Di Francesco: “Un po ‘nervoso per le perdite di tempo, ma mi è piaciuto l’atteggiamento dei miei genitori”

L’allenatore del Cagliari in una nuova sconfitta.

di Redazione Il Posticipo

PARMA, ITALIA – 16 DICEMBRE: L’allenatore Eusebio Di Francesco del Cagliari Calcio fa gesti durante la partita di Serie A tra Parma Calcio e Cagliari Calcio allo Stadio Ennio Tardini il 16 dicembre 2020 a Parma, Italia. (Foto di Alessandro Sabattini / Getty Images)

Il Cagliari torna senza punti dalla trasferta all’Olimpico. Nonostante una partita giocata con l’odine, Di Francesco ha suonato la dodicesima sconfitta stagionale ed è rimasto in piena zona retrocessione. Solo il Crotone ha perso più partite dei sardi. Un punto in otto partite è un piccolo prezzo rispetto alla quantità di gioco e alla qualità della squadra. Il tecnico analizza la sfida di Sky Sport.

EQUILIBRIO – La sensazione è che non si sia ancora trovato un equilibrio. La svolta sembra vicina e non arriva mai. Un allenatore particolarmente nervoso alla fine. “Al di là della perdita di tempo e dei raccattapalle che sono scomparsi, non è la prima gara che va male e c’è un po ‘di nervosismo. Ci siamo presentati con diverse defezioni, ma ricordiamoci con chi abbiamo giocato. Avevano un netto dominio ma abbiamo avuto l’opportunità di prendere il comando e recuperarli. Il nuovo modulo di gioco può trovare continuità. Questo sistema mi ha portato fortuna con il Barcellona, ​​ricordo per farmi tornare un po ‘di buon umore. A parte tutto l’atteggiamento della squadra, mi è piaciuto. I ragazzi hanno messo tutto il possibile in campo. Se siamo stati troppo corti e abbiamo sofferto in contropiede dipende anche dal fatto che gli avversari potessero cinque giocatori sulla linea difensiva. E poi c’è anche l’aspetto psicologico che fa la differenza ”.

READ  Bastoni punto fermo di Conte e Mancini: sparite le critiche sui 31 milioni. No al Comune, è allo studio un nuovo contratto

CIAO – La buona notizia è che la salvezza è ancora a un punto, ma la classifica si allunga e c’è urgente bisogno di cambiare ritmo. Forse dai nuovi trapianti. “Asamoah ha bisogno di riprendersi, anche Rugani. Nainggolan non è ancora nelle migliori condizioni ma sta crescendo, manca ancora di qualità. Se rimaniamo bassi non aiuta, ma alzando il baricentro mettiamo i giocatori nella posizione migliore per essere proattivi possiamo cogliere i risultati. E la soluzione migliore è alzare il centro di gravità ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *