Da lunedì squadra di supporto alle vittime del caso indennità |  Interno

Da lunedì squadra di supporto alle vittime del caso indennità | Interno

Dal 4 aprile potranno iscriversi direttamente a questa squadra. “Il team include consulenti di processo che forniscono un orecchio in ascolto ai genitori colpiti. Mappano la situazione di questi genitori e bambini”, riferisce il Ministero della Giustizia e della Sicurezza.

Vengono quindi impiegati consulenti di processo e fornitori di assistenza per esaminare ulteriormente ciò che è necessario per supportare genitori e bambini. In questo modo si possono acquisire nuove conoscenze e cercare soluzioni e possibilità ancora sconosciute per migliorare le condizioni di vita o la situazione familiare.

“Profonda impressione”

Il ministro Weerwind ne ha parlato alle vittime. “Le loro storie su come il caso dei sussidi abbia contribuito alla situazione in cui si sono trovati con le loro famiglie mi hanno impressionato profondamente. Voglio fare le cose per bene per questi genitori e bambini. Lo dobbiamo anche a loro. »

I genitori hanno anche diritto al gratuito patrocinio se desiderano impugnare un collocamento in custodia di polizia.

I provvedimenti arrivano su insistenza della Camera dei Deputati, che da tempo disonora i collocamenti fuori casa. Lo scorso ottobre, l’Ufficio centrale di statistica ha annunciato che in passato più di 1.100 bambini delle vittime del caso delle indennità erano stati allontanati dalle loro case. La Camera vuole anche un’indagine indipendente, al di fuori degli ispettorati per la protezione dei giovani e la giustizia, su come ciò sia potuto accadere. Weerwind ne discuterà con la Camera.

Il deputato Pieter Omtzigt non è soddisfatto della proposta di Weerwind e vuole discuterne. “È doloroso vedere che il governo non è ancora in grado di riferire se un bambino è tornato dai genitori. E che non viene proposta alcuna indagine indipendente. Secondo il parlamentare, la lettera del ministro “non è l’inizio di una soluzione, ma piuttosto un modo in cui la grande sofferenza continuerà negli anni a venire”. “È spaventoso che un governo caduto nella trappola di questo scandalo non lo stia affrontando adeguatamente”.

READ  Gli agricoltori della Gelderse Vallei non si fidano del programma di riscatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *