Da solo a letto, tossendo minuto per minuto. Un incubo

Temperatura. Tosse. Ansia, perché quando Covid ti porta via non sai mai come va a finire. Isolamento e paura. E un dolore dentro davvero forte, perché questo virus che ti entra dentro e non ti accorgi nemmeno che ti sta attaccando i polmoni e ti toglie il fiato, ha portato via suo padre, Enzo. quando Francesco Totti ha scoperto di essere stato contagiato all’inizio di novembre e si è subito reso conto che le frasi su “ma è solo un’influenza comune” erano assurde. Un’altra cosa sono gli effetti del coronavirus e le conseguenze che ti lascia. Comprendi quanto può essere pericoloso e mortale quando ti riprendi.

In Italia si sono verificati più di 100mila decessi durante un anno di pandemia e, ancora oggi, la situazione è difficile, molto delicata a causa dell’emergenza sanitaria ed economica. Il ceppo originale e ora le varianti sono un incubo che prima o poi finirà. Quella dell’ex capitano della Roma è durata quasi un mese e se ci pensa trema. Nei suoi occhi si legge lo stupore che non ha mai avuto nemmeno quando era sotto di 2 goal o dava un rigore decisivo. “Mo l’ho fatto era un cucchiaio …” ha detto quando con audacia e sicurezza ha preso in giro il portiere dell’Olanda. Con Covid, d’altra parte, potresti non farla franca.

Ci sono voluti 24 giorni per guarire. Ho preso Covid in una forma abbastanza aggressiva – dice Totti nell’intervista al Corriere della Sera -. Mi è stata diagnosticata una polmonite bilaterale. Avevo la febbre di 40 °, la tosse continua. Mi sentivo stanco e non avevo fame. Ad un certo punto la saturazione è aumentata da 89 a 90 e avrei dovuto essere ricoverato in ospedale ma rifiutato. Avevo paura di quello che era successo a mio padre due mesi prima. Con le droghe sono riuscito a cavarmela, ma è stata davvero dura ”.

Sdraiato sul letto, sentendosi come se un carter motore lo avesse superato. Totti non si era sentito così anche quando i suoi avversari lo hanno preso a calci e hanno cercato di metterlo KO. Si è alzato in piedi, ha fatto una smorfia, poi ha ripreso a correre e segnare, rispondendo con la sua abilità tecnica all ‘”attenzione” che stava ricevendo. A volte perdeva il controllo (come quando sputava su Poulsen o quando prendeva a calci Balotelli), ma faceva ammenda per quegli atteggiamenti. Con Covid, invece, accusava l’angoscia e la coscienza di non poter fare altro che pazientare e sperare che tutto accadesse prima piuttosto che dopo.

READ  Dybala ancora escluso: la verità sulla scelta, cosa pensa Pirlo della Joya

Ho cercato di restare a casa il più possibile e di curarmi con cortisone, antibiotici, eparina – ha aggiunto Totti -. Ero solo a letto, in balia del tempo. Non ho reagito … È stato un incubo che è durato quasi un mese. E quando ho visto che dopo dieci giorni di droghe e iniezioni non se n’era andata, ho avuto davvero paura.

Il coronavirus ha colpito tutta la sua famiglia ma in modo diverso e in forma più lieve. Nella storia di Totti c’è anche questo dettaglio. Il modo in cui ha contratto il virus non può spiegarlo, ma l’allontanamento sociale e le precauzioni rimangono l’unico modo migliore per cercare di proteggersi.

I ragazzi erano spaventati, anche tutti positivi, fortunatamente asintomatici. Ilary, le tate, il giardiniere, tutti quanti. Tutti intorno a me lo hanno preso – ha concluso -. Non so come sono stato contagiato … tra foto, autografi, amici, non sai chi fosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *