Dietro la guerra: ripulire e preoccuparsi dell’inverno nell’Ucraina liberata |  ADESSO

Dietro la guerra: ripulire e preoccuparsi dell’inverno nell’Ucraina liberata | ADESSO

Il giornalista di guerra Hans Jaap Melissen racconta la storia delle persone dietro la guerra in Ucraina per NU.nl. Oggi da Izium, un luogo della provincia di Kharkiv che è stato liberato (esattamente) un mese fa.

“Scusate, il ponte di barche è rotto. Dobbiamo aspettare o fare una deviazione”, gridano alcuni soldati. I camion dell’esercito stanno sul ponte di barche, mentre il personale tecnico cerca di nuovo di stabilizzarlo.

Più avanti c’è un altro ponte, ma lì il traffico continua a impantanarsi nel fango e l’uno nell’altro. Un bulldozer inizia ad abbattere alcuni cespugli e livellare il fango a lato della strada, lasciando un po’ di spazio al traffico.

Izium è uno dei primi posti ad essere liberato durante la grande controffensiva dell’esercito ucraino il mese scorso. Sempre più abitanti stanno tornando, mentre i morti sono appena scomparsi. Almeno la sua morte fossa comune alla periferia di Izium.

bare semiaperte

Centinaia di corpi furono riesumati per la ricerca in una foresta adiacente al cimitero ordinario. Le fosse sono vuote, sporgono croci di legno, con solo un numero su di esse. In alcune tombe ci sono ancora bare, semiaperte, come se fosse avvenuta una risurrezione. Ma la giustizia esamina i corpi, che spesso mostrano segni di tortura.

Una fossa comune è stata scoperta in una foresta alla periferia di Izium.


Una fossa comune è stata scoperta in una foresta alla periferia di Izium.

Una fossa comune è stata scoperta in una foresta alla periferia di Izium.

Foto: Hans Jaap Melissen

L’unica resurrezione realistica deve essere quella della stessa Izium. Il vice sindaco Volodymyr Matsokin ha le mani occupate. Ha un ufficio in un altro posto, perché quasi tutti gli edifici ufficiali sono stati abbattuti. “Tutto è un problema. Elettricità, gas. Stiamo sminando.”

READ  Chi beve il caffè alla macchinetta dovrebbe assolutamente sapere questa cosa che dicono in pochi

Matsokin è diventato una preoccupazione dai recenti attacchi missilistici alle centrali elettriche in tutta l’Ucraina. “Stiamo ripristinando cose come questa. Spero che non vediamo più missili qui.”

Volodymyr Matsokin, vicesindaco di Izium.


Volodymyr Matsokin, vicesindaco di Izium.

Volodymyr Matsokin, vicesindaco di Izium.

Foto: Hans Jaap Melissen

L’elettricità ora proviene principalmente dai generatori. La telefonia mobile è, tuttavia, traballante, tornata. Al centro, le schede SIM di un noto provider vengono vendute nel retro di un’auto. Poco più avanti, una lunga fila per un furgone, dove i volontari distribuiscono pane e carta igienica.

preoccupati per l’inverno

Anche a Yevgenia, una donna anziana che non vuole rivelare il suo cognome, come la maggior parte dei residenti. È felice dell’aiuto, ma dice di essere preoccupata per l’inverno. “E abbiamo avuto un momento così difficile qui sotto i russi”.

Yevgenia inizia ad arrabbiarsi e a parlare più forte. “I russi sono solo persone diverse. Terribile. I soldati di Luhansk e Donetsk che sono stati mandati qui sono stati i peggiori”.

“Qui l’inverno fa davvero freddo…”, dice Artem, un giovane. “Merda”, dice. “Avevo appena convertito il nostro generatore di casa in modo che funzionasse anche a gas anziché a benzina, ma ora non c’è più gas”. Pensa di stare meglio delle persone che vivono in un condominio. “Viviamo in una casa normale e possiamo fare qualcosa con una stufa a legna.”

Artem di Izium è preoccupata per il prossimo inverno.


Artem di Izium è preoccupata per il prossimo inverno.

Artem di Izium è preoccupata per il prossimo inverno.

Foto: Hans Jaap Melissen

Artem pensa che i negoziati con i russi debbano essere negoziati rapidamente. “Possono ancora farci tutto. Se vogliono, l’intera Ucraina sarà presto senza elettricità”. Non riesce a capire come dovrebbero essere questi negoziati. Preferirebbe anche andare all’estero, ma gli uomini della sua età non possono farlo. “Perché sarà un pasticcio qui a Izium per almeno tre anni.”

READ  Quasi tutti gli occupanti uccisi in un incidente aereo in Nepal | All'estero

Il vicesindaco Matsokin pensa che ci vorrà un anno o due prima che la vecchia normalità torni. “Sai qual è secondo me il problema più grande: in realtà devo lavorare di nuovo qui con persone che hanno lavorato con i russi”. Fa una brutta testa. “Non posso davvero fare nulla contro di loro, perché non c’è nulla nelle nostre leggi al riguardo”.

“Anche i miei nipoti, se un giorno odieranno i russi per sempre.”

Volodymyr Matsokin, vicesindaco di Izium

Ad esempio, cita insegnanti che sono andati in Russia, hanno ricevuto un certificato e hanno voluto insegnare un curriculum filo-russo a Izium. “Solo una minoranza l’ha fatto, ma comunque, come possono farlo? Quando so che anche i miei nipoti, se mai verranno, odieranno i russi per sempre”.

La prima linea si sta ora allontanando sempre più da Izium mentre i russi perdono terreno. In un negozio, i soldati fanno scorta di cibo e batterie per andare al fronte.

Il soldato Andry Denyschenko ha aiutato a liberare Izium e spera di fare lo stesso con più località. “Continueremo. Anche se Putin minaccia con tutti questi missili, o con qualcosa come Hiroshima. Alla fine, si danneggia principalmente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *