Il nuovo Medio Oriente derivante dall’accordo Israele-Emirati-Bahrein

Gerusalemme Il discorso di minèAffari Esteri Emirati Abdullah bin Zayed durante la storia cerimonia alla Casa Bianca per l’instaurazione di relazioni diplomatiche tra il tuo paese e Israele, è stato interrotto nelle case israeliane dalla sirena di “allarme rosso”. Hamas ha ti fa sentire vivi la tua disputa, gettando diverso missili su Ashdod, 30 km a nord della Striscia di Gaza. Le città di confine sono state colpite durante la notte, ferendone 13. UNAAll’alba, l’IDF ha risposto bombardando le infrastrutture di Hamas.

rappresentante

È la dimostrazione che il “Nuovo Medio Oriente”, inaugurato ieri a Washington, Non va bene Volta facilmente pagina rispetto alle dinamiche che quest’area ha visto finora.

Il nuovo Medio Oriente derivante dall'accordo Israele-Emirati-Bahrein

Le firme sul documento di ieri a Washington

Il preambolo dell’accordo firmato ieri tra Israele ed Emirati Arabi Uniti – buono come la dichiarazione di pace tra Israele e Bahrein, che ne annunciava l’adesioneNuovo corso solo venerdì – riafferma “l’impegno a lavorare insieme per trovare una soluzione negoziata al conflitto israelo-palestinese che soddisfi i bisogni e le aspirazioni legittime di entrambe le parti, portando avanti una pace globale in Medio Oriente “.

Questo è il capovolgimento del principio che aveva fino ad ora guidato qualsiasi discorso sul conflitto tra israeliani e palestinesi: “Non ci può essere normalizzazione delle relazioni tra il mondo arabo e Israele senza la previa istituzione di uno stato palestinese entro i confini del 1967”. Adesso, alcuni paesi arabi hanno deciso di invertire l’ordine dei fattori: secondo la nuova dottrina, sarà la normalizzazione del mondo arabo con Israele, la sua accettazione come parte integrante del Medio Oriente e come alleato strategico e partner economico, per ottenere una risoluzione del conflitto con i palestinesi.

READ  Corea del Nord, rapporto di Humans Right Watch racconta torture nei campi di Kim Jong-un - Libero Quotidiano

Questo sarà veramente il risultato di ciò che sta accadendo ora è difficile da dire. Palestinesi parlano di tradimento della causa palestinese da parte del mondo arabo. No.dice del primo Ministro Mohammad Shtayyeh: “La solidarietà araba è morta oggi”. Emirati Arabi Uniti e Bahrein continuano a sostenere che da questa nuova posizione potranno avere maggiore influenza su Israele, come dimostrato dalla sospensione dell’annessione di parte della Cisgiordania., condizione no inviato dai paesi del Golfo per procedere con l’instaurazione di relazioni diplomatiche. I palestinesi non ci credonoIl.rivogliono smettere di giocare la carta palestinese quando servono solo i loro interessi, nell’illusione che un’alleanza con Israele li proteggerebbe dall’Iran ”, ha detto ieri in un’intervista a Repubblica Saeb Erekat, segretario generale OLP e storico capo negoziatore delAnp. Con ogni probabilità, il file Strategia palestinese cristallizzerà quando sarà conosciuto chi sarà il prossimo inquilino della Casa Bianca.

Decenni di relazioni clandestine tra Stato ebraico e Paesi arabi sunniti sono stati resi pubblici il 13 agosto con la dichiarazione degli Emirati, che ha ottenuto l’approvazione di diversi leader Sunniti – uniti contro l’asse sciita – definirlo “un passo verso un Medio Oriente pacifico”, tra cui spicca il sostegno del presidente egiziano Al Sisi. La Lega Araba si è persino rifiutata di sostenere una risoluzione palestinese che chiedesse la condanna degli Emirati. ridopo meno di un mese, anche Bahrein Iscritto. Ieri alla Casa Bianca, Trump lo ha detto “Seguiranno altri 5 paesi, tra cui l’Arabia Saudita ‘al momento giusto'”. Il fatto che Riad abbia autorizzazione I voli israeliani sorvolano il proprio spazio aereo per raggiungere gli Emirati e altre destinazioni orientali, è un segno significativo in questo senso.

L’Oman, il cui ambasciatore negli Stati Uniti era in prima linea nella cerimonia, è considerato da tutti come il prossimo, e potrebbe essere questione di giorni. C’è chi parla poi dal Sudan e dal Marocco, dopo ulinea aerea diretta Tel Aviv – Casablanca. Esiste già oggi di fatto una sorta di normalizzazione con il Paese del Nord Africa: centinaia di migliaia dila visita israeliana ogni annoil Marocco grazie a un’autorizzazione speciale concessa dal re, questa onore il fatto che il suo paese abbia storicamente ospitato una delle più grandi comunità ebraiche del mondo arabo (oltre 250.000 ebrei marocchini sono emigrati o sono fuggiti in Israele con la fondazione dello Stato. Fino ad oggi sono rimasti in Marocco circa 2.500 ebrei). E anche dal Libano si sentono voci di approvazione: il giornalista libanese Nadim Koteich ha scritto suoi Asharq Al-Awsat che “il Libano dovrebbe essere il prossimo Paese a fare la pace con Israele”, ripudiare Hezbollah aderire all’asse anti-iraniano in Medio Oriente.

La velocità con cui tutto questo sta accadendo deve essere con la data più importante per l’ordine mondiale, le elezioni presidenziali 3 novembre. Trump scommette molto sulla mappa del Medio Oriente, sul prestigio per introdurre nuovoio assettio diplomaticoio dopo quasi trent’anni – gli accordi Israele-Giordania risalgono al 1994 – e soprattutto sul rimpatrio di diverse truppe americane di stanza nella regione. Non si può escludere che io Prossimi 48 giorni potrebbero riservare altre sorprese su questo fronte.

READ  Otto e Mezzo, Enrico Mentana "terrorizzato" di Lilli Gruber? Ultimi clamorosi secondi del TgLa7 - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *