Distretto vicino all’importante città di Severodonetsk occupata dai russi | ADESSO

Una volta al giorno, NU.nl offre una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: la combattuta città ucraina di Severodonetsk si sta avvicinando sempre di più al punto di atterraggio. Unità dell’esercito russo hanno preso il controllo del distretto ucraino di Hirske, a due passi dalla strategica cittadina. Il primo ministro britannico Boris Johnson vuole anche aiutare l’Ucraina a liberare la costa meridionale del paese.

Secondo il capo distrettuale Oleksiy Babchenko, i combattimenti sono ancora in corso alla periferia di Hirske, ma non c’è dubbio che ora i russi abbiano il controllo. Il ministero della Difesa russo ha dichiarato venerdì di aver circondato una forza ucraina di 2.000 uomini, inclusi 80 combattenti dall’estero.

L’occupazione arriva in un momento delicato. All’inizio della giornata, il governatore Serhiy Gaidai della regione ucraina orientale di Luhansk aveva già affermato che non aveva più senso resistere. “Non ha senso aggrapparsi a posizioni che sono state assunte ma sono state abbattute, solo per poter rimanere lì (Severdonetsk, ndr).”

La preservazione della città era precedentemente considerata dal presidente Volodymyr Zelensky come cruciale per il futuro del bacino del Donets, la regione in parte controllata dai separatisti filo-russi dal 2014.

nugrafo


nugrafo

nugrafo

Johnson vuole aiutare l’Ucraina con lo sminamento

Il primo ministro britannico Boris Johnson vuole aiutare l’Ucraina a ripulire la costa meridionale del paese. Inoltre, intende offrire un’assicurazione alle navi che trasportano il grano del paese attraverso il Mar Nero per l’esportazione.

Dall’invasione russa, i porti dell’Ucraina meridionale sul Mar Nero sono stati bloccati. Praticamente nessun grano può lasciare il paese. Di conseguenza, 20 milioni di tonnellate (20 miliardi di chilogrammi) di grano sono ora stoccate nei silos ucraini e i prezzi dei generi alimentari stanno aumentando in tutto il mondo.

READ  Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità della situazione

Con l’aiuto delle Nazioni Unite, la Turchia sta cercando di mediare tra Russia e Ucraina e di rendere nuovamente possibili le esportazioni dai porti del Mar Nero. Mosca sta bloccando questo e vuole prima revocare una serie di sanzioni occidentali contro il paese.

La Russia fa sprofondare fino a 50 milioni di persone nella fame, affermano gli Stati Uniti

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che la guerra della Russia in Ucraina farà morire di fame 40-50 milioni di persone in tutto il mondo. Blinken ha accusato la Russia di questo venerdì durante una conferenza stampa con la sua controparte tedesca Annalena Baerbock.

Il segretario Usa confuta le accuse russe secondo cui le sanzioni occidentali sono alla radice dell’attuale crisi alimentare. “Non c’è altro motivo se non il blocco russo dell’Ucraina e il rifiuto russo di esportare il proprio grano per motivi politici”.

Baerbock ha affermato che i partner internazionali sono impegnati nella “guerra del grano” della Russia. La sua priorità ora è stabilire rotte di trasporto affidabili per ottenere quanto più grano possibile dall’Ucraina e affrontare l’insicurezza alimentare globale.

La Germania vorrebbe inviare più obici in Ucraina

Il governo tedesco vuole rafforzare l’artiglieria ucraina inviando più obici nel paese. Lo riferiscono fonti del ministero della Difesa tedesco. Le fonti riferiscono che Berlino è in consultazione con i Paesi Bassi e “un altro partner europeo”.

Germania e Paesi Bassi avevano già donato dodici obici corazzati all’Ucraina. I cannoni di artiglieria mobile possono colpire bersagli a 40 chilometri di distanza. Ogni obice è azionato da cinque soldati.

La Norvegia ha annunciato all’inizio di giugno di aver inviato 22 obici in Ucraina. Il paese ha fornito anche pezzi di ricambio e munizioni.

READ  Mike Pence ha parlato con Donald Trump | Buitenland

Zelensky apre il Festival di Glastonbury

Il presidente Zelensky ha aperto il Festival di Glastonbury in Gran Bretagna. Si è rivolto a decine di migliaia di spettatori in un videomessaggio, che è stato riprodotto su uno schermo prima dell’esibizione dei Libertines.

Il presidente ha detto, tra l’altro, che il festival è uno dei più grandi esempi di libertà. “E vi chiedo di condividere questo sentimento con coloro la cui libertà è minacciata”.

Zelensky ha anche chiesto ai partecipanti al festival di aiutare i rifugiati ucraini. “Premere tutti i politici che conosci per aiutare a portare la pace in Ucraina”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.