La poliziotta che ha ucciso Daunte Wright è stata accusata di omicidio di secondo grado

Kim Potter, l’ufficiale di polizia che ha ucciso Daunte Wright, un ragazzo nero di 20 anni l’11 aprile, vicino a Minneapolis, Minnesota, Stati Uniti, è stato accusato ufficialmente omicidio di secondo grado.

Wright era stato arrestato dalla polizia per una violazione del codice stradale vicino a Brooklyn Center, una città vicino a Minneapolis. È poi scappato con la sua auto dopo che la polizia ha scoperto un mandato di cattura per lui e ha tentato di ammanettarlo, e dopo essere stato colpito e ucciso da un agente di polizia; mentre cercava di scappare, si è schiantato contro un’altra macchina ed è stato subito dichiarato morto sul posto.

C’era stato dopo l’omicidio di Wright eventi principali a Minneapolis, e il capo della polizia del Brooklyn Center e Kim Potter si erano dimessi. Il capo della polizia ha detto che lunedì Wright è stato ucciso per l’errore di Potter, che ha sparato con una pistola, credendo di usare il taser, un’arma non letale che utilizza una scarica di corrente per paralizzare i movimenti di coloro che colpiscono, provocando la contrazione dei suoi muscoli.

In Minnesota, l’omicidio di secondo grado indica una varietà di situazioni, tra cui l’omicidio intenzionale e non premeditato o l’intenzione di non uccidere ma di infliggere un grande dolore fisico alla vittima. La pena massima per questo reato è di 10 anni di reclusione.

READ  Francia, perde il lavoro e torna dai genitori: il padre lo rinchiude in soffitta per mesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *