diversi attentatori suicidi-Corriere.it sono stati colpiti durante un raid

di Editoriale online

La grande esplosione è avvenuta nei pressi dell’aeroporto: almeno un bambino sarebbe rimasto ucciso. Non è chiaro se l’esplosione sia stata causata dal raid con cui gli Stati Uniti hanno eliminato “diversi attentatori suicidi diretti all’aeroporto”

La capitale afgana Accettazione è stato scosso intorno alle 14:30 ora italiana da a forte esplosione.

L’esplosione sarebbe stata causata da un razzo, che avrebbe colpito una casa a circa 5 chilometri dall’aeroporto. Nell’esplosione sono stati distrutti anche due veicoli. Al Arabiya, citando un capo della polizia afghana, parla di almeno un bambino ucciso.

Anche domenica dominano gli Stati Uniti un raid a Kabul, con un drone, contro obiettivi ISIS. Non è noto se questo raid abbia causato l’esplosione nei pressi dell’aeroporto.

Nel mirino del raid americano – come dichiarato dalle autorità americane – c’era diverso
attentatore suicida in un’auto che voleva colpire l’aeroporto di Kabul. “Siamo convinti di aver centrato l’obiettivo. Diverse potenti esplosioni secondarie, provenienti dal mezzo interessato, indicano la presenza a bordo di molto materiale esplosivo”, si legge nel comunicato americano. “Stiamo controllando se ci sono state vittime civili, anche se al momento non lo sappiamo”.

Va notato, ancora una volta, che al momento non è noto se l’esplosione a 5 km a nord-ovest dell’aeroporto e il raid americano siano lo stesso evento.

Terrore per “aereo carico di soldati colpito al decollo”

Ieri il presidente americano Joe Biden aveva qualificato come “probabile” un nuovo attentato all’aeroporto, dopo di che giovedi ha causato la morte di oltre 170 persone, tra cui 13 militari americani. Tra le possibilità di attacco indicate dalla Casa Bianca c’era anche quello effettuato con i missili.

READ  Caffè di cicoria: benefici, controindicazioni e come prepararlo

Due giorni fa, come mostrato chi, le autorità americane avevano fatto temere uno scenario da incubo – “quello di un aereo carico di marines colpito in decollo da un leggero missile terra-aria, da una raffica di mitragliatrice pesante, da un colpo di mortaio, o anche da ‘un vecchio RPG sovietico che può essere trovato in tutto il paese. Pesanti e goffi mercantili volano lenti, il decollo è la fase in cui sono più fragili», scriveva sul Corriere il corrispondente Lorenzo Cremonesi, e colpirli potrebbe non essere troppo difficile. Proprio in questi ultimi giorni di tensione zenitale, i piloti alleati in fase di atterraggio e decollo hanno sparato sempre più razzi, razzi termici pensati come contromisura contro i sensori missilistici. Ancora più importante, il cordone di sicurezza lungo il perimetro recintato con filo spinato e muri in cemento intorno all’area aeroportuale è stato allargato a oltre 500 metri”.

Biden e i corpi dei soldati

Biden, che ha dato il via libera a raid che causò la morte di due membri del Stato Islamico in Afghanistan Considerati “facilitatori” dell’attacco, ha anche spiegato in uno dei suoi messaggi che le operazioni contro i terroristi di Is-K continueranno.

Dopo il primo raid, i talebani hanno protestato negli Stati Uniti, sostenendo che l’attacco dei droni ha violato la sovranità dei talebani sull’Afghanistan.

Domenica, però, sono stati gli stessi talebani a formalizzare il raid Usa, poi confermato da fonti Usa.

Oggi, Biden per accogliere i corpi dei soldati morti a Kabul, dopo aver incontrato i loro familiari all’aeroporto di Dover, nel Delaware.

Civili e soldati rimasti all’aeroporto di Kabul

All’aeroporto di Kabul ci sono ancora circa mille civili in attesa di lasciare il paese. L’ingresso di altri civili è bloccato. Gli Stati Uniti hanno avviato l’evacuazione delle truppe: secondo il Segretario di Stato, Antony Blinken, “300 americani devono ancora essere evacuati”.

Sono terminate in questi giorni le missioni in altri Paesi, Italia compresa.

Articolo in aggiornamento…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *