Documentario D’altra parte fa arrabbiare gli spettatori: “Il mio sangue bolle”

Documentario D’altra parte fa arrabbiare gli spettatori: “Il mio sangue bolle”

Nel suo nuovo documentario “Dall’altra parte”, Tim den Besten (34) indaga se le preferenze sessuali di una persona possono essere influenzate. Per farlo, partecipa a un convegno sulla terapia di conversione e dialoga con diversi “ex gay”. La sua paura di irritare gli omosessuali non è infondata: su Twitter la gente reagisce con disgusto ai commenti fatti al documentario.

“Non è chi sei veramente”

All’inizio del documentario, Tim dice di sapere che molti giovani hanno difficoltà a fare coming out, ma lui stesso non ne è stato infastidito. “Non ho mai avuto problemi. Conduco una vita felice come omosessuale, ma mi sono sempre chiesto perché uno è omosessuale e l’altro no. È stato stabilito dalla nascita o è arrivato molto dopo?”

anteprima in miniatura

Leggi anche:

Tim den Besten arriva con un documentario sulla preferenza sessuale

Per avere una risposta a questa domanda, si reca a un convegno internazionale a cui partecipano scienziati, terapeuti e cosiddetti “ex-gay”. Tutti sono favorevoli alla terapia di conversione. È un approccio che tenta psicologicamente di cambiare l’orientamento omosessuale o bisessuale di una persona in un orientamento eterosessuale.

anteprima in miniatura

Leggi anche:

Martien Meiland non lascia nulla di Tim den Besten intatto

Tim non è sicuro di cosa pensare della conferenza all’inizio. “In cosa mi sono cacciato?” si sta chiedendo. “Ex gay? Non so davvero cosa pensare. Da un lato, è un po’ spaventoso, tutte queste persone insieme. Ma dall’altro, mi sento anche a mio agio qui. All’inizio sono persone simpatiche così sguardo e non mi sento nemmeno minacciato”. Durante la conferenza, gli omosessuali sono convinti, tra le altre cose, che ci sono prove evidenti che l’attrazione e il comportamento sessuale possono essere regolati attraverso l’autocontrollo.

READ  Bloccato fuori dalla settimana della festa selvaggia: i migliori amici supportano Amalia dopo un inizio deludente della vita studentesca

Successivamente, Tim parlerà anche con l’organizzatore della conferenza Mike Davidson. In anticipo ha paura delle reazioni che avrà a questa conversazione. “Ho paura di far arrabbiare molte persone, specialmente i gay”, dice Tim.

Mike le dice che ha lottato con i sentimenti omosessuali per tutta la vita ed è andato in terapia per questo. Ora dice che non è più gay. “Non sto dicendo che l’omosessualità dovrebbe essere criminalizzata. Ma una certa parte della lobby LGBTI pensa che le nostre pratiche dovrebbero essere criminalizzate”.

anteprima in miniatura

Leggi anche:

Tim den Besten e Nicolas Veul ricevono la menzione d’onore

Durante il convegno i giovani parleranno anche di come sono diventati cristiani e quindi non hanno più “bisogno” dell’omosessualità o della disforia di genere. Quando questo viene discusso in seguito in un piccolo gruppo, un Victor dice che “i sentimenti omosessuali sono solo un sintomo”. “Non è quello che sei veramente.” Secondo lui, i sentimenti sono semplicemente rilasciati da qualcosa che è successo durante l’educazione. Parla anche un olandese, il quale dice che anche lui pensava di essere gay 25 anni fa, ma che ora è sposato con una donna da vent’anni. Quando Tim gli chiede se questo significa che non vedrà mai più un bel ragazzo, lui risponde: “Sì, certo che lo faccio. Solo in passato, quando ho visto un bel ragazzo, mi sono subito eccitato. . la sensazione: devo fare qualcosa al riguardo. Non più.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *