“Dopo la terza dose, la quarta e la quinta: un vaccino ogni sei mesi per sconfiggere il Coronavirus”

Robert Redfield è un virologo e fino a pochi mesi fa era a capo dei Centers for Disease Control negli Stati Uniti. Oggi è anticonsulente Covid-19 per il governatore del Maryland e in un’intervista con Repubblica delinea i dettagli del prossimo futuro con il Coronavirus: “Per sconfiggere un virus bisogna anche fidarsi dell’istinto, essere creativi, giocare controcorrente. Fauci preferisce ricevere più statistiche e informazioni. Ma non possiamo perdere tempo qui. Il terzo vaccino dovrebbe essere incoraggiato. Avrei voluto che lo dicessero più chiaramente”. Per Redfield, “dobbiamo ampliare i parametri di conoscenza intorno al virus. I vaccini sono molto utili, ma col tempo perdono la loro efficacia. La guerra contro un virus continuerà ancora per molto tempo. Dopo Omicron avremo un’altra variante, più agile. In Delta, la proteina spike aveva 3 mutazioni rispetto alla variante originale. Omicron ne ha 30! Dobbiamo abituarci a convivere con il virus. È possibile”.

Tipo, come? “Il vaccino è più o meno efficace a seconda della forza immunitaria del soggetto. La mia proposta è di lavorare sui diversi aspetti immunitari tra di noi. Rendi obbligatorio un test di controllo degli anticorpi con scadenze di tre o sei mesi. In questo modo sapremo se hai bisogno di un vaccino ogni tre o sei mesi. Calcolo il livello minimo di resistenza tra 300-500 anticorpi, senza altre patologie. A 1000 anticorpi, è molto più sicuro. Consenti ai tuoi lettori di eseguire immediatamente un test anticorpale per determinare a quale livello si trovano e se hanno bisogno di richiamare immediatamente, il che può produrre fino a circa 2.500 o più. Attenzione, Omicron non è più pericoloso, è solo più veloce, ha maggiori capacità di contagio, può spaventare. Evitiamo il caos, puntiamo alla convivenza controllata con il virus. L’obiettivo è la normalità, non si torna indietro. E possiamo farlo”.

READ  La Francia vuole che l'Unione Europea usi di più il francese

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *