Credi all’hype: tutto, ovunque, tutto in una volta è una vera sensazione cinematografica | recensioni di film

RevisioneIl concetto di “multiverso” è di tendenza. Di recente, anche gli eroi Marvel Spider-Man e Doctor Strange si sono persi in più mondi paralleli. Questi film possono finire nella spazzatura. Il sensazionale Tutto ovunque tutto in una voltanelle sale da giovedì, calcia lo stesso di Essere John Malkovich e il primo La matrice causato nel 1999. E poi quei confronti non coprono nemmeno la metà del carico.

Tutto ovunque tutto in una volta

    • Stelle
    • Stelle
    • Stelle
    • Stelle
    • Stelle

    Commedia/Fantascienza

Un film con il budget di una produzione d’autore e l’ambizione di un grande successo, che serve anche entrambi gli spettatori. Nato da un’idea del duo di registi e sceneggiatori Dan Kwan e Daniel Scheinert (conosciuto collettivamente come “Daniels”, precedentemente responsabile di Uomo dell’esercito svizzero) potrebbe davvero solo fallire. Il fatto che ci siano riusciti dovrebbe far riflettere molti altri registi presi nell’attuale clima sicuro del cinema.

Meno sai in anticipo, meglio è, quindi solo i contorni della trama. L’immigrata cinese nevrotica Evelyn (Michelle Yeoh, che cattura immediatamente la tua attenzione) viene colpita al collo dal fisco (interpretato da un esilarante Jamie Lee Curtis) mentre fa funzionare il suo bucato appiccicoso. Poco prima di un appuntamento per esaminare a fondo l’amministrazione lì, viene improvvisamente affrontata severamente dal marito, solitamente debole, Waymond.

Jamie Lee Curtis in Tutto ovunque, tutto in una volta © I ricercatori

Afferma di essere una versione dell’universo alternativo di suo marito, qualcuno che ha incontrato migliaia di Evelyn e sa per certo di avere il potere di contrastare una minaccia imminente su tutti quei mondi. Bel dettaglio: deve ricoprire questo ruolo chiave, proprio perché conduce un’esistenza così monotona. Non diremo esattamente come funziona qui, ma richiede che Evelyn entri in contatto con le sue diverse versioni. Uno è una star del cinema di successo (la stessa attrice Michelle Yeoh, del nostro universo?), un altro è un maestro di arti marziali o un leader in un cosmo dove gli eventi banali del successo animato della Pixar Ratatouille può essere un tasso del tutto normale.

C’è molto di più in corso Tutto ovunque tutto in una volta che combina senza sforzo umorismo slapstick e acrobazie appariscenti con riflessioni filosofiche. È un bene che non si trasformi nel caos. Soprattutto, funziona fondamentalmente come un dramma familiare intimo che convince e commuove sinceramente.

Alle due e venti minuti, questo inventivo tourbillon gira forse un po’ troppo. È davvero tutto e ovunque allo stesso tempo. Ma tanta creatività, coraggio ed emozione meritano soprattutto un applauso fragoroso. È arrivato il primo candidato per il miglior film del 2022.

Regia: Dan Kwam e Daniel Scheinert. Con: Michelle Yeoh, Ke Huy Quan e Jamie Lee Curtis

Fase di tutto ovunque in una volta.

Fase di tutto ovunque in una volta. © I ricercatori

READ  Uomini e Donne, stalker di Nicole Mazzocato: "Costretta a muoversi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.