di dubbia qualità e senza lucentezza

AFP

Notizie ONS

  • Paolo Alessandro

    scrittore all’estero

  • Paolo Alessandro

    scrittore all’estero

Alla festa di annessione del Cremlino la scorsa settimana, quattro rappresentanti locali delle regioni di Luhansk, Donetsk, Zaporizhzhya e Kherson si trovavano davanti a una stanza piena di applausi di Putin. Sono stati autorizzati a presentarsi per mostrare al mondo che le regioni si stavano unendo alla Russia di loro spontanea volontà.

Come ha detto il ministro degli Esteri Lavrov: “Vogliamo che gli ucraini decidano da soli come vogliono procedere”.

La misura in cui i fatti minano questa immagine del Cremlino emerge anche dalla ricerca di Ekaterina Reznikova sul sito del collettivo di giornalisti russi indipendenti media.progetto. Ha calcolato che il 90% dei dipendenti pubblici e degli amministratori nominati dopo l’invasione nelle quattro regioni proviene dalla Russia.

“Mosca si è preparata per l’annessione sin dal primo momento”, conclude Reznikova. Ha compilato le biografie di più di cento amministratori e funzionari. Insieme dipingono un buon quadro di come sono governate le aree sotto i russi.

Soprattutto i russi

I governi locali di queste regioni insieme hanno 36 amministratori. Solo tre di loro vengono dall’Ucraina, ha scoperto. E dei 49 sindaci locali intervistati da Reznikova, solo cinque erano in carica prima dell’invasione.

“Un terzo ha frequentato la ‘Scuola dei governatori’ o la ‘Competizione dei leader della Russia’”, ha detto Reznikova al telefono. Questi programmi educativi per i fedeli funzionari sono un’iniziativa di Sergueï Kirijenko, vice capo di stato maggiore del Cremlino. Subito dopo l’invasione, è stato nominato da Putin “Conservatore delle Aree Liberate”.

Questi territori ucraini sono annessi alla Russia:

ILLUMINATO

Questi territori ucraini sono annessi alla Russia

Il resto dei dipendenti pubblici è composto da quadri intermedi delle province o dei ministeri di Mosca. “Non ci sono stelle tra loro, né piloti con meriti notevoli”, dice Reznikova.

Sorprendentemente, questi funzionari spesso perdono il loro grado. Ma guadagnano bene e soprattutto vogliono mostrare la loro lealtà a Putin e alla guerra sul cambio. La posizione in aree periferiche offre prospettive di carriera, con una posizione a Mosca come obiettivo finale.

“Alcuni non sono di buon carattere”, dice Reznikova. “I funzionari locali condannati per corruzione possono aumentare la loro reputazione lontano da casa”.

regno militare del terrore

La nomina di tutti questi russi nella parte conquistata dell’Ucraina, secondo Reznikova, ha davvero un solo scopo: convincere la popolazione locale che la Russia non ha mai intenzione di andarsene.

Il vero potere nei territori annessi appartiene ai comandanti dell’esercito russo. Conducono un regno militare di terrore e sopprimono violentemente i suoni devianti e ogni forma di resistenza. I comandanti operano sotto il loro “nome di battaglia”. C’è un ‘Mosè’ e anche un’ ‘Aquila’.

I comandanti guidano amministrazioni militari-civili appositamente formate. Questi sono ucraini locali, spesso dell’esercito (sovietico) o dei servizi di sicurezza. Il loro compito è principalmente quello di conquistare la popolazione locale alla dominazione russa.

Il presidente Putin ha firmato i documenti di annessione con i governanti insediati dalla Russia in queste regioni, Lugansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhzhya:

Putin e i leader regionali firmano documenti per annessione illegale

Secondo Reznikova, questi personaggi sono caratterizzati da un passato oscuro. Uno di loro è Vladimir Saldo, capo della regione di Kherson. che era presente anche al Cremlino per la firma dei documenti di annessione.

Reznikova: “Prima della guerra era già accusato di collaborare con l’FSB e incarcerato nella Repubblica Dominicana per un caso di rapimento. Ad agosto Saldo, ora capo di Kherson, si ritrova improvvisamente in ospedale: si dice sia stato avvelenato. A metà settembre è improvvisamente ricomparso in carica.

Attacchi

Come autista ucraino tra i russi, la tua vita è precaria, specialmente nella regione di Kherson. Lì, i sostenitori locali hanno iniziato la caccia ai collaboratori e diversi amministratori sono stati uccisi negli attacchi.

E con tutta la rivalità reciproca, le regioni sono amministrativamente una fossa di serpenti. Questo è mostrato nella biografia della coppia Gubarev di Donetsk, preparata da Reznikova.

I coniugi erano popolari tra gli elettori nella Repubblica popolare di Donetsk. Pavel Gubarev è stato gravemente ferito in un attacco durante il periodo elettorale. La moglie Ekaterina è stata brevemente rapita alcuni anni dopo durante le elezioni, dice. Mentre Pavel sta ora combattendo nell’esercito russo, sua moglie Ekaterina sta tentando la fortuna nell’amministrazione militare-civile di Kherson.

Anche i leader regionali locali Denis Pushilin (Donetsk) e Leonid Paschnik (Luhansk) hanno firmato solennemente i documenti di annessione al Cremlino. Allo stesso tempo va tutte le voci che dovrebbero dimettersi per il prossimo futuro.

Reznikova non può confermarlo. “Erano presenti al Cremlino perché erano utili. Ma cosa decide davvero intorno a Putin, nessuno lo sa. Si sa solo: quando non serviranno più, dovranno lasciare il campo. Quindi probabilmente al loro posto prenderanno i russi. ” . “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *