Da Parigi a Berlino: ecco come l’Europa si prepara a nuove serrate

misure anti-coronavirus

Con la pandemia che continua a crescere, i principali paesi dell’UE stanno adottando misure difficili e impopolari, cercando di bilanciare difesa della salute e stabilità dell’economia

di Michele Pignatelli

Un centro di test Covid istituito a Englos, Francia

Con la pandemia che continua a crescere, i principali paesi dell’UE stanno adottando misure difficili e impopolari, cercando di bilanciare difesa della salute e stabilità dell’economia

4 ‘letto

La Francia deve essere pronta a “decisioni difficili” per affrontare la nuova ondata di casi di coronavirus. Le dichiarazioni del ministro dell’Interno transalpino Gerald Darmanin al canale France Info, prima dell’incontro con il presidente Emmanuel Macron e gli altri ministri competenti, sono il termometro climatico generale che attraversa i grandi paesi europei, tutti chiamati – dalla Francia al Germania, dalla Spagna alla Gran Bretagna – ad adottare misure difficili e impopolari, cercando di bilanciare la protezione della salute pubblica (e il sistema sanitario minacciato di collasso) con la resilienza del ‘economia.

Francia, il primo paziente in Europa

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affidato la riflessione sul nuovo piano alle due sessioni del Consiglio Difesa convocate martedì e mercoledì e alla consultazione delle forze politiche e delle parti sociali affidata al premier Jean Castex.

Il paese ha istituito un coprifuoco dalle 21:00 alle 6:00 a Parigi e nelle principali città due settimane fa, ma il numero di nuovi contagi – 52.000 domenica – e i ricoveri ospedalieri sono aumentati notevolmente: 1.307 lunedì , con il maggior aumento del numero di pazienti in terapia. intensivo dall’inizio di aprile. “Abbiamo chiaramente bisogno di un blocco generale”, ha detto alla televisione BFM Gilles Pialoux, uno specialista in malattie infettive presso l’ospedale Tenon di Parigi. Allo stesso tempo, di fronte a un’altra emergenza, la Confederazione delle Piccole e Medie Imprese ha rilasciato un comunicato in cui avverte del rischio di collasso economico in caso di ulteriore reclusione.

READ  Charlie Hebdo ripubblica i cartoni animati di Maometto. "Non abbassiamo mai la testa"

Due fonti del settore hanno detto a Reuters che il governo sta considerando un coprifuoco anticipato, la chiusura di attività non essenziali e un blocco nel fine settimana per tutti i cittadini. Al momento non ci sono conferme ufficiali da parte del governo.

La Germania e il blocco “leggero”

“Abbiamo mesi molto, molto difficili davanti”, ha detto Angela Merkel in un vertice del suo partito, la CDU; Per questo il cancelliere tedesco vuole accelerare i tempi e ha proposto mercoledì un incontro con i presidenti dei ministri dei 16 Länder per valutare le nuove restrizioni. In Germania, ogni stato è responsabile della maggior parte delle misure, motivo per cui è necessario il loro consenso per attuarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *