Dopo un anno pieno di tensioni, come entra Taiwan nel 2023?

Dopo un anno pieno di tensioni, come entra Taiwan nel 2023?

Notizie ONS

  • Sjoerd den Daas

    Corrispondente dalla Cina

  • Sjoerd den Daas

    Corrispondente dalla Cina

“Una decisione difficile”, ha detto Tsai Ing-wen alla conferenza stampa in cui ha annunciato che avrebbe esteso la coscrizione a un anno. Ritiene che i quattro mesi attualmente applicabili siano insufficienti. “In qualità di presidente e capo delle forze armate, è mio dovere ineludibile difendere i nostri interessi nazionali e il nostro stile di vita democratico”, ha detto Tsai.

Non solo l’esercito, ma anche i civili si stanno preparando per ciò che nessuno si aspetta.

Come braccia e gambe apparentemente gravemente mutilate, giacciono sparse per la palestra. Tubi bianchi con ferite di carne artificiale, da cui sgorga il finto sangue rosso. Quando uno dei partecipanti a un tutorial spinge una benda in profondità nella ferita artificiale, l’istruttore urla.

Dovrebbe essere il più realistico possibile qui in questo corso di primo soccorso di guerra. “Qui impariamo cosa possiamo fare per evitare la perdita di sangue”, dice uno degli studenti, che si è appena messo un laccio emostatico.

  • Sjoerd den Daas

    Studenti in azione
  • Sjoerd den Daas

  • Sjoerd den Daas

“Le persone devono essere preparate”, è la ferma convinzione di Enoch Wu, fondatore di Forward Alliance, un think tank che organizza i workshop. “Un terremoto, o un evento come in Ucraina”, si riferisce al possibile promontorio per Taiwan. Pechino ha più volte indicato di voler “riunire” con la forza, se necessario, l’isola indipendente de facto alla terraferma cinese.

Ogni mattina, a volte nel cuore della notte, sento il rombo dei motori degli aerei.

Il parlamentare Wang Ting-yu

Taiwan è abituata a qualcosa. Sull’isola non c’è panico, anche se nessuno nega che la minaccia cinese stia aumentando a vista d’occhio. All’inizio di questa settimana, Pechino ha inviato un numero record di aerei in volo sulle acque intorno a Taiwan. 43 di loro hanno attraversato la linea di mezzo non ufficiale tra Cina e Taiwan.

“La mia casa è di fronte alla base aerea di Tainan”, ha detto il parlamentare Wang Ting-yu nel suo ufficio dello Yuan legislativo, il parlamento di Taiwan. “Ogni mattina, a volte nel cuore della notte, sento il rombo dei motori degli aerei.” Aerei taiwanesi che entrano in azione quando la Cina si presenta nello Stretto di Taiwan. “Mio figlio è solo alle elementari. Anche lui lo sa: l’Esercito popolare di liberazione ci sta tormentando di nuovo”.

Scusa Pechino

La minaccia cinese è parte integrante della vita quotidiana, vorrebbe dire il politico del DPP Wang. Le tensioni sono scoppiate di nuovo la scorsa estate quando la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato Taipei. Già allora l’Esercito Popolare di Liberazione era minaccioso, in mare e in aria. I razzi sono stati lanciati dalla terraferma e sono atterrati in mare.”La visita di Pelosi era solo una scusa per Pechino”, ha detto Wang.

Per far fronte alla crescente minaccia, la coscrizione è ora in fase di estensione. A partire dal 2024, tutti i maschi nati dopo il 1 gennaio 2005 devono prestare servizio per un anno. “La pace non può essere data per scontata”, ha detto Tsai. “Nessuno vuole la guerra. Ma solo preparandoci per una guerra possiamo evitarla. Solo essendo in grado di combattere una guerra possiamo fermarne una.” Un esercito più forte e meglio equipaggiato dovrebbe semplicemente scoraggiare la Cina.

READ  Ucraina, gli Usa sanzionano due deputati: "Hanno cospirato con i servizi russi per prendere il controllo del governo"

Dobbiamo inviare un segnale chiaro a Xi Jinping: se lancia un’invasione su vasta scala, fallirà.

Wang Ting-yu, parlamentare taiwanese

“Un compito difficile”, dice Wang. “Anche se potessimo vincere, una guerra in questa regione ucciderebbe l’economia mondiale. Dobbiamo inviare un segnale chiaro a Xi Jinping: se lancia un’invasione su vasta scala, fallirà. Le capacità di autodifesa di Taiwan saranno quindi aumentate. Poi Wang estrae una pistola dalla sua scrivania: “Non una vera”, ride. “Stiamo cercando di allestire centri di addestramento per i civili in tutto il paese”.

L’esercito taiwanese ha meno di 200.000 soldati, meno del 10% dell’Esercito popolare di liberazione cinese. I riservisti, circa 2,3 milioni in totale, sono per lo più non addestrati. “Dobbiamo migliorarli, portare più donne nell’esercito. Imparano a sparare, a mirare”, ha detto Wang. “Speriamo di no, ma se ciò accade devono sapere cosa possono fare. L’America è il nostro partner più forte, ma alla fine dobbiamo essere in grado di difendere la stessa Taiwan”.

Molti disastri

Per la maggior parte dei cittadini, questo non è il motivo principale per frequentare il laboratorio di primo soccorso. “Taiwan ha attraversato molti disastri ultimamente”, ha detto Scott, uno dei tanti giovani che si sono iscritti, nel suo primo giorno di allenamento. “Terremoti, deragliamenti di treni. Penso che sia importante imparare cosa posso fare in questi casi per aiutare gli altri e me stesso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *