“Dai 110 milioni di ieri ai 70 di oggi, ma l’anno prossimo saranno 50 …”

Attraverso un articolo sul suo sito ufficiale, il giornalista ed esperto di mercato di Sportitalia Alfredo Pedullà ha analizzato la situazione di Koulibaly: Ha ragione chi sostiene che i tempi della follia siano finiti. Almeno per ora. Il calciomercato deve alimentare i sogni e rendere felici i tifosi, ma finché non vola abbastanza in alto da metterlo seriamente a repentaglio. i bilanci di ogni club. L’effetto pandemico si tradurrà in una perdita di quattro miliardi (sottolineiamo miliardi) per le stagioni 2019-2020 e 2020-2021. Ora è anche vero che – dal suo punto di vista – il Napoli continua a chiedere 80 milioni e trasferendosi al Manchester City per la cessione di Kalidou Koulibaly, chiunque può giocare quanto crede di poter, anche perché fino a poco tempo fa il Napoli aveva davvero detto no a una proposta di 110. per KK. Ma non molto tempo fa, il PSG è arrivato a offrire 60 milioni ad Allan che – anche – è andato all’Everton per un importo completamente ridotto. Quindi non ha senso fare troppi giri: i 70 milioni di oggi, quelli che il Manchester City mette sul tavolo aggiungendo bonus, sono i 110 di ieri. E gli anni ’70 di oggi saranno gli anni ’50 di domani è solo il Napoli che fa i suoi calcoli, ma la morale diventa automatica: prendere o lasciare. Senza contare che partire significherebbe una valutazione ancora più bassa della carta durante le prossime sessioni di mercato ”.

READ  Luis Suarez, "esame farsa per ottenere la cittadinanza": la Procura di Perugia si affretta a sistemare il test italiano per andare alla Juve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *