Disordini e malcontento, ma abbandonare la politica zero covid non è un’opzione per la Cina

SCIMMIA

Notizie ONS

  • Floris Armon

    Editore all’estero

  • Floris Armon

    Editore all’estero

In molti luoghi della Cina, questa settimana le persone sono scese in piazza in proteste insolitamente grandi per mostrare il loro disappunto per la rigida politica del coronavirus nel loro paese. Nel frattempo, le misure sono state allentate nelle città di Guangzhou e Chongqing. Anche altre grandi città non entreranno più in blocco totale, ha promesso il governo.

Lo stesso governo aveva precedentemente annunciato di voler venire incontro ai “massimi bisogni” della popolazione. La guida ha senso, dati i disordini sociali del paese e l’economia in difficoltà. Tuttavia, non è previsto che la Cina abbandoni completamente la cosiddetta politica zero-covid. I rischi sono troppo grandi per questo, teme il governo.

Minaccia di un milione di morti

Sebbene ci sia stata un’ampia campagna di vaccinazione, i cinesi non sono sufficientemente protetti contro il virus corona. Il vaccino cinese utilizzato ha funzionato in tempi relativamente brevi. “Il tasso di vaccinazione è basso, soprattutto tra gli anziani, e gli ospedali in Cina hanno troppo pochi letti IC”, afferma il sinologo Florian Schneider, direttore del Leiden Asia Center. “Se domani la Cina abbandona la politica zero covid, moriranno circa 1 milione di persone”.

L’economia cinese sta soffrendo a causa della rigida strategia della corona. Ma con una grande ondata di contagi, ospedali pieni e migliaia di morti, il Paese precipiterebbe in una crisi ancora più grave.

Foto inclinabile

Inoltre, per motivi di polizia, non sembra possibile che i vertici cinesi scendano a compromessi. Fino alla scorsa primavera, molti cinesi erano orgogliosi del “loro” approccio. Ci sono state poche infezioni e bassi tassi di mortalità.

Mentre di tanto in tanto una città o un quartiere doveva essere confinato, la vita nel resto del paese continuava. Il quadro dell’Europa e degli Stati Uniti, invece, è stato a lungo caotico: contagi massicci, molti morti, chiusure nazionali e un’economia stagnante.

Il governo cinese ha accolto con favore. È stata una conferma del punto di vista della Cina sui diritti umani, afferma il sinologo Schneider: “I diritti umani, secondo la Cina, riguardano prima di tutto la protezione del benessere fisico dei cittadini”.

È in gioco la legittimità del governo, inclusa la reputazione personale del presidente Xi Jinping.

Il sinologo Florian Schneider

L’orgoglio della popolazione ha lasciato il posto alla rabbia dalla primavera. Il blocco di mesi a Shanghai ha giocato un ruolo importante in questo. Ma anche in altre città le persone erano sempre più stufe di quelle che consideravano misure eccessivamente severe. Alcuni speravano che dopo il congresso del partito di ottobre ci sarebbe stato un po’ di relax. Quando ciò non è accaduto, è stato sufficiente per loro.

I disordini sociali porteranno effettivamente ad aggiustamenti a breve termine; anche il tono nei media cinesi sembra cambiare. Il sinologo Schneider semplicemente non pensa che l’approccio della Cina cambierà radicalmente. Almeno non a breve termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *