Djokovic il ‘No vax’ – Le tappe della storia – Tennis

Novak Djokovic perde la sua partita più importante, la battaglia contro l’espulsione dall’Australia. Ecco il mese trascorso sulle montagne russe della racchetta numero 1 al mondo.

* 14 dicembre: Nole partecipa a una partita di basket a Belgrado da cui emergono diversi positivi al Covid.

* 16 dicembre: si sottopone al prelievo antigenico, sebbene sia asintomatico, che è negativo. Ma per più “cautela”, spiegherà poi, fa anche il tampone molecolare, al quale risulterà positivo.

* 17 dicembre: sta ancora incontrando un gruppo di giovani tennisti a Belgrado, ma dirà di non aver ancora avuto l’esito del tampone molecolare quando un altro test rapido è risultato negativo.

* 18 dicembre: concede un’intervista a un giornalista de L’Equipe. In seguito ha ammesso di essere a conoscenza di essere stato contagiato, ma non lo ha rivelato al giornalista per non “deluderlo” annullando l’intervista.

* 4 gennaio: conferma che si sta dirigendo agli Australian Open con un’esenzione medica in quanto non è vaccinato. Le regole, infatti, richiedono che i partecipanti siano vaccinati o esentati da esperti.

* 6 gennaio: L’Australia annuncia di aver cancellato il visto d’ingresso di Djokovic all’arrivo a Melbourne dopo averlo interrogato. Dopo la verifica, il campione conferma di non essere stato vaccinato. È stato trasferito in un centro di detenzione per migranti e i suoi avvocati hanno presentato ricorso.

* 9 gennaio: il governo respinge le argomentazioni degli avvocati secondo cui il giocatore era esentato dal vaccino perché aveva avuto il virus.

* 10 gennaio: il tennista vince il primo set contro il governo australiano. Il giudice ordina l’immediato rilascio e revoca l’annullamento del visto.

* 11 gennaio: Nole si allena mentre le autorità indagano se ha rilasciato una dichiarazione falsa quando è arrivata a Melbourne.

READ  Juventus-Spezia, allenamento ufficiale e diretta televisiva

* 12 gennaio: Djokovic ammette ‘errori’ nei suoi documenti di viaggio (dove diceva di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti quando in realtà si era recato in Spagna dalla Serbia) e nel suo comportamento. Gli avvocati si affrettano a spiegarsi in tribunale mentre il governo pensa di nuovo di annullare il visto.

* 13 gennaio: il campione serbo viene sorteggiato al primo turno degli Australian Open, ma resta l’incertezza sulla sua partecipazione.

* 14 gennaio: il governo annulla il visto per la seconda volta mentre gli avvocati fanno appello. La palla torna alla Corte Federale.

* 15 gennaio: Il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke giustifica la revoca del visto sostenendo che la presenza di Djokovic “potrebbe alimentare un senso di no vax”.

* 16 gennaio: Djokovic perde il match point contro il governo. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso e ne ha ordinato l’espulsione. Il fuoriclasse lascia l’Australia poche ore dopo, alla vigilia dell’apertura del torneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.