“Dimmi perché il Super Green pass…” – Libero Quotidiano

Una “storia che mi sconvolge” su Super Green Pass. E Luciana Littizzetto, una Che tempo fa su Rai3, dedica la sua lettera settimanale allo Stato e al governo. Il tema è quello del certificato verde rafforzato per i clienti, ma non per i dipendenti di ristoranti, cinema e bar. In altre parole: chi esce a mangiare ha l’obbligo di vaccinarsi contro il Covid, ma non i cuochi, i camerieri e i ristoratori.

Fabio Fazio ascolta e già frigge temendo il peggio Mario draghi e il ministro della Salute Roberto Speranza. “Perché? Perché? – chiede Littizzetto – Se in stazione è vietato fumare, io non fumo, ma non è che il capotreno si fa la pipa della pace salendo e scendendo dai vagoni. Sarebbe come se fossi per prendere un taxi dovevo mostrare la patente e l’autista ha bisogno solo del lenzuolo rosa. Intendo caro stato?”. “Stai calmo, stai calmo,” lo tranquillizza Fazio.

“Nel ristorante il contatto tra me e te è diretto – ribadisce Littizzetto –, il cuoco cucina, si tossisce in mano poi si affetta il polpo e si impana la milanese con il naso che cola, e io che ne so? E tu cameriere col naso che è la capoccetta della maschera e il dito infilato nel pane?”. “La Confesercenti dice che i titolari e i dipendenti sono quasi tutti vaccinati e sono persone serie. Lo penso anche io, ma è solo il virus solo un pochino *** lo prendo “.

Poi, l’alternativa dell’umorista torinese: “Il tampone va bene, ma con il menù del giorno mi porti anche i risultati dei tamponi di chi lavora, quindi mangio con calma”. Ultimo consiglio ai ristoratori: “Togliete dal muro le foto con i vip e mettete il cartello ‘qui abbiamo tutti il ​​pass verde’. Altrimenti noi clienti dovremmo fare una foto con la scritta’non voglio entrare qui‘”.

READ  "Fai diventare il mio sogno realtà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *