Dietro la guerra: in questa foto alla ricerca del padre |  ADESSO

Dietro la guerra: in questa foto alla ricerca del padre | ADESSO

Il giornalista di guerra Hans Jaap Melissen racconta la storia delle persone dietro la guerra in Ucraina per NU.nl. Oggi da Kharkiv, dove si è recato alla ricerca del padre che ha continuato a tenere per mano il figlio di 13 anni morto dopo un attacco dei russi.

È una foto che ti trafigge l’anima. Una delle foto più impressionanti di questa guerra.

Il padre che continua a tenere per mano il figlio di 13 anni morto per strada a Kharkiv.


Il padre che continua a tenere per mano il figlio di 13 anni morto per strada a Kharkiv.

Il padre che continua a tenere per mano il figlio di 13 anni morto per strada a Kharkiv.

Foto: Getty Images

Un bagnino cerca di confortare l’uomo, come si vede in un’altra foto. Ma non c’era consolazione. La cosa più terribile che potrebbe accadere a un genitore è accaduta qui.

Io stesso avevo appena lasciato Kharkiv quando questa foto è stata scattata il 20 luglio 2022. Forse è per questo che non mi ha lasciato andare. Ma più probabilmente perché io stesso sono un padre.

Recentemente, tornato a Kharkiv, ho deciso di cercare questo padre. Con l’ordine al mio interprete soprattutto di non insistere, se la famiglia non volesse avere niente a che fare con la stampa.

Il mio interprete ha riconosciuto la scena del dramma. Abbiamo chiesto informazioni sull’enorme area del condominio al di là. Tutti sembravano conoscere la foto, ma nessuno conosceva la famiglia. Finché, dopo un’ora e mezza di ricerche, abbiamo finalmente trovato il loro appartamento, dove un vicino ci ha detto che la famiglia si era trasferita da poco. Aveva un numero di telefono di sua madre, Viktoria Kubata, una nota giocatrice di scacchi a Kharkiv.

READ  Tre premi Nobel per la pace non sono amici di Vladimir Putin | All'estero

Viktoria era pronta a parlare, al telefono. Solo suo marito Vyacheslav non poteva davvero farlo, ha detto. Era emotivamente incapace di farlo.

La famiglia ora viveva con i parenti, a poche ore di macchina da Kharkiv.

“Ci siamo sentiti in colpa per essere rimasti lì così a lungo. Se non lo avessimo fatto, non sarebbe successo”, dice Viktoria abbastanza rapidamente. Ma ha detto che c’erano dei motivi per non partire subito. “Ho problemi di salute e pensavamo che gli attacchi non sarebbero stati così forti. Inoltre, la metropolitana stava funzionando di nuovo, sembrava più sicura. In effetti, pensavamo che a luglio tutto stesse migliorando”.

Le forze russe sono state spinte sempre più lontano da Kharkiv, ma la città, vicino al confine con la Russia, è ancora a portata di tutti i tipi di missili.

Nella foto è Dima, 13 anni. Sua madre su di lui: “Ho tanti bei ricordi. Dima era una brava studentessa, molto attiva e positiva”.


Nella foto è Dima, 13 anni.  Sua madre su di lui: "Ho molti bei ricordi.  Dima era una brava studentessa, molto attiva e positiva."

Nella foto è Dima, 13 anni. Sua madre su di lui: “Ho tanti bei ricordi. Dima era una brava studentessa, molto attiva e positiva”.

Foto: Collezione privata

“Correremo un po’, per esercizio”

Questo tragico 20 luglio è iniziato con una brutta notte, dice Viktoria. “Non sono stato bene tutta la notte. Ecco perché la mattina è peggiorato. Non ho dormito e ho avuto problemi alla vescica e altri problemi aggravati dalla guerra, come i calcoli renali. Mio marito si è preso cura di me tutta la notte”.

I suoi figli, Dmytro (13) e Ksenia (15), che in conversazione chiama Dima e Ksysha, normalmente non uscirebbero senza i loro genitori. Ma quella mattina lo fecero. “Hanno detto, andiamo a correre. Solo per gli allenamenti. È stato tranquillo per un po’ e nessuno si aspettava problemi”.

READ  Le donne afghane giudici, avvocati e pubblici ministeri temono per la loro vita

Intorno alle 8:45 i bambini hanno lasciato la casa e hanno corso per il quartiere. L’esplosione è avvenuta alle 9:00 Fratello e sorella stavano correndo appena sopra una fermata dell’autobus ai margini del quartiere. Dima davanti, sua sorella 5 metri dietro di lui. “Dima è morta sul colpo. Ma sua sorella all’inizio non ha capito. Ha chiesto a Dima di alzarsi, ma lui non ha risposto.”

Sua sorella, lei stessa ferita, ha cercato di chiedere aiuto ed è corsa lungo la strada. Uno degli automobilisti di passaggio si è fermato e l’ha portata in ospedale. Ksysha aveva numerose ferite, tra cui schegge nei polmoni, ed era ricoperta di sangue.

Nel frattempo, Viktoria e suo marito avevano sentito le esplosioni a casa e stavano cercando di raggiungere i loro figli. “Abbiamo chiamato i loro cellulari, a cui hanno sempre risposto, ma non ora”. Sono andati a indagare separatamente, dopo di che suo marito è rimasto costernato nel trovare il figlio morto vicino alla fermata dell’autobus. Viktoria arrivò lì un po’ più tardi. “Ma non abbiamo visto nostra figlia da nessuna parte. Siamo andati a cercare, con la polizia, ma ci sono state nuove esplosioni e abbiamo dovuto metterci al riparo”.

Dopo un quarto d’ora, è stato detto loro che la loro figlia era in ospedale e Viktoria ha deciso di andare lì con la polizia. Suo marito rimase con Dima, che nel frattempo era stata coperta da un pezzo di telone rosso. I rapporti di quel giorno indicavano che Vyacheslav continuò a tenere la mano di suo figlio per due ore e pregò anche accanto a lui. Questo è visibile nelle foto. “Non so per quanto tempo è stato lì, ma è rimasto con Dima finché non lo hanno portato via”, dice Viktoria.

READ  la guerra dell'informazione intorno a un "crimine di guerra"

Un missile russo cambia tutto

Si sforza di guardare la foto che ha fatto il giro del mondo. “Anche se ho letto tutto ciò che è stato scritto a riguardo.” Riesce a parlare di Dima. “Troviamo molto difficile parlare di lui o meno. Ho molti bei ricordi. Dima era un bravo studente, molto attivo e positivo. Era un ballerino da sala come sua sorella. Per sette anni. Ha anche giocato a scacchi Amava disegnare e gli è stata regalata una tavoletta grafica solo per il suo compleanno, il 10 luglio. Si stava sviluppando bene. Abbiamo avuto una bella vita.

Ma ora un missile russo ha capovolto tutto. L’unica cosa che spinge Viktoria in avanti è il futuro di sua figlia. Ha subito diversi interventi chirurgici e sta abbastanza bene. “Deve la sua vita all’uomo che l’ha portata in ospedale. È stato una specie di miracolo. Il cognome di quest’uomo è “Parus”. “

La loro figlia è anche la ragione per cui hanno lasciato Kharkiv. “Non perché ci siamo confrontati con i ricordi di Dima nella nostra casa. Vogliamo concentrarci sul futuro di nostra figlia. Deve vivere, senza doversi rinchiudere in una casa tutto il giorno. È troppo per lei a Kharkiv pericoloso .Gli attacchi lì semplicemente non si fermano.

Fratello (Dima) e sorella (Ksysha) dopo una gara di ballo da sala qualche anno fa


Fratello (Dima) e sorella (Ksysha) dopo una gara di ballo da sala qualche anno fa

Fratello (Dima) e sorella (Ksysha) dopo una gara di ballo da sala qualche anno fa

Foto: Collezione privata

Venerdì sera, Hans Jaap Melissen ha ricevuto il Premio giornalistico per la pace per il suo lavoro di giornalista di guerra. Ha dedicato il premio al compianto Dima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *