Cronaca • Per molti residenti del Feyenoord, le vacanze estive non sono una festa

Cronaca • Per molti residenti del Feyenoord, le vacanze estive non sono una festa

Sembrava che il Feyenoord avesse giocato in casa mercoledì scorso. A Varkenoord era pieno di sostenitori. Ma il Feyenoord non ha giocato. I volontari dell’associazione dei tifosi De Feijenoorder hanno potuto scattare una foto con la ciotola all’ultimo minuto. Non gliel’abbiamo detto due volte.

E così c’erano Jeannette e Jeroen, Gijs, Nicole, Philip, Jeroen, Ebru, Roy, Martien, Glenn, Mandy, il fotografo Danny e molti altri. Martijn non ha mai perso di vista la bilancia e Ayla e Carli erano lì per assicurarsi che tutto procedesse senza intoppi.
C’erano anche Anneke e John, inseparabili e immancabili. John è un robusto e tarchiato Rotterdammer dei primi anni settanta. Ha un vivace pizzetto bianco sul mento e viti nelle orecchie. Mangia le unghie a colazione, immagino.
“Come stai, Giovanni?” »
«Be’, non c’è molto di cui vergognarsi» disse con finto dolore. Punta in direzione di De Kuip. L’altro lato, come viene chiamato Varkenoord.
“Se quegli Slot e Te Kloese continuano così, rovineranno tutta la nostra cultura del club”, dissi con un occhiolino.
A John non resta che parlare del suo ultimo acquisto: una maglia senza maniche del Feyenoord – “brav’uomo, con quel calore” – che è riuscito ad ottenere grazie al Feyenoord Basketball. “Non vendono nel Fanshop”, brontola. Ad esempio, la conversazione ruota attorno all’Adidas che afferma che il Feyenoord ha perso milioni bloccando la vendita di magliette in Messico.
” E tu come stai ? Io provo ancora.
‘Sì, ​​va bene amico. Spesso siamo lontani da casa. Non siamo nemmeno tornati o stiamo già partendo.
“È un bene che ti calmi.”
“È bello anche essere a casa,” disse John, come per evitare fraintendimenti.
Nascono così brevi conversazioni con Bas, Jeroen, Martijn, Philip e un abbraccio per Jeannette. Li presento a mio figlio.
Quando un po’ più tardi lasciamo Varkenoord, gli dico: “Rivedere il Feyenoord è sempre come tornare a casa”.
“Sì,” disse. È un uomo di poche parole.
Anche il Feyenoord è sempre presente nella sua vita. Si alza con esso e va a letto con esso. Come molti Feyenoord. Presto andranno in vacanza. Sembra una festa, ma è un’apparenza. Anche quando trascorrono del tempo con il partner, i figli e gli amici, il Feyenoord è sempre lì. Chi viene, chi parte? A che ora iniziano le porte aperte? Quale sarà il programma del concorso? Quando giochiamo contro di loro? Quando ricevo il mio abbonamento? Con l’avanzare dell’estate, tutti questi Feyenoord contano fino al giorno in cui potranno tornare al Feyenoord. All’open house, all’allenamento o alla partita di allenamento dove possono ancora andare. Quindi non possono credere alla loro fortuna. Non solo perché rivedono i giocatori o De Kuip. O Varkenoord o 1908. Si vedono. Ogni anno, questo momento segna la fine delle festività natalizie. Per Feyenoorders, è il periodo festivo dell’estate.

READ  Amalia e Ariane appaiono al concerto del King's Day, Máxima va nel panico per il Feyenoord | mostrare

francese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *