Il numero di festaioli ammessi e la data di entrata in vigore del coprifuoco per il restauro non sono specificati nella bozza di documento che sarà discussa nell’incontro odierno tra il Cancelliere e rappresentanti dei 16 Länder Tedeschi. Uno dei problemi principali a Berlino è il follow-up. Lo ha detto oggi il ministro della Salute tedesco Jens Spahn in una conferenza stampa a Berlino. “Dire che è facile, ma al contrario è un lavoro molto complesso” che richiede competenze e disponibilità “e ad un certo punto le unità sanitarie arrivano al limite e questo punto è particolarmente allarmante in questo momento” . Tracciare le catene del contagio “è stato finora un fattore di successo rispetto ad altri Paesi proprio perché ha funzionato bene” nella gestione della pandemia, ha proseguito il ministro, ma ora è in pericolo.

Nel vicino Austria è una nuova cartella. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.346 casi di Covid-19. La capitale Vienna rimane il Land con il maggior numero di positivi, 402, seguita dall’Alta Austria con 234, dal Tirolo con 184 e dalla Bassa Austria con 139. Attualmente in Austria sono 5.467 i casi positivi. Complessivamente, in Austria, le persone risultate positive al tampone sono 58.672 su 532.801 test effettuati, 872 sono morti (278 nella sola Vienna) e 45.846 sono guariti. Il governatore del Tirolo, Guenther Platter (OeVP), visto il notevole aumento dei casi, afferma che “saranno necessarie ulteriori misure, siamo di nuovo in una situazione difficile”.

READ  Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità della situazione

È anche culminato in Slovenia, dove è stato registrato un nuovo record giornaliero di infezioni da coronavirus con 707 casi in 24 ore. I casi rilevati oggi sono quasi il doppio di quelli segnalati ieri quando la positività si era fermata a 397. I test effettuati sono stati 4.902. Le autorità governative hanno annunciato nuove restrizioni per contenere la grave diffusione del virus. virus.

Allarme anche a Varsavia, dove ci sono timori per la sanità. Nel Poloniaè stato infatti registrato un nuovo record giornaliero di contagi, con 6.526 casi in più e 116 decessi. Il portavoce del governo ha detto che la situazione negli ospedali era sotto controllo, ma l’opposizione e i medici hanno accusato le autorità di non essere riuscite a fare i preparativi adeguati per contrastare una seconda ondata. Secondo l’immunologo, il Paese è sull’orlo del “disastro”; l’esecutivo dovrebbe garantire che vengano prese più prelievi e allo stesso tempo chiudere le scuole e sostenere il sistema sanitario.

Anche la preoccupazione sta crescendo Irlanda del Nord, dove le scuole saranno chiuse per due settimane. La misura è stata adottata, riferisce la BBC, nell’ambito di un pacchetto di nuove misure anti-Covid. Il primo ministro nordirlandese Arlene Foster ha presentato le nuove misure, che includono anche limiti a matrimoni e funerali, e entreranno in vigore venerdì 16 ottobre. Pub e ristoranti chiuderanno quindi per quattro settimane, ad eccezione di asporto e consegne. Nel Regno Unito, il primo ministro Johnson ha annunciato un piano solo due giorni fa tre livelli di restrizioni. Mentre il paese continua a gestire un numero preoccupante di casi, Il guardiano riporta uno studio di Nature secondo il quale Inghilterra e Galles hanno registrato il maggior numero di tassi di mortalità tra i 21 paesi industrializzati analizzati.

READ  Navalnyj, prima foto dopo l'avvelenamento: "respiro da solo"

Ma torniamo su questo lato della Manica. Nel Francia, ea Parigi in particolare, l’aspettativa di Il discorso di Macron, che alle 20:00, molto probabilmente, annuncerà misure urgenti per far fronte all’aumento dei contagi nella regione della capitale ea Lille. Il presidente si prepara a decretare il coprifuoco che inizierà alle 20:00 a Parigi e nell’Ile-de-France. Un provvedimento doloroso per l’intero settore della ristorazione e dell’intrattenimento oltre che per i cittadini di Parigi, città in allerta da settimane per la diffusione del virus. Le infezioni sono ancora alte, circa 13.000 per pochi giorni, e il tasso di test positivo ieri ha raggiunto per la prima volta il 12%. La situazione ospedaliera è complicata: la pressione è stata forte da diversi giorni in tutta l’Ile-de-France, le rianimazione hanno superato il 40% dei posti letto occupati dai pazienti Covid-19.

Anche la preoccupazione sta crescendo Belgio, dove venerdì scorso si è registrato il picco, con 7000 contagi e, nei giorni scorsi, è stato completato la soglia di 5.000 infezioni al giorno con un aumento dei casi, in una settimana, del 93%. Secondo La sera, i ricoveri giornalieri per Covid sono aumentati dell’81% negli ultimi sette giorni. Il governo sta valutando nuove restrizioni che potrebbero arrivare presto. Non migliora Olanda, dove da oggi entrano in vigore le nuove restrizioni: bar e ristoranti chiusi, vendita di alcolici vietata dopo le 20:00.Le nuove misure saranno in vigore per almeno quattro settimane, dopo che Amsterdam avrà deciso di rinnovarle o mitigarli. I Paesi Bassi hanno attualmente il terzo più alto tasso di infezione per 100.000 abitanti in Europa, solo dietro Repubblica Ceca e il Belgio.

E il governo di Praga ha ordinato la chiusura di bar e ristoranti, da oggi fino al 3 novembre, per far fronte al nuovo picco di casi. “Abbiamo solo una possibilità ora e dobbiamo avere successo”, ha detto ai giornalisti il ​​primo ministro Andrej Babis. La Repubblica Ceca, con una popolazione di 10,7 milioni, ha registrato quattro aumenti giornalieri record la scorsa settimana con un picco di 8.618 nuovi casi venerdì. Il saldo totale dei casi, aggiornato a ieri, è di 119.007; i decessi sono 1.045. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha annunciato ieri che la Repubblica Ceca ha registrato la più alta crescita di infezioni per 100.000 abitanti nelle ultime due settimane. “Dobbiamo agire per invertire la tendenza entro due o tre settimane, altrimenti finiremo le capacità ospedaliere”, ha detto il ministro della Salute Roman Prymula. Sono consentite riunioni fino a sei persone e anche le scuole elementari passeranno all’istruzione a distanza, come nelle scuole medie e superiori.

READ  Decisione olandese di far saltare in aria il pacchetto di stimoli

Nel Spagna, dopo che il governo centrale ha imposto un blocco parziale a Madrid, i contagi sono stabili, ma su quote comunque dell’ordine di 10.000 casi al giorno. Dopo lo stallo con l’esecutivo Sanchez, che ha portato all’annullamento del decreto governativo con le prime restrizioni (poi imposte da un altro sistema), le autorità locali riconoscono oggi la gravità della situazione. Il vicepresidente della Comunità di Madrid, Ignacio Aguado, ha avvertito: “Se il contagio non si abbasserà, il Natale sarà molto diverso da quello che abbiamo sempre immaginato”. Come riportato Paese, l’attrito con il governo sulla questione non accenna a diminuire. La situazione peggiora anche in Catalogna, dove i contagi settimanali sono scesi da 7.000 a 11.000. La Generalitat, come riportato L’avanguardia, è pronto a chiudere bar e ristoranti fino alla fine di ottobre.

Rispetto ad altri paesi europei, il numero di Portogallo. Che però ieri ha registrato 16 morti per Covid-19, il numero più alto dal 20 maggio. Una valutazione negativa che si inserisce nel trend rialzista dei casi di contagio registrato nel Paese nelle ultime settimane. Sabato il governo ha annunciato 1.646 casi positivi in ​​24 ore, la cifra più alta dall’inizio della pandemia. Il paese, nella prima ondata, era considerato un esempio di corretto Gestione Covid. Secondo i dati attuali,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *